Poster un message

En réponse à :
Pianeta TERRA e UmaNITA’. Per il dialogo, quello vero.....

MYANMAR, EX BIRMANIA. YANGON. I MILITARI ATTACCANO. MOBILITAZIONE INTERNAZIONALE A FIANCO DEI MONACI BUDDISTI IN TESTA AL MOVIMENTO DI DEMOCRATIZZAZIONE E DELLA VOLONTA’ DI PACE E DI DIALOGO DI AUNG SAN SUU KYI. Si prepara condanna ONU - a cura di pfls

samedi 6 octobre 2007 par Maria Paola Falchinelli
MYANMAR : ATTIVISTI PER DEMOCRAZIA AL TIMES, COMBATTEREMO FINO ALLA MORTE
Londra, 6 ott. - (Adnkronos) - "Combatteremo fino alla nostra o alla loro morte". E’ questo il grido, disperato e determinato, lanciato da due attivisti birmani per la democrazia, che hanno contattato il Times di Londra dal loro nascondiglio nello stato meridionale birmano di Mon. "Abbiamo bisogno di un grande aiuto da parte della comunita’ internazionale, ma non ci arrenderemo" - affermano Myint Htoo Aung e la signora (...)

En réponse à :

> MYANMAR, EX BIRMANIA. YANGON. I MILITARI ATTACCANO. MOBILITAZIONE INTERNAZIONALE A FIANCO DEI MONACI BUDDISTI IN TESTA AL MOVIMENTO DI DEMOCRATIZZAZIONE E DELLA VOLONTA’ DI PACE E DI DIALOGO DI AUNG SAN SUU KYI. --- La giunta militare non si piega. Nuove sanzioni Ue contro i generali.

mardi 16 octobre 2007


-  La giunta militare al potere "tirerà dritto" come stabilito
-  giura di resistere a oltranza e nega che ci siano prigionieri politici

-  Birmania, il regime non si piega
-  "Non c’è alcuna ragione di cambiare"

Nuove sanzioni Ue contro i generali. Il Giappone revoca gli aiuti *

RANGOON - La giunta al potere in Birmania ha rilanciato la sfida alla comunità mondiale, giurando di resistere a oltranza e insistendo di voler "tirare dritto" e "rimanere in marcia" come stabilito. Il regime militare ha ribadito che non ha alcun motivo di "cambiare direzione", nonostante le azioni della comunità internazionale per far cessare la repressione nel Paese asiatico. "Noi andremo avanti. Non ci sono ragioni per cambiare direzione" ha scritto il quotidiano New Light of Myanmar organo della giunta precisando : "Elimineremo tutti gli impedimenti e gli ostacoli che si frapporranno davanti a noi".

"Non ci sono prigionieri politici". Attraverso i mass media ufficiali la giunta al potere ha quindi negato che in Birmania vi siano prigionieri politici, malgrado le comprovate notizie delle migliaia di arresti effettuati nelle ultime settimane, in concomitanza con la feroce repressione delle proteste di piazza per la democrazia, e a dispetto delle ben nota detenzione domiciliare cui è costretta dal 2003 la leader dell’opposizione, Aung San Suu Kyi, premio Nobel per la Pace 1991.

Inoltre, commentando la dichiarazione adottata l’11 ottobre al consiglio di Sicurezza dell’Onu, che deplorava la repressione di fine settembre, il giornale ha rilevato : "Questa dichiarazione non è una fonte di inquietudine per noi" poiché la situazione in Birmania "non costituisce in nulla una minaccia alla pace e alla sicurezza regionale e internazionale" ; non "c’è quindi alcuna ragione" perché l’Onu avvii una qualsiasi azione contro di noi.

Nuove sanzioni Ue. Ieri l’Unione Europea aveva imposto nuove sanzioni contro i generali birmani, varando l’embargo sulle esportazioni di legname, pietre preziose e metalli dal Paese asiatico, e minacciando ulteriori misure punitive ; il presidente americano George W. Bush a sua volta si era appellato per una "enorme pressione internazionale", onde rafforzare l’ostracismo.

Giappone revoca aiuti. Intanto oggi il Giappone ha revocato una serie di aiuti allo sviluppo in Birmania come protesta per le sanguinose repressioni della protesta popolare nelle quali, tre settimane fa, è rimasto ucciso anche un videocronista nipponico. Si tratta di 552 milioni di yen (circa 3,3 milioni di euro) destinati in prevalenza alla costruzione di un centro di formazione professionale. Proseguirà invece l’assistenza in altri settori puramente umanitari come i programmi di vaccinazione dei bambini tramite l’Unicef, il fondo dell’Onu per l’infanzia.

Nell’annunciare la revoca, il ministro degli Esteri Masahiko Komura ha nuovamente espresso la "forte preoccupazione" di Tokyo circa la democratizzazione e la situazione dei diritti umani in Birmania. Il Giappone, ha detto Komura, continuerà a intensificare gli sforzi per convincere il governo birmano ad ascoltare il messaggio della comunità internazionale e ad avanzare verso una vera democratizzazione.

* la Repubblica, 16 ottobre 2007.


Ce forum est modéré à priori : votre contribution n'apparaîtra qu'après avoir été validée par un administrateur du site.

Titre :

Texte de votre message :
(Pour créer des paragraphes, laissez simplement des lignes vides.)

Lien hypertexte (optionnel)
(Si votre message se réfère à un article publié sur le Web, ou à une page fournissant plus d'informations, veuillez indiquer ci-après le titre de la page et son adresse URL.)
Titre :

URL :

Qui êtes-vous ? (optionnel)
Votre nom (ou pseudonyme) :

Votre adresse email :