Poster un message

En réponse à :
DOLLARO, POLITICA, E RELIGIONE. IN GOD WE TRUST....

ELEZIONI USA. McCain sorpassa Obama e già canta la sua canzone : "Yes We Can" !!! Il sogno americano è finito ? - a cura di pfls

Per commentare la decisione di Bush, salvare con i soldi del Tesoro i due giganti dei mutui, McCain e Obama hanno usato più o meno le stesse parole : la Casa Bianca ha fatto bene.
lundi 8 septembre 2008 par Maria Paola Falchinelli
[...] Se la media (calcolata dal sito RealClearPolitics) vede ancora Obama in leggerissimo vantaggio (46 contro 45,2) gli ultimi due in ordine di tempo sono devastanti per il candidato democratico : il Gallup Poll Daily Tracking dà a McCain un vantaggio di tre punti (48 a 45), quello di Zogby dà il ticket repubblicano in testa con il 49,7 dei voti contro il 45, 9 di Obama-Biden [...]

Il candidato repubblicano sembra riuscito a far (...)

En réponse à :

> ELEZIONI USA. ... Il sogno americano è finito ---- CRISI DEI MUTUI : LA CAMERA USA DICE SI’ AL PIANO PAULSON ... NY NON FESTEGGIA, PAURA RECESSIONE

samedi 4 octobre 2008

Ansa » 2008-10-04 09:48

CRISI DEI MUTUI : LA CAMERA USA DICE SI’ AL PIANO PAULSON

WASHINGTON - Il presidente degli Stati Uniti, George W. Bush, ha firmato il piano per salvare l’economia americana. "Abbiamo mostrato al mondo che gli Stati Uniti stabilizzeranno i nostri mercati finanziari e manterranno un ruolo di leader nell’economia globale". Lo ha detto il presidente Usa, George W. Bush, in una dichiarazione alla Casa Bianca dopo l’approvazione da parte del Congresso del piano per salvare i mercati finanziari dalla crisi in corso.

La Camera dei rappresentanti Usa ha dato il via libera al superpiano da 700 miliardi di dollari (più sgravi per 150 miliardi), per arginare la crisi dei mutui. La presidente di turno della Camera ha annunciato che il piano è stato approvato con 263 voti a favore e 171 contrari. La maggioranza necessaria era di 218 voti. Una prima versione del piano era stata bocciata a sorpresa lunedì dalla stessa Camera. Mercoledì sera, ad ampia maggioranza, il Senato aveva dato il via libera ad una nuova versione del piano, al quale erano stati aggiunti sgravi fiscali per un valore di 150 miliardi di dollari, per conquistare l’appoggio dei deputati più riluttanti.

Il nuovo piano non suscita l’entusiasmo degli operatori, scettici sul fatto che la nuova versione sia sufficiente a far ripartire l’economia americana, che mostra segni evidenti di rallentamento anche a causa della sempre più scarsa disponibilità delle banche a prestare denaro. Con i rubinetti del credito chiusi, un crescente numero di famiglie fatica ad ottenere finanziamenti, così come le piccole imprese, rallentando di conseguenza i consumi, motore dell’economia statunitense rappresentando i due terzi del Pil. La crisi finanziaria ha contagiato l’economia reale, spingendo gli Usa sull’orlo della recessione.

E’ in questo contesto che gli operatori danno ormai per scontato un taglio dei tassi di interesse da parte della Fed già in ottobre. I futures sui tassi indicano che le probabilità di un ribasso di mezzo punto del costo del denaro nella riunione del Fomc di ottobre sono salite al 92%. Il restante 8% accredita un taglio di 75 punti base. Ad avvalorare la tesi di un calo del costo del denaro sono giunti oggi i dati sull’occupazione : a settembre i posti di lavoro persi sono stati 159.000. Il tasso di disoccupazione è salito al 6,1%, ai massimi degli ultimi cinque anni.

CRISI MUTUI : NY NON FESTEGGIA OK PIANO, PAURA RECESSIONE

PROGETTO NON ENTUSIASMA ; PAULSON, AGIRO’ RAPIDAMENTE ; OK DA FED

NEW YORK - Wall Street incassa il via libera del Congresso al piano salva-finanza rivisitato e le rassicurazioni del Tesoro e della Fed. Ma non lo fa festeggiando : i guadagni accumulati nella prima meta’ di seduta vengono rapidamente limati, con indici altamente volatili che chiudono in negativo, con il Dow Jones che cede l’1,50%, il Nasdaq l’1,48% e lo S&P 500 l’1,35%. Ferma durante le operazioni di voto alla Camera, con gli occhi di tutti gli operatori puntati sugli schermi, la borsa americana non sembra entusiasta del progetto rivisto che potrebbe rivelarsi non sufficiente a risolvere i problemi, soprattutto per l’economia reale che appare sempre piu’ sull’orlo della recessione. Ed e’ proprio quest’ultima a preoccupare maggiormente e a pesare sugli indici. Plaudano all’approvazione il presidente della Fed, Ben Bernanke, e il segretario al Tesoro, Henry Paulson, che, dichiarandosi ’’grato’’ del via libera, assicura un’azione rapida. ’’Si e’ dimostrato l’impegno del Governo a sostegno dell’economia e del suo rafforzamento. Il progetto rappresenta - afferma invece Bernanke - un passo critico verso la stabilizzazione dei nostri mercati finanziari. La Fed continuera’ a lavorare a stretto contatto con il Tesoro nell’intraprendere le nuove iniziative : continueremo a utilizzare tutti i poteri a nostra disposizione per mitigare le distruzioni sul mercato e promuovere un’economia solida e vibrante’’. Ed e’ proprio sulle future mosse della Fed che il mercato scommette e trova conforto : gli investitori puntano a un taglio a breve del costo del denaro in seguito al susseguirsi di indicazioni congiunturali negative. L’ultima e’ giunta oggi : a settembre sono stati persi 159.000 posti di lavoro. Il tasso di disoccupazione e’ salito al 6,1%, ai massimi degli ultimi cinque anni. I futures sui tassi indicano che le probabilita’ di un ribasso di mezzo punto del costo del denaro nella riunione del Fomc di ottobre sono salite al 92%. Il restante 8% accredita un taglio di 75 punti base. Il piano, gia’ firmato anche dal presidente George W. Bush, non suscita l’entusiasmo degli operatori, scettici sul fatto che la nuova versione sia sufficiente a far ripartire l’economia americana, che mostra segni evidenti di rallentamento anche a causa della sempre piu’ scarsa disponibilita’ delle banche a prestare denaro. Con i rubinetti del credito chiusi, un crescente numero di famiglie fatica ad ottenere finanziamenti, cosi’ come le piccole imprese, rallentando di conseguenza i consumi, motore dell’economia statunitense rappresentando i due terzi del Pil. La crisi finanziaria ha contagiato l’economia reale, spingendo gli Usa sull’orlo della recessione.

USA : PERSI 159.000 POSTI, PEGGIO DEL PREVISTO

Gli Stati Uniti a settembre hanno perso 159.000 posti di lavoro, contro previsioni per 105.000 occupati in meno. Il tasso di disoccupazione è rimasto stabile al 6,1% come nelle previsioni. L’emorragia di posti di lavoro - scrive la Bloomberg - è la peggiore degli ultimi cinque anni, e si accompagna ad un incremento dei salari medi (+0,3% su mese) inferiore al previsto che fa presagire un impatto negativo sui consumi. Ad agosto gli occupati erano diminuiti di 73.000 unità, sempre secondo il dipartimento del Lavoro. Dopo il dato di oggi gli Usa, dall’inizio dell’anno, hanno perso 760.000 occupati. Nel 2007 erano stati creati 1,1 milioni di posti di lavoro in più. Il calo degli occupati ha toccato le fabbriche, che hanno perso 51.000 posti dopo i 56.000 di agosto, e il settore delle costruzioni (-35.000 posti dopo i -13.000 di agosto), ma anche la finanza (-17.000) e i servizi (incluse banche, assicurazioni, ristoranti e vendite al dettaglio), con -82.000 posti.


Ce forum est modéré à priori : votre contribution n'apparaîtra qu'après avoir été validée par un administrateur du site.

Titre :

Texte de votre message :
(Pour créer des paragraphes, laissez simplement des lignes vides.)

Lien hypertexte (optionnel)
(Si votre message se réfère à un article publié sur le Web, ou à une page fournissant plus d'informations, veuillez indiquer ci-après le titre de la page et son adresse URL.)
Titre :

URL :

Qui êtes-vous ? (optionnel)
Votre nom (ou pseudonyme) :

Votre adresse email :