Inviare un messaggio

In risposta a:
2008. Lavoro insicuro? Vincano i diritti

MORTI BIANCHE. All’Italia il terribile primato europeo delle vittime sul lavoro. Messaggio del Presidente Napolitano al Presidente dell’Inca-Cgil - a cura di Federico La Sala

martedì 5 febbraio 2008 di Maria Paola Falchinelli
[...] La campagna di comunicazione che presenta oggi l’Inca-Cgil, importante componente del movimento sindacale e del mondo del lavoro, offre un prezioso contributo per la diffusione e l’affermazione di una radicata cultura sulla salute e sulla sicurezza nel lavoro. Auspico che lo slogan della vostra campagna ’Lavoro insicuro? Vincano i diritti’, il disegno strappato del bambino che trasmette con efficacia le tragiche conseguenze, anche familiari, del ’lavoro insicuro’, le varie iniziative (...)

In risposta a:

> MORTI BIANCHE. All’Italia il terribile primato europeo delle vittime sul lavoro. --- MOLFETTA. ....Comune proclama lutto fino ai funerali. Prodi incontra i parenti delle vittime. Il pm apre l’inchiesta: l’ipotesi di reato omicidio colposo plurimo

martedì 4 marzo 2008


-  Si aggrava il bilancio della strage sul lavoro, provocata dalle esalazioni
-  di una cisterna per lo zolfo. I dipendenti non indossavano protezioni

-  Molfetta, le vittime salgono a cinque
-  morto anche l’operaio ventenne

-  Comune proclama lutto fino ai funerali. Prodi incontra i parenti delle vittime
-  Il pm apre l’inchiesta: l’ipotesi di reato omicidio colposo plurimo

BARI - Non ce l’ha fatta, la quinta persona di Molfetta rimasta intossicata sul lavoro, ieri, dalle esalazioni di zolfo fuoriuscite durante le operazioni di lavaggio di un’autocisterna. All’alba Michele Tasca, operaio, vent’anni, morto. Il giovane era ricoverato nel reparto di rianimazione dell’ospedale di Monopoli (Bari) per le lesioni ai polmoni provocate dall’inalazione di gas da zolfo. E intanto, la Procura ha aperto un fascicolo: l’ipotesi di reato omicidio colposo plurimo.

Le altre vittime della strage sono gli operai Guglielmo Mangano, 43 anni, e Luigi Farinola, 36 anni; il camionista Biagio Sciancalepore, 22 anni; e il titolare dell’azienda, Vincenzo Altomare, di 63 anni. Il Comune di Molfetta ha proclamato il lutto cittadino da oggi fino al giorno dei funerali dei cinque lavoratori del Truck Center.

Nel pomeriggio il presidente del Consiglio, Romano Prodi, si recato a Molfetta dove ha incontrato i parenti delle vittime. Nel palazzo del Comune stato accolto dal commissario straordinario, Antonella Bellomo, dal presidente della Regione Puglia Nichi Vendola e dal vescovo Luigi Martella.

L’incidente avvenuto ieri pomeriggio, intorno alle 15.30, presso la Truck Center, azienda specializzata nella manutenzione e nel lavaggio di grossi automezzi. Nel corso di quella che avrebbe dovuto essere un’operazione di routine, la pulitura di una cisterna vuota utilizzata per trasportare zolfo: lo ha confermato questa mattina anche il legale dell’azienda, l’avvocato Bepi Maralfa. Secondo il quale venivano rispettate tutte le norme di sicurezza previste.

Ieri, invece, la tragedia: Mangano viene risucchiato all’interno, gli altri, nell’inutile tentativo di salvarlo, perdono la vita. Vittime delle esalazioni velenose. Un solo sopravvissuto, Tasca, ricoverato in ospedale in gravissime condizioni. Ma questa mattina, anche lui non ce l’ha fatta.

Sulla strage, la Procura della Repubblica presso il tribunale di Trani - col pm Giuseppe Maralfa - ha aperto l’inchiesta (contro ignoti) per omicidio colposo plurimo. In attesa degli esiti, c’ da registrare il fatto che nessuna delle vittime indossava uno scafandro o una mascherina. E anche che era classificato come "prodotto altamente tossico" il contenuto della cisterna: la definizione contenuta nella bolla di accompagnamento del quale era corredato il mezzo, e che stata acquisita dagli inquirenti.

Proprio in queste ore i carabinieri stanno studiando a fondo normative e decreti sui lavaggi di cisterne, per capire se ci siano state violazioni delle procedure obbligatorie di sicurezza.

* la Repubblica, 4 marzo 2008


Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Titolo:

Testo del messaggio:
(Per creare dei paragrafi separati, lascia semplicemente delle linee vuote)

Link ipertestuale (opzionale)
(Se il tuo messaggio si riferisce ad un articolo pubblicato sul Web o ad una pagina contenente maggiori informazioni, indica di seguito il titolo della pagina ed il suo indirizzo URL.)
Titolo:

URL:

Chi sei? (opzionale)
Nome (o pseudonimo):

Indirizzo email: