Inviare un messaggio

In risposta a:
Terra, Terra .... "olimpicamente"!!!

TIBET E CINA. Lhasa in fiamme, numerose persone morte negli scontri. L’esercito assedia i monasteri. Il Dalai Lama esprime la sua preoccupazione e denuncia: "E’ in atto un genocidio culturale" - a cura di pfls

NEPAL CHIUDE EVEREST PER PASSAGGIO FIAMMA OLIMPICA
domenica 16 marzo 2008 di Maria Paola Falchinelli
[Tibet, il governo in esilio
"Ci sono almeno 80 morti"
Ancora tensione a Lhasa,
nuovi scontri nel Sichuan dove
migliaia di monaci si confrontano
con le forze di
sicurezza cinesi
11:12 A Lhasa caccia ai rivoltosi, casa per casa, e 200 veicoli militari
In attesa della scadenza dell’ultimatum di Pechino perchŔ i rivoltosi si consegnino senza condizioni, la polizia cinese sta setacciando tutte le case di una zona di Lhasa, nei pressi del Potala Palace, dove il Dalai Lama ha vissuto (...)

In risposta a:

> TIBET E CINA. Lhasa in fiamme, numerose persone morte negli scontri. --- Un nuovo accorato appello rivolto alla comunitÓ internazionale Ŕ stato lanciato oggi dal Dalai Lama a New Delhi. "Per favore", ha detto il capo spirituale, "aiutate" i tibetani a risolvere la crisi nella regione, aggravatasi dopo la violenta repressione delle proteste contro la Cina

sabato 29 marzo 2008

Il capo spirituale a New Delhi ha chiesto aiuto alla comunitÓ internazionale Pechino offre risarcimenti alle vittime delle violenze a Lhasa Appello del Dalai Lama al mondo: "Per favore, aiutate i tibetani"

NEW DELHI - Un nuovo accorato appello rivolto alla comunitÓ internazionale Ŕ stato lanciato oggi dal Dalai Lama a New Delhi. "Per favore", ha detto il capo spirituale, "aiutate" i tibetani a risolvere la crisi nella regione, aggravatasi dopo la violenta repressione delle proteste contro la Cina.

"Non abbiamo altro in nostro potere che giustizia, veritÓ, sinceritÓ. Questo Ŕ il motivo per cui chiedo alla comunitÓ internazionale, per favore, aiutateci", ha detto il leader dei tibetani in esilio, oggi a New Delhi, per un incontro di meditazione. "Sono qui inerme, posso solo pregare", ha aggiunto il Dalai Lama che poco prima si era recato a rendere omaggio sul luogo in cui furono cremate le spoglie del Mahatma Gandhi e aveva pregato per le vittime della rivolta in Tibet, insieme agli altri leader delle religioni indiane (musulmani, ind¨, sikh e jain).

Successivamente, incontrando i giornalisti in una conferenza stampa, il Dalai Lama ha ripetuto di volere aprire un canale di dialogo con le autoritÓ cinesi: "siamo pronti, e in attesa", ha detto.

Intanto, secondo quanto scrive Nuova Cina, Pechino ha offerto di pagare risarcimenti alle famiglie dei civili che sono morti nelle violenze dei giorni scorsi nel capoluogo tibetano Lhasa e cure mediche gratuite per i feriti. Le famiglie dei morti nei disordini tibetani - che le autoritÓ di Pechino li quantifica ufficialmente in 18 mentre per il governo in esilio del Dalai Lama sono almeno 140 - riceveranno ciascuna 200.000 yuan (poco pi¨ di 18.000 euro), dice Nuova Cina citando il governo regionale del Tibet. "Le misure sono finalizzate ad aiutare la gente a ricostruire le loro case e i loro negozi danneggiati nei disordini o a costruirne di nuovi", si legge nell’annuncio.

La Cina ha dato la colpa degli incidenti a quella che ha definito la "cricca" separatista del Dalai Lama. Quest’ultimo ieri, nell’offrire dialogo al governo cinese, ha criticato Pechino per aver diffuso sui media di stato "menzogne e immagini distorte", mostrando, dice, solo i cinesi attaccati dalla violenza dei tibetani.

* la Repubblica, 29 marzo 2008.


Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Titolo:

Testo del messaggio:
(Per creare dei paragrafi separati, lascia semplicemente delle linee vuote)

Link ipertestuale (opzionale)
(Se il tuo messaggio si riferisce ad un articolo pubblicato sul Web o ad una pagina contenente maggiori informazioni, indica di seguito il titolo della pagina ed il suo indirizzo URL.)
Titolo:

URL:

Chi sei? (opzionale)
Nome (o pseudonimo):

Indirizzo email: