Poster un message

En réponse à :
Terra, Terra .... "olimpicamente" !!!

TIBET E CINA. Lhasa in fiamme, numerose persone morte negli scontri. L’esercito assedia i monasteri. Il Dalai Lama esprime la sua preoccupazione e denuncia : "E’ in atto un genocidio culturale" - a cura di pfls

NEPAL CHIUDE EVEREST PER PASSAGGIO FIAMMA OLIMPICA
dimanche 16 mars 2008 par Maria Paola Falchinelli
[Tibet, il governo in esilio
"Ci sono almeno 80 morti"
Ancora tensione a Lhasa,
nuovi scontri nel Sichuan dove
migliaia di monaci si confrontano
con le forze di
sicurezza cinesi
11:12 A Lhasa caccia ai rivoltosi, casa per casa, e 200 veicoli militari
In attesa della scadenza dell’ultimatum di Pechino perchè i rivoltosi si consegnino senza condizioni, la polizia cinese sta setacciando tutte le case di una zona di Lhasa, nei pressi del Potala Palace, dove il Dalai Lama ha vissuto (...)

En réponse à :

> TIBET E CINA. Lhasa in fiamme, numerose persone morte negli scontri. L’esercito assedia ----- Sarkozy : o dialogo con Dalai Lama o non vengo

samedi 5 avril 2008

Sarkozy : o dialogo con Dalai Lama o non vengo

La Francia ha posto tre condizioni alla partecipazione del presidente Nicolas Sarkozy alla cerimonia d’apertura dei Giochi Olimpici di Pechino. In particolare Parigi chiede l’apertura di un dialogo con il Dalai Lama. Lo ha indicato il segretario di stato ai diritti umani, Rama Yade, al quotidiano Le Monde.

Sarkozy « prenderà la sua decisione in merito all’evoluzione degli eventi attuali e si esprimerà dopo avere consultato i nostri partner europei, perché parlerà in quel momento come presidente in carica dell’Unione europea », ha dichiarato Yade. « Sono tuttavia indispensabili tre condizioni perché vada : la fine delle violenze contro la popolazione e la liberazione dei prigionieri politici, la chiarezza sugli eventi tibetani e l’apertura del dialogo con il Dalai Lama ».

I governi europei hanno posizioni molto diverse sulla questione boicottaggio. Sarkozy lo ha più volte evocato senza però mai annunciarlo direttamente. Il cancelliere tedesco Angela Merkel ha annunciato che non sarà alla cerimonia di apertura, ma solo per impegni già presi e senza menzionare ragioni politche.

Contrari al boicottaggio si sono definiti sia il premier inglese Gordon Brown sia Walter Veltroni che Silvio Berlusconi.

Intanto venerdì nuovi disordini in Tibet, dopo la sanguinosa repressione della rivolta dei monaci che due settimane fa ha fatto quasi 140 morti nella capitale Lhasa.

Questa volta gli scontri sono scoppiati nella provincia del Sichuan, area tibetana nel sud ovest della Cina. A quanto riferito dall’agenzia Nuova Cina non ci sarebbero vittime, ma sarebbe stato « attaccato e seriamente ferito » un funzionario del governo cinese. Fonti tibetane, invece, parlano di almeno otto morti : la polizia avrebbe aperto il fuoco su centinaia di monaci buddisti e persone stese a terra che avevano raggiunto gli uffici del governo locale per chiedere il rilascio di due monaci, arrestati perché trovati in possesso di foto del Dalai Lama.

L’agenzia Xinhua, non parla di morti, ma conferma che « la polizia è stata costretta a esplodere colpi di intimazione e ha messo fine alle violenze ».

Nel frattempo le autorità cinesi hanno emesso 16 nuovi mandati di cattura contro persone coinvolte negli scontri del 16 marzo scorso in Tibet.

* l’Unità, Pubblicato il : 05.04.08, Modificato il : 05.04.08 alle ore 12.46


Ce forum est modéré à priori : votre contribution n'apparaîtra qu'après avoir été validée par un administrateur du site.

Titre :

Texte de votre message :
(Pour créer des paragraphes, laissez simplement des lignes vides.)

Lien hypertexte (optionnel)
(Si votre message se réfère à un article publié sur le Web, ou à une page fournissant plus d'informations, veuillez indiquer ci-après le titre de la page et son adresse URL.)
Titre :

URL :

Qui êtes-vous ? (optionnel)
Votre nom (ou pseudonyme) :

Votre adresse email :