Poster un message

En réponse à :
Dopo Copernico, dopo Darwin e dopo Freud, ancora e sempre "platonismo per il popolo" (Nietzsche).

LA NATURA UMANA, IL CANNIBALE E LE PRETESE METAFISICHE DELLA "SECONDA - E TERZA - NAVIGAZIONE" (EDIPICO-CATTOLICA). Un intervento del filosofo cattolico Robert Spaemann - a cura di pfls

vendredi 2 novembre 2007 par Maria Paola Falchinelli
CONTRO LA FEDE CRITICA DELL’ILLUMINISMO, A DIFESA DELLA PIRAMIDE DEI FARAONI, SCATENATA LA MALAFEDE ’CATTOLICA’ . Una ’sconcertante’ intervista del prof Giovanni Reale a cura di Armando Torno
LA TEOLOGIA DEL MENTITORE, LA CHIESA DI COSTANTINO, E LA SOVRANITA’ DEL PAPA.

intervento
Il cannibale e la libertà
Se non esiste il riconoscimento di una comune e intangibile natura umana, allora nessun limite è sicuro e tutto è permesso : anche (...)

En réponse à :

> LA NATURA UMANA, IL CANNIBALE E LE PRETESE METAFISICHE DELLA "SECONDA - E TERZA - NAVIGAZIONE" (EDIPICO-CATTOLICA). ... Il padre dell’illuminismo tedesco : Christian Thomasius (1655-1728).

samedi 3 novembre 2007

Ecco la gaia etica di Thomasius

Per la prima volta in italiano l’opera del pensatore tedesco, teorico di una morale secondo « sana ragione » convergente con le Sacre Scritture

di FRANCESCO BELLINO (Avvenire, 03.11.2007)

Delle opere degli illu­ministi tedeschi esi­stono poche tradu­zioni in lingua italiana ; del suo fondatore, Christian Thomasius (1655-1728), neppure una. Ora Raffaele Ciafardoni, ordinario di Sto­ria della filosofia moderna all’Università di Chieti-Pe­scara, ha curato e tradotto l’opera di Thomasius, Intro­duzione alla dottrina dei co­stumi. La distinzione tra mo­rale e diritto fu approfondita a tal punto da Thomasius da determinare le categorie auto­nome e specifiche della giuridicità (intersog­gettività, esteriorità, coercibilità). Il diritto na­turale non è più considerato un diritto vero e proprio, ma un consilium, perché non vi è al­cuna istituzione che lo possa imporre dall’e­sterno tramite organi coercitivi. Egli distinse tre principi fondamentali dell’attività umana : l’honestum (« Fa’ a te stesso quello che vuoi che gli altri facciano a se stessi »), il justum (« Non fare all’altro quello che non vuoi sia fat­to a te »), il decorum (« Fa’ agli altri quello che vuoi che altri facciano a te »). Tali principi cor­rispondono rispettivamente alla morale, al di­ritto e alla politica.

L’ Introduzione alla dottrina dei costumi fu pubblicata nel 1692 e fino al 1726 ebbe sette edizioni in tedesco e una in latino. Il tema cen­trale dell’opera è l’amore razionale : l’arte di a­mare in modo razionale e virtuoso è l’unico mezzo per giungere a una vita felice, galante e gioconda. Quella di Tho­masius vuol essere un’etica ’umana’, fondata esclusiva­mente sulla « sana ragione » e avente come oggetto l’amo­re umano inteso come amo­re del prossimo. La sana ra­gione è la facoltà, comune a tutti gli uomini, su cui si fon­dano le poche verità sempli­ci che sono inattaccabili dal dubbio e dalla critica ; nel campo morale, insegna che la vita è il fondamento di o­gni bene e che pertanto oc­corre mantenerla, favorendo le attività che la incrementano ed evitando quelle che la diminuiscono o la distruggono. Il sommo bene è ciò conserva e accresce le potenzialità umane.

La natura dell’uomo, come quella di tutte le cose, consiste in un movimento continuo, che ha ricevuto da Dio una certa misura e un cer­to modo che consentono all’uomo di passa­re da un essere imperfetto a un essere perfet­to. L’esercizio dell’etica è come un farmaco contro l’amore irrazionale, che nasce dalle tre passioni disordinate : la cupidigia, l’ambizio­ne e l’avarizia. La massima felicità non consi­ste nella salute, né nella virtù, ma nella tran­quillità o giocondità dell’animo. « La tranquil­lità dell’animo non può esistere senza dilet­to, il diletto senza l’amore per altri uomini, questo amore senza l’unione degli animi, e questa unione senza lo sforzo reciproco di cercare di compiacere alla persona amata, an­che trascurando il suo proprio ».

« L’amore razionale altro non è che un’unione di animi eguali che pos­siedono il sommo be­ne ». L’animo tranquillo è come l’acqua di un fiume che scorre placi­do e silenzioso. La tran­quillità dell’animo non comporta indifferenza o isolamento dagli altri, né l’imperturbabilità del saggio di fronte alle vicissitudini della vita, ma si realizza in un rap­porto positivo con chi abbia la stessa disposi­zione d’animo, nella dimensione sociale, che è costitutiva del­l’uomo, dell’amore re­ciproco.
-  Non è l’intelletto, ma la volontà la facoltà più nobile dell’uomo. L’at­tività pratica ha in Thomasius il primato su quella teoretica, anche nel rapporto dell’uo­mo con Dio. Ricollegandosi ad Agostino, a Scoto e a Occam, Thomasius concepisce Dio più come creatore e conservatore dell’essere che come puro intelletto infinito. « Essendo creatore, Dio è anzitutto onnipotente e vo­lontà infinitamente buona, la quale coman­da all’uomo di essere amato, piuttosto che es­sere conosciuto nella sua essenza. Dunque la relazione uomo-Dio è pratica, non teoretica ; essa richiede - commenta Ciafardoni nella sua introduzione - amore fervido e ubbi­dienza incondizionata, non contemplazione metafisica ». L’etica ’umana’ è di­stinta ma non in con­trapposizione all’etica ’divina’, fondata sulla rivelazione e avente per oggetto l’amore so­prannaturale. Thoma­sius si auspica, al ter­mine della sua ricerca, di mostrare in un trat­tato specifico che in tutti i suoi scritti filoso­fici non ha insegnato « nient’altro che quan­to concorda con la Sa­cra Scrittura, quando essa parla di saggezza e virtù filosofiche, e co­me la mancanza e l’im­perfezione che si trova­no nella saggezza natu­rale e nella virtù filoso­fica debbano essere in­tegrate dalla saggezza divina dei veri cristia­ni. In una parola : sono deciso a mostrare - af­ferma il padre dell’illuminismo tedesco, smentendo il riduzionismo laicistico - che la vera filosofia deve essere invero una manu­duction e una guida alla teologia, ma che in e per se stessa è impotente a conseguire la teo­logia ».

-  Christian Thomasius
-   INTRODUZIONE ALLA DOTTRINA DEI COSTUMI
-  Testo tedesco a fronte
-  Sigraf. Pagine 391. Euro 31,20


Ce forum est modéré à priori : votre contribution n'apparaîtra qu'après avoir été validée par un administrateur du site.

Titre :

Texte de votre message :
(Pour créer des paragraphes, laissez simplement des lignes vides.)

Lien hypertexte (optionnel)
(Si votre message se réfère à un article publié sur le Web, ou à une page fournissant plus d'informations, veuillez indiquer ci-après le titre de la page et son adresse URL.)
Titre :

URL :

Qui êtes-vous ? (optionnel)
Votre nom (ou pseudonyme) :

Votre adresse email :