Poster un message

En réponse à :
Terra, Terra .... "olimpicamente" !!!

TIBET E CINA. Lhasa in fiamme, numerose persone morte negli scontri. L’esercito assedia i monasteri. Il Dalai Lama esprime la sua preoccupazione e denuncia : "E’ in atto un genocidio culturale" - a cura di pfls

NEPAL CHIUDE EVEREST PER PASSAGGIO FIAMMA OLIMPICA
dimanche 16 mars 2008 par Maria Paola Falchinelli
[Tibet, il governo in esilio
"Ci sono almeno 80 morti"
Ancora tensione a Lhasa,
nuovi scontri nel Sichuan dove
migliaia di monaci si confrontano
con le forze di
sicurezza cinesi
11:12 A Lhasa caccia ai rivoltosi, casa per casa, e 200 veicoli militari
In attesa della scadenza dell’ultimatum di Pechino perchè i rivoltosi si consegnino senza condizioni, la polizia cinese sta setacciando tutte le case di una zona di Lhasa, nei pressi del Potala Palace, dove il Dalai Lama ha vissuto (...)

En réponse à :

> TIBET E CINA. Lhasa in fiamme, numerose persone morte negli scontri. L’esercito assedia i monasteri. ---- "Il Tibet è un affare completamente interno della Cina. Nessun Paese straniero o organizzazione internazionale ha il diritto di interferire al riguardo". E’ secca la reazione del governo cinese alla presa di posizione della Ue sulla repressione in Tibet. Ieri i ministri degli Esteri degli Stati dell’Unione avevano lanciato un appello a Pechino per un "dialogo costruttivo" con i manifestanti tibetani.

dimanche 30 mars 2008


-  Pechino replica con durezza all’appello dei Ventisette
-  Operazione della polizia : ventisei arresti in un monastero

-  L’ira della Cina contro la Ue
-  "Non interferite sul Tibet"

PECHINO - "Il Tibet è un affare completamente interno della Cina. Nessun Paese straniero o organizzazione internazionale ha il diritto di interferire al riguardo". E’ secca la reazione del governo cinese alla presa di posizione della Ue sulla repressione in Tibet. Ieri i ministri degli Esteri degli Stati dell’Unione avevano lanciato un appello a Pechino per un "dialogo costruttivo" con i manifestanti tibetani. Escludendo, però, qualsiasi ipotesi di sanzioni economiche o di boicottaggio dei Giochi Olimpici. Una presa di posizione tutt’altro che drastica che, però, non è andata giù alla Cina. Tanto che un portavoce del ministero degli Esteri cinese, Jiang Yu, esprimere il "forte malcontento" del suo governo rispetto all’atteggiamento assunto dai Ventisette.

Arresti e sequestri. Ventisei persone sono state arrestate e numerose armi sono state confiscate in un monastero nel Sichuan, nella Cina sudoccidentale, in relazione alle recenti proteste anticinesi. Lo scrive l’agenzia Nuova Cina. La polizia ha scoperto 30 pistole, 498 proiettili, due chili di esplosivo e "un numero significativo" di coltelli nel monastero di Geerdeng, nella provincia del Sichuan.

Sono stati sequestrati inoltre telefoni satellitari, decoder capaci di ricevere televisioni straniere, fax, computer, una bandiera vietata del governo tibetano in esilio e striscioni che chiedono l’indipendenza del Tibet.

"Ventisei sospetti sono stati arrestati perché sospettati di aver partecipato alle violente manifestazioni del 16 marzo, seguiti agli scontri avvenuti a Lhasa, in Tibet", rende noto inoltre la polizia, senza precisare se le persone arrestate siano monaci.

Molti religiosi del monastero parteciparono alle manifestazioni contro edifici governativi due giorni dopo gli incidenti di Lhasa. La contea di Aba, dove si trova il monastero, è situata nella provincia del Sichuan che confina con il Tibet, amministrato dalla Cina.

Le violenze cominciate nel Tibet il 10 marzo hanno causato secondo le autorità cinesi 19 morti. Il governo dei tibetani in esilio afferma invece che la repressione cinese in Tibet e nelle province cinesi abitate da tibetani ha provocano circa 140 morti.

* la Repubblica, 30 marzo 2008.


Ce forum est modéré à priori : votre contribution n'apparaîtra qu'après avoir été validée par un administrateur du site.

Titre :

Texte de votre message :
(Pour créer des paragraphes, laissez simplement des lignes vides.)

Lien hypertexte (optionnel)
(Si votre message se réfère à un article publié sur le Web, ou à une page fournissant plus d'informations, veuillez indiquer ci-après le titre de la page et son adresse URL.)
Titre :

URL :

Qui êtes-vous ? (optionnel)
Votre nom (ou pseudonyme) :

Votre adresse email :