Poster un message

En réponse à :
"FATTORIA ITALIA". LA SCRITTA SUL CANCELLO D’ENTRATA : "IL POPOLO DELLA LIBERTA’"

A FUTURA MEMORIA. APPROVATO IL "LODO ALFANO". L’IMMUNITA’ AD PERSONAM SALVA IL PRESIDENTE DI "FORZA ITALIA" DA TUTTO, MA NON DALL’IMMANE VERGOGNOSO REATO DELL’AVER RUBATO ALL’INTERO POPOLO ITALIANO LA PAROLA ***ITALIA*** E AVERNE FATTO IL NOME DEL SUO *PARTITO* E DELLA SUA *AZIENDA* - a cura di Federico La Sala

La Casa e la Repubblica degli italiani e delle italiane si chiamava : ITALIA. E il Presidente della Repubblica si chiamava Giorgio Napolitano....
mardi 22 juillet 2008 par Maria Paola Falchinelli
Ansa » 2008-07-22 20:12
GIUSTIZIA : IL LODO ALFANO E’ LEGGE
ROMA - L’Aula del Senato ha definitivamente approvato il "lodo Alfano", il disegno di legge che garantisce l’immunità per le alte cariche dello Stato fino alla scadenza del loro mandato. Il provvedimento è stato approvato con 171 sì, 128 no e 6 astenuti.
Il ministro della Giustizia Angiolino Alfano ha difeso con forza e con piglio polemico il disegno di legge che garantisce l’immunità delle alte cariche dello Stato (il Lodo che (...)

En réponse à :

> A FUTURA MEMORIA. APPROVATO IL "LODO ALFANO". --- Il Lodo Alfano è legge : con 171 voti a favore, 128 no e 6 astenuti l’aula del Senato ha dato il via libera al provvedimento che garantisce l’immunità alle quattro alte cariche dello Stato, presidente della Repubblica, dei presidenti delle due Camere e presidente del Consiglio, fino alla fine dell’incarico...Casson : chiamatelo Lodo Berlusconi.

mardi 22 juillet 2008


-  Il Lodo Alfano è legge
-  Il Pd : premier senza limiti
-  Casson : chiamatelo Lodo Berlusconi
*

Il Lodo Alfano è legge : con 171 voti a favore, 128 no e 6 astenuti l’aula del Senato ha dato il via libera al provvedimento che garantisce l’immunità alle quattro alte cariche dello Stato, presidente della Repubblica, dei presidenti delle due Camere e presidente del Consiglio, fino alla fine dell’incarico. Il ministro della Giustizia Angelino Alfano l’aveva presentato come un ddl « né molto urgente né poco urgente, é semplicemente giusto ». Ma l’urgenza c’è stata.

Il Lodo è arrivato infatti al Senato, e più in generale all’attenzione del Paese, con una rapidità che in campagna elettorale si diceva sarebbe stata dedicata ad altri temi. Venticinque giorni : tanti ne sono bastati al Parlamento per far diventare legge il provvedimento. L’approvazione è arrivata in un tempo decisamente breve rispetto alla media parlamentare. Varato dal Consiglio dei ministri il 27 giugno. La presentazione del disegno di legge è stata autorizzata dal capo dello Stato il 2 luglio. L’esame in commissione è iniziato alla Camera l’8 luglio per concludersi nella stessa giornata. Il giorno seguente, 9 luglio, il testo è stato posto all’ordine del giorno dei lavori dell’aula, che lo ha approvato 24 ore dopo. Le opposizioni hanno contestato la presidenza per aver anticipato l’esame del testo, malgrado in conferenza dei Capigruppo non si fosse raggiunta l’unanimità ; ma Gianfranco Fini ha assicurato di aver rispettato tanto il regolamento quanto la prassi. Immediato il passaggio in Senato : a Palazzo Madama, il testo del lodo Alfano è stato esaminato in due giorni dalla commissione, dal 15 al 17 luglio.

Martedì 21 luglio in Aula, in meno di mezz’ora, la maggioranza ha respinto tutti e 58 gli emendamenti presentati dall’opposizione. E ha chiesto il dialogo, per lavorare a « un confronto in autunno sulla riforma della giustizia ». Ma la capogruppo del Pd al Senato Anna Finocchiaro dice chiaramente che sembra che « l’intenzione della maggioranza sia di costruire un sovrano senza limiti e francamente non mi convince ». Per questo, ribadisce, « è ben difficile che si possa trovare un filo comune di ragionamento ».

La capogruppo del Pd nel dichiarare il « convinto no » del suo gruppo sottolinea il superamento di un limite da parte di chi beneficia dell’ immunità che riguarda il fatto, in base alla Costituzione, che tutti i cittadini sono eguali davanti alla legge. « Si tratta una novità. Fino a questo momento il nostro ordinamento ha regolato ipotesi di immunità e prerogative solo per fatti commessi nell’esercizio della funzione » osserva Anna Finocchiaro che sottolinea come « ciò che è tutelata è la funzione e gli atti ad essi correlati, i cosiddetti atti funzionali, e che per il resto ogni potere, tutti i poteri, a cominciare da quelli del Presidente della Repubblica, incontrano un limite ». « Il limite - precisa la capogruppo del Pd - è quello che per i fatti estranei all’esercizio di quelle funzioni vige il principio di uguaglianza : tutti uguali di fronte alla legge. Oggi voi introducete una rottura del limitei ».

Finocchiaro si chiede il « perché dell’ ipocrisia di estendere il supermento del limite alle altre cariche delloStato ». « Il Presidente del Consiglio, voi dite è sostanzialmente eletto dal popolo sovrano. Dissento, e vigorosamente, ma registro. Ma i Presidenti delle Camere ? Sono eletti da maggioranze parlamentari. E così il Presidente della Repubblica. Qui il popolo non c’entra. Il popolo, lo dice la Costituzione, deve esercitare la sovranità nelle ’forme e nei limiti della Costituzione’. Invece al Presidente Berlusconi non si pone limite. E da ora in poi a nessun Presidente del Consiglio. Per qualunque reato. Anche il più brutale. Anche il più infamante ».

Prima del dibattito in aula si è scagliato contro « una furia legislativa cieca, quasi iconoclasta, per approvare qualsiasi norma che possa non arrecare noia al premier, anzi al princeps » anche il senatore Pd, Felice Casson. Casson ci tiene a chiamare il Lodo con il suo nome : non Alfano, dunque, ma Berlusconi, perché « è stato lo stesso premier a dire nella lettera inviata al presidente del Senato che aveva bisogno di questo scudo protettivo ritenendolo indispensabile contro quelli che lui ha definito attacchi della magistratura ».

Voto contrario anche dall’Idv : « Un ennesimo salvacondotto per la casta il provvedimento Alfano è un insulto ai cittadini e all’ordinamento democratico. Rientra nel piano della P2 », ha dichiarato Felice Belisario, presidente dei senatori dell’Italia dei Valori, prima del voto. E a proposito della riforma della giustizia il senatore aggiunge : « Poi si metterà sotto i tacchi la giustizia, si cercherà di imbavagliare l’informazione e si reintrodurrà l’immunità parlamentare. Mentre le nostre famiglie hanno redditi che non permettono di arrivare a fine mese e le pensioni continuano a perdere potere d’acquisto, la maggioranza pensa alla giustizia : non a quella per la tutela dei cittadini - conclude Belisario - ma al solito salvacondotto per la casta ». Mentre l’Udc ha scelto l’astensione.

Dalla maggioranza invece la difesa del Lodo : « E’ uno strumento che blocca l’uso politico della giustizia » ha detto in dichiarazione di voto il capogruppo del Pdl, Maurizio Gasparri, il quale ha ricordato che « Silvio Berlusconi ha dovuto aspettare undici anni per essere assolto dopo l’avviso di garanzia recapitatogli a Napoli e dodici anni per essere assolto dalle infondate accuse sul caso Sme ». Gasparri ha citato poi interventi di costituzionalisti che non ravvisano nessuna violazione costituzionale. « Non vogliamo una impunità parlamentare nè immunità generalizzate ma evitare l’uso politico della giustizia. Il Lodo ha tenuto conto di tutti i rilievi della Corte Costituzionale e non sottrae nessuno al dominio della legge ». Ma evidentemente il premier e le altre più alte cariche dello Stato non sono ’nessuno’.

* l’Unità, Pubblicato il : 22.07.08, Modificato il : 22.07.08 alle ore 21.01


Ce forum est modéré à priori : votre contribution n'apparaîtra qu'après avoir été validée par un administrateur du site.

Titre :

Texte de votre message :
(Pour créer des paragraphes, laissez simplement des lignes vides.)

Lien hypertexte (optionnel)
(Si votre message se réfère à un article publié sur le Web, ou à une page fournissant plus d'informations, veuillez indiquer ci-après le titre de la page et son adresse URL.)
Titre :

URL :

Qui êtes-vous ? (optionnel)
Votre nom (ou pseudonyme) :

Votre adresse email :