Inviare un messaggio

In risposta a:
Terra, Terra .... "olimpicamente"!!!

TIBET E CINA. Lhasa in fiamme, numerose persone morte negli scontri. L’esercito assedia i monasteri. Il Dalai Lama esprime la sua preoccupazione e denuncia: "E’ in atto un genocidio culturale" - a cura di pfls

NEPAL CHIUDE EVEREST PER PASSAGGIO FIAMMA OLIMPICA
domenica 16 marzo 2008 di Maria Paola Falchinelli
[Tibet, il governo in esilio
"Ci sono almeno 80 morti"
Ancora tensione a Lhasa,
nuovi scontri nel Sichuan dove
migliaia di monaci si confrontano
con le forze di
sicurezza cinesi
11:12 A Lhasa caccia ai rivoltosi, casa per casa, e 200 veicoli militari
In attesa della scadenza dell’ultimatum di Pechino perchŔ i rivoltosi si consegnino senza condizioni, la polizia cinese sta setacciando tutte le case di una zona di Lhasa, nei pressi del Potala Palace, dove il Dalai Lama ha vissuto (...)

In risposta a:

> TIBET E CINA. Lhasa in fiamme, numerose persone morte negli scontri. ---- TIBET: ESERCITO SPARA SU FOLLA, FORSE 140 MORTI. Il Dalai Lama ha accusato l’esercito cinese di " aver sparato contro la folla" lunedý scorso nella regione di Kham, nell’est del Tibet.

giovedì 21 agosto 2008

Ansa╗ 2008-08-21 13:02

TIBET: ESERCITO SPARA SU FOLLA, FORSE 140 MORTI

PARIGI - Il Dalai Lama ha accusato l’esercito cinese di " aver sparato contro la folla" lunedý scorso nella regione di Kham, nell’est del Tibet, e ha detto che " secondo notizie in attesa di conferma" ci sarebbero stati 140 morti. L’accusa Ŕ contenuta in un’intervista del Dalai Lama al quotidiano ’Le Monde’.

Secondo il Dalai lama, dall’inizio delle proteste in Tibet, il 10 marzo, "testimoni affidabili hanno riferito che 400 persone sono state uccise nella sola regione di Lhasa. Uccisi da colpi d’arma da fuoco, mentre i manifestanti erano senza armi". Il Dalai lama ha affermato inoltre che "nessuna apertura c’ Ú stata" nelle discussioni con Pechino. "Dopo le proteste di marzo e le Olimpiadi, avevamo creduto a dei segnali positivi. Siamo stati presto smentiti, i nostri emissari si sono trovati davanti a un muro". Il leader spirituale tibetano, che si trova attualmente in Francia, incontrerÓ domani mattina la premiere dame Carla Bruni-Sarkozy in occasione della inaugurazione di un tempio buddista a Roqueredonde, nel sud del paese. La Bruni sarÓ accompagnata dal ministro degli esteri Bernard Kouchner e dal segretario di Stato ai diritti umani, Rama Yade.


Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Titolo:

Testo del messaggio:
(Per creare dei paragrafi separati, lascia semplicemente delle linee vuote)

Link ipertestuale (opzionale)
(Se il tuo messaggio si riferisce ad un articolo pubblicato sul Web o ad una pagina contenente maggiori informazioni, indica di seguito il titolo della pagina ed il suo indirizzo URL.)
Titolo:

URL:

Chi sei? (opzionale)
Nome (o pseudonimo):

Indirizzo email: