Poster un message

En réponse à :
EUROPA. Memoria della Libertà e della Liberazione ...

ELEZIONI. PARTITI E "LOGO" : "FORZA ITALIA" HA FATTO "SCUOLA AL CENTRO". E’ NATO UN "NUOVO" PARTITO : "LA ROSA BIANCA" DI BACCINI, PEZZOTTA E TABACCI. In Italia, però, esiste già un’associazione prestigiosa che si chiama Rosa Bianca. Contro l’appropriazione del Nome, la Voce di Fiore esprime la sua massima solidarietà all’Associazione - a cura di pfls

Nome che si ispira, come è noto, alla memoria della Weisse Rose tedesca, il gruppo di studenti oppositori del nazismo, e condannati a morte dal Fuhrer.
mardi 12 février 2008 par Maria Paola Falchinelli
[...] Ad animare la battaglia per la tutela del nome, nella sua versione italiana, è la presidente dell’associazione, Grazia Villa. Che per sostenere le ragioni sue e del gruppo che rappresenta sta organizzando campagne via mail, e iniziative di protesta varie. "In qualità di presidente della Rosa Bianca - ha scritto - associazione di cultura e formazione politica, esistente e operante in Italia dai primi anni Ottanta, apprendo con vivo stupore la notizia dell’utilizzo del nome per la (...)

En réponse à :

> ELEZIONI. PARTITI E "LOGO" : "FORZA ITALIA" HA FATTO "SCUOLA AL CENTRO". E’ NATO UN "NUOVO" PARTITO : "LA ROSA BIANCA" DI BACCINI, PEZZOTTA E TABACCI. .... LA ROSA RUBATA : TABACCI, BACCINI E PEZZOTTA COME GLI STUDENTI TEDESCHI TRUCIDATI DAI NAZISTI ? AGGIORNAMENTI DALL’ASSOCIAZIONE - ROSA BIANCA,

vendredi 22 février 2008

AGGIORNAMENTI DALL’ASSOCIAZIONE - ROSA BIANCA

Carissime e carissimi,

ho atteso qualche giorno nell’inviarVi questa mia lettera di aggiornamento, essendo difficile sintetizzare il lavoro svolto e le decisioni prese in questi giorni così impegnativi e convulsi, perchè gli eventi si sono succeduti molto rapidamente ed il tempo per adeguare le mosse è stato ristrettissimo.

Voglio ringraziare tutti coloro che ci hanno contattato attraverso il sito, che hanno manifestato solidarietà e che si sono resi disponibili ad attivarsi per la tutela dell’onore e del decoro della nostra piccola, grande storia.

A) TUTELA DEL NOME

Molti di voi ci hanno sollecitato ad intraprendere un’azione legale per tutelare il nostro nome. Abbiamo tentato ogni strada per evitarlo, sia contattando direttamente gli interessati per chiedere loro di desistere dallo "scippo", sia inviando loro una prima diffida a non utilizzare il nome della Rosa Bianca e una seconda al gestore del sito copiato, per chiedere la modifica dell’intestazione.

Come tutti avrete notato dopo la scelta del nome "Una rosa per l’Italia", preannunciato da Pezzotta a Giovanni Colombo, come un suo apprezzato contributo personale nella direzione di risolvere pacificamente la questione, cambiamento che ci aveva illuso, ci siamo accorti subito che tutta la stampa, come era prevedibile non solo per la facilità del nome e per il suo valore evocativo, ma anche per l’inserimento del fiore nel simbolo, ha continuato e continua ad usare il nome Rosa Bianca.

Evidentemente se il problema si fosse limitato a questo avremmo dovuto attivarci, e possiamo comunque farlo, per richiedere direttamente, con un comunicato stampa, di non utilizzare il nome Rosa Bianca (N.B. Vedi in fondo tra le proposte).

In realtà abbiamo dovuto constatare che i nostri "amici" hanno continuato ad autodefinirsi nelle interviste televisive e cartacee con il nome" Rosa Bianca" e con apertura di ben tre siti con lo stesso nome.

A questo punto e non avendo avuto riscontro alle nostre diffide abbiamo dato mandato per promuovere un’azione inibitoria.

La scelta del collegio difensivo è scaturita da una personale disponibilità a tutelare i nostri diritti del Prof. Valerio Onida, persona molto stimata per le cariche ricoperte alla Corte Costituzionale e per la serietà del suo impegno politico e civile. Il prof. Onida ha chiesto di essere affiancato anche dallo studio del Prof G. Ghidini, uno dei più rinomati studiosi di tutela del nome, dei marchi e brevetti. Anche lo studio dell’avvocato N.Lipari di Roma, amico della Lega Democratica, giurista molto noto e stimato, è stato incluso nel collegio difensivo.

La quantificazione dei costi ha fatto ritenere che ci fosse una proporzione tra i mezzi da utilizzare (somme di denaro da raccogliere ed energie delle persone !) e i fini da perseguire (la tutela di un significativo patrimonio spirituale, civile e politico).

Chiediamo quindi a ciascuno un aiuto economico, naturalmente a seconda delle proprie possibilità, che possa consentire di far fronte alle spese legali.

Il versamento potrà essere effettuato sul conto corrente postale n. 17173600 intestato a Paolo Pizzichini, Via Martiri della Resistenza 34 - 60015 Falconara (AN).

Sullo stesso conto si può versare la quota di adesione all’Associazione (15€ ordinaria, 25€ famiglia, 50 € sostenitore), che vi invito a rinnovare.

B) INIZIATIVE

L’azione migliore, quella più efficace, in ogni caso è quella di continuare ad esserci, ad ESISTERE, magari trasformando questo risveglio di passioni in un futuro associativo vivo, scattante, fresco, non muffo, sia durante sia dopo le elezioni ed indipendentemente dal loro esito.

Per noi è sempre stato così : quando Ë stato necessario negli anni ottanta mettevamo già al centro il problema del cittadino come arbitro o la questione morale ; negli anni novanta proclamavamo la necessità "di rompere le connivenze" ed in seguito con l’avvento del berlusconismo, denunciavamo con Dossetti tutti i pericoli per la democrazia ; nei primi anni 2000, richiamavamo l’esigenza di tornare alle fonti, di ripensare la politica nell’ottica di un neo personalismo comunitario...ed oggi ???

Quali le nostre priorità, le nostre parole, quelle che non possiamo tacere ?

Ancora la laicità della politica, ancora la fede che si fa carne e si fa storia nell’orizzonte aurorale del cielo, ancora il rispetto del principio di legalità, ancora la questione morale come premessa di ogni impegno politico, ancora una chiesa fuori dal tempio, ancora il popolo di Dio, ancora le Scritture, ancora il Concilio, ancora le donne e gli uomini di buona volontà, ancora la libertà di coscienza, ancora l’invisibilità politica delle donne, ancora i fanciulli e le bambine, ancora, ancora, ancora...

Per dare nuova visibilità alla nostra Associazione possiamo organizzare :

1) Incontri territoriali : sia attraverso la presentazione di libri de Il Margine (vedi catalogo www.il-margine.it) non solo quello bellissimo su Willi Graf, ma anche altri testi legati agli interessi di chi organizza e/o al territorio. Ovunque si svolgano diventano un’occasione di dibattito e di incontro anche con i più giovani. (Riusciamo almeno 10 in tutta Italia ?)

2) Iniziative politiche, se ne abbiamo le energie, su questioni dirompenti e irrinunciabili che sicuramente emergeranno in campagna elettorale (ad esempio : volantini con un SI alla 194 ; SI ai DICO ; sulla laicità della politica).

3) Organizzare un’assemblea nazionale con almeno trecento partecipanti.

C) STRUMENTI

Detto ciò è necessario non mollare la presa sulle riviste, sui giornali, se possibile sulle televisioni, sui siti.

A questo proposito vi proponiamo alcuni strumenti, che vi preghiamo di utilizzare nella formula indicata in fondo.

Al fine di monitorare le nostre iniziative vi preghiamo di segnalare l’eventuale inoltro a questo indirizzo di posta elettronica, allegando anche il testo.

1) testo comunicato stampa per chiedere non utilizzo nome Rosa Bianca ma rosa per l’Italia ;

2) testo telegramma o mail da inviare a Montecatini Terme all’Assemblea costituente Rosa "pezzottabaccina" che si terrà sabato 23 e domenica 24 febbraio ;

3) lettera standard ai direttori delle riviste e/o quotidiani a cui siamo abbonati o di cui siamo semplici lettori per raccontare la nostra storia ;

4) diffusione comunicato ADISTA.

CONSIDERAZIONI FINALI

Basta così. Finisco con il dirvi che la preparazione del materiale per gli avvocati ci ha costretto a raccogliere, selezionare e organizzare tutta la documentazione relativa all’attività svolta ed ha messo in luce la ricchezza del nostro patrimonio, delle relazioni, del pensiero e delle azioni, degli incontri, dei vincoli di amicizia che ci legano e questi nessuno ce li potrà portare via, anzi se ci ruberanno il mantello noi abbiamo tantissime tuniche da regalare !!!

Non dobbiamo infatti cadere nella trappola delle parole dure, degli epiteti, del giudizio personale. Manteniamo uno stile il più evangelico possibile, tutti immersi nello scandalo della mitezza ! Con stima Vs. Grazia Villa- Presidente.

1) Testo telegramma da indirizzare (entro sabato 23) a : Rosa per l’Italia, Palazzetto dello Sport - Montecatini

Associazione "Rosa Bianca" operante da quasi trent’anni ambito culturale spirituale politico invita amici riuniti Montecatini desistere appropriazione indebita storia identità notissime non riducibili entro interessi elettorali et augura prosecuzione lavoro Rosa per Italia.

(segue firma del mittente)

2) Comunicato stampa per chiedere il non utilizzo del nome Rosa Bianca ma di rosa per l’Italia (verrà inviato a cura della presidenza dell’Associazione, ma, chi crede, può inoltrarlo agli organi di stampa locale)

A seguito del comunicato stampa in data 31 gennaio 2008 -"La Rosa Bianca c’è già". (PER CHI NON LO AVESSE E’ SCARICABILE DAL SITO)

Come è noto l’iniziativa di Baccini, Pezzotta e Tabacci ha creato una gravissima confusione tra l’identità, la storia trentennale e la reputazione dell’associazione "Rosa Bianca" italiana (che rappresento).

Malgrado la decisione di chiamare il movimento politico "Una Rosa per l’Italia, Libertà e Solidarietà", i fondatori vengono continuamente definiti segretario o presidente della Rosa Bianca, senza peraltro nessuna loro smentita pubblica. Inoltre le loro attività, i sondaggi e le notizie, vengono tutte attribuite alla definizione semplificata della Rosa Bianca, facilitata dalla scelta di inserire nel simbolo del movimento una rosa bianca.

Al di là delle azioni intraprese, dirette alla tutela del nome, l’associazione Rosa Bianca italiana chiede che venga correttamente utilizzato il nome "Una Rosa per l’Italia" ogni volta che si intenda far riferimento al nuovo movimento politico promosso dai signori Baccini, Pezzotta e Tabacci .

3) Lettera standard ai direttore delle riviste e/o quotidiana a cui siamo abbonati, o di cui siamo lettori, per raccontare la nostra storia ;

Gentile direttore,

Sono una lettrice/lettore/abbonato del Suo giornale. Le chiedo di dare rilievo ad una storia che sui giornali non ha trovato uno spazio adeguato e che riguarda la "Rosa Bianca" italiana.

La "Rosa Bianca" non è il nome di un neonato movimento politico, partorito dalla mente di Baccini, Pezzotta e Tabacci. E’ il nome di un’associazione di cultura e impegno politico, che è viva e operante in Italia da circa trenta anni.

L’associazione "Rosa Bianca", pur ispirandosi nella scelta delle parole di presentazione anche ad una nota poesia del sudamericano Josè Marti e nel simbolo ad una rosa bianca con una colomba al posto del bocciolo, prese il nome dal gruppo di studenti tedeschi, che si opposero, fino al martirio, al regime nazista per difendere l’ideale di libertà e di dignità di tutti gli esseri umani.

L’ispiratore della nascita della Rosa Bianca italiana fu il giornalista scrittore Paolo Giuntella, alla fine degli anni settanta. La prima iniziativa pubblica risale al convegno di Pisa "Riamare la politica" organizzato nel 1980 e l’ultima è del 4 febbraio 2008 : la presentazione, a Milano, con la partecipazione della sorella Anneliese Graf, della biografia di Willi Graf (uno degli studenti tedeschi decapitati nel 1943), edita da Il Margine.

Nel 1988 veniva formalmente costituita l’associazione Rosa Bianca , che dopo tanti anni di organizzazione di convegni, incontri estivi di formazione politica, incontri di spiritualità, numerosissime pubblicazioni, il 9 giugno 2000 registrava anche un sito con il nome a dominio www.rosabianca.org.

L’iniziativa Baccini, Pezzotta e Tabacci ha creato una gravissima confusione tra l’identità, la storia trentennale e la reputazione dell’associazione Rosa Bianca e il movimento politico cosiddetto "Una Rosa per l’Italia - Libertà e Solidarietà", confusione aggravata dal fatto che il nome del sito è stato copiato e i contenuti saccheggiati.

L’associazione ha fatto ogni passo, in via amichevole, per far desistere i fondatori del partito dall’usurpazione del nome e dal furto di una storia e di un’identità. E’ stato tutto inutile e la stessa associazione è stata costretta a valutare l’utilizzo di altri strumenti di tutela del proprio nome e, indirettamente, di quello, glorioso, della "Rosa Bianca" tedesca, che -si noti- in Germania nessuno si è mai permesso di associare ad un partito politico. Nonostante la decisione di chiamare il movimento politico "Una Rosa per l’Italia, Libertà e Solidarietà", i fondatori vengono continuamente definiti segretario o presidente della Rosa Bianca, senza peraltro nessuna loro smentita pubblica. Inoltre le loro attività, i sondaggi e le notizie, vengono tutte attribuite alla definizione semplificata della Rosa Bianca, facilitata dalla scelta di inserire nel simbolo del movimento una rosa bianca.

Confido che il Suo giornale possa contribuire a mettere ordine in questa confusione, se non altro utilizzando solo il nome "La Rosa per l’Italia" ogni volta che si faccia riferimento alla nuova formazione politica.

Con i più vivi ringraziamenti per la Sua attenzione

4) Diffusione comunicato ADISTA

[23 febbraio 2008] Benvenuti nella newsletter di www.adista.it. Adista Notizie N. 15 - 23 Febbraio 2008

LA ROSA RUBATA : TABACCI, BACCINI E PEZZOTTA COME GLI STUDENTI TEDESCHI TRUCIDATI DAI NAZISTI ?

OPPOSIZIONE AL NAZISMO E FEDELTA’ AL CONCILIO. LE STORIE DELLA "WEISSE ROSE" E DELLA "ROSA BIANCA"


Ce forum est modéré à priori : votre contribution n'apparaîtra qu'après avoir été validée par un administrateur du site.

Titre :

Texte de votre message :
(Pour créer des paragraphes, laissez simplement des lignes vides.)

Lien hypertexte (optionnel)
(Si votre message se réfère à un article publié sur le Web, ou à une page fournissant plus d'informations, veuillez indiquer ci-après le titre de la page et son adresse URL.)
Titre :

URL :

Qui êtes-vous ? (optionnel)
Votre nom (ou pseudonyme) :

Votre adresse email :