Poster un message

En réponse à :
Un "catastrophe book"...

La Terra è sopravvissuta e il genere umano è scomparso. Fine del viaggio : "Il mondo senza di noi" di Alan Weisman - a cura di pfls

mercredi 12 mars 2008 par Maria Paola Falchinelli
[...] E’ un catastrophe book, per usare un’espressione mutuata dal cinema. Un’analisi scientifica e dettagliata di che cosa accadrebbe alla Terra se di colpo la razza umana si estinguesse. Il perché non ha importanza : guerra nucleare, disastro batteriologico, rapimento alieno : ognuno scelga tra le innumerevoli suggestioni che potrebbero portare alla fine della nostra avventura. Il punto è un altro : come se la caverà il pianeta dopo di noi ? E ancora : della nostra plurimillenaria e così (...)

En réponse à :

> La Terra è sopravvissuta e il genere umano è scomparso. Fine del viaggio : "Il mondo senza di noi" di Alan Weisman - ----LA TERRA, invece, MORIRA’ FRA 7,59 MILIARDI DI ANNI

mardi 11 mars 2008

Ansa » 2008-03-11 20:40

LA TERRA MORIRA’ FRA 7,59 MILIARDI DI ANNI

di Luciano Clerico

WASHINGTON - Alla fine sarà una sorta di consunzione lenta, come una "morte vaporosa". Così morirà il pianeta Terra, e accadrà esattamente tra 7,59 miliardi di anni. A questa conclusione è arrivato uno studio, che sta per essere pubblicato sull’ inglese Monthly Notices of the Royal Astronomical Society, condotto dai due astronomi Klaus Peter Schroeder e Robert Connon Smith e anticipato sulle pagine scientifiche del New York Times.

La Terra, conclude lo studio basandosi su un nuovo metodo di calcolo, morirà risucchiata da un sole divenuto nel frattempo sempre più grande, un sole gigante le cui dimensioni saranno 256 volte le attuali, un solo rosso e congestionato che porterà inesorabilmente il pianeta Terra fuori della sua orbita, condannandolo alla fine. Una fine che non prevede implosioni o esplosioni, ma una lenta, inesorabile ’cottura’ del pianeta o, per essere più precisi, una "morte vaporosa". "E’ una scoperta un po’ deludente" ha commentato il professor Smith, docente di astrofisica alla University of Sussex, "ma la possiamo sempre mettere in questo modo : può essere uno stimolo per l’umanità per cercare il sistema per lasciare il pianeta e colonizzare altre aree nella galassia".

Detto questo - ha ammonito l’astrofisico - è bene ricordare che l’impatto dell’ India con il continente asiatico che ha dato vita alla catena dell’Himalaya risale a una sessantina di milioni di anni fa. "Un battito di ciglia se paragonato ai miliardi di anni di cui stiamo parlando". Lo studio si è basato su nuovi sistemi di calcolo messi a punto da Schroeder e da Manfred Cuntz, della University of Texas. Grazie ad essi si è per così dire "ricalcolato" la attuale massa solare e quanto di essa si perderà nel tempo in seguito alla espansione del sole fondata su questa teoria : tra 5,5 miliardi di anni il sole sarà almeno 10 volte più luminoso di quanto non lo sia oggi, ma più leggero.

Perché si calcola che proprio per quel periodo terminerà il suo ’carburante’, cioé l’idrogeno del suo nucleo e per questo motivo comincerà ad alimentarsi con l’idrogeno dei suoi raggi. Questo comporterà una espansione gassosa di incredibili proporzioni. Mentre il nucleo si contrarrà, riducendo la massa, i raggi esterni si espanderanno fino a trasformare l’attuale motore del sistema solare in un gigante rosso 250 volte più grande di oggi. Sarà questa trasformazione a portare alla morte l’intero sistema solare. Terra compresa, naturalmente, che, uscendo dalla sua orbita, tra 7,59 miliardi di anni precipiterà verso una "morte vaporosa" tanto lenta quanto inesorabile.

luciano.clerico@ansa.it


Ce forum est modéré à priori : votre contribution n'apparaîtra qu'après avoir été validée par un administrateur du site.

Titre :

Texte de votre message :
(Pour créer des paragraphes, laissez simplement des lignes vides.)

Lien hypertexte (optionnel)
(Si votre message se réfère à un article publié sur le Web, ou à une page fournissant plus d'informations, veuillez indiquer ci-après le titre de la page et son adresse URL.)
Titre :

URL :

Qui êtes-vous ? (optionnel)
Votre nom (ou pseudonyme) :

Votre adresse email :