Poster un message

En réponse à :
FORZA THAILANDIA !!! VIVA LA THAILANDIA !!!

L’AVVENTURA DEL CAVALIERE DELLA THAILANDIA E’ FINITA. L’EX-PREMIER THAKSIN SHINAWATRA HA CHIESTO ASILO POLITICO A LONDRA - a cura di pfls

mardi 7 octobre 2008 par Maria Paola Falchinelli
[...] Shinawatra Ŕ stato l’uomo pi¨ ricco del paese ed era a capo della Shin Corporation tramite cui controllava la maggiore compagnia di telefonia mobile del paese asiatico. ╚ dall’intreccio tra questi interessi imprenditoriali e il suo impegno politico che Ŕ nato un consistente conflitto di interessi. Nel 2001 evit˛ l’arresto ed il bando di cinque anni dalla vita politica corrompendo i giudici e condizionando le indagini.
Dopo lo scampato pericolo, Shinawatra fu rieletto nel 2005 (...)

En réponse à :

> L’AVVENTURA DEL CAVALIERE DELLA THAILANDIA E’ FINITA. --- Manifestanti dell’Alleanza popolare per la Democrazia, contrari al ritorno al potere dell’ex premier Thaksin, chiedono che il governo venga sciolto. Parlamento circondato : un morto e centinaia di feriti negli scontri.

mardi 7 octobre 2008

Il PAD Ŕ una coalizione di gruppi contrari al ritorno al potere dell’ex premier Thaksin

Thailandia, Parlamento circondato : un morto e centinaia di feriti negli scontri

Manifestanti dell’Alleanza popolare per la Democrazia chiedono che il governo venga sciolto entro oggi. Il primo ministro Ŕ stato costretto a lasciare la sede delle Camere in elicottero. Centinaia i parlamentari bloccati all’interno dell’edificio. Il vicepremier lascia : si Ŕ assunto la responsabilitÓ del fallimento dei negoziati per arrivare ad un accordo con i dimostranti

Bangkok, 7 ott. (Adnkronos/Ign) - E’ di un morto ed un centinaio di feriti il bilancio degli scontri tra polizia e dimostranti antigovernativi avvenuti oggi intorno al parlamento di Bangkok. La vittima era l’autista di una jeep parcheggiata vicino alla sede della Camere ed esplosa per cause ancora non chiarite.

Una vera e propria guerriglia quella che Ŕ andata in scena davanti la sede del Parlamento accerchiata stamattina da migliaia di manifestanti dell’Alleanza popolare per la Democrazia (PAD) il cui obiettivo era impedire alle due camere di tenere la sessione con cui doveva essere approvata la dichiarazione politica programmatica del nuovo governo. L’assemblea si Ŕ comunque svolta, ma i dimostranti sono riusciti a bloccare le vie d’uscite dell’edificio, costringendo il primo ministro thailandese, Somchai Wongsawat, ad abbandonare il Parlamento in elicottero e bloccando all’interno centinaia di parlamentari.

Vano il tentativo degli agenti antisommossa di disperdere i manifestanti con cariche e gas lacrimogeni. Gli opppositori al governo si sono rifiutati di lasciare la zona e alcuni si sono armati di mazze da golf, sbarre di ferro e bastoni. Settanta dimostranti del PAD sono stati feriti, alcuni in modo grave, e testimoni accusano la polizia di aver fatto ricorso a proiettili di gomma.

L’attacco della polizia Ŕ stato immediatamente condannato dai gruppi per i diritti umani e dal Partito democratico di opposizione che, in segno di protesta, si Ŕ rifiutato di prendere parte alla seduta parlamentare.

’’Vogliamo che il governo sciolga il Parlamento entro le sei di questo pomeriggio’’, ha intimato Sonthi Limthongkul, esponente di spicco del PAD, che dal 26 agosto scorso occupa la sede del governo. ’’Nel caso contrario adotteremo misure forti contro il governo’’, ha avvertito.

Intanto, il vicepremier thailandese Chavalit Yongchaiyudh ha rassegnato le dimissioni assumendosi la responsabilitÓ del fallimento dei negoziati per arrivare ad un accordo tra dimostranti e governo. Yongchaiyudh era stato nominato numero due del governo il mese scorso e a lui era stata assegnata la responsabilitÓ sulla sicurezza e l’incarico di negoziatore capo del governo nei colloqui con i manifestanti del PAD per arrivare ad una composizione pacifica della crisi in corso.

Il PAD Ŕ una coalizione di gruppi contrari al ritorno al potere dell’ex premier Thaksin Shinawatra, cacciato con un colpo di stato militare il 19 settembre 2006 : l’attuale governo, guidato dal Partito del potere del popolo (PPP), strettamente legato a Thaksin, Ŕ attualmente capeggiato dal cognato dell’ex premier, Somchai.


Ce forum est modéré à priori : votre contribution n'apparaîtra qu'après avoir été validée par un administrateur du site.

Titre :

Texte de votre message :
(Pour créer des paragraphes, laissez simplement des lignes vides.)

Lien hypertexte (optionnel)
(Si votre message se réfère à un article publié sur le Web, ou à une page fournissant plus d'informations, veuillez indiquer ci-après le titre de la page et son adresse URL.)
Titre :

URL :

Qui êtes-vous ? (optionnel)
Votre nom (ou pseudonyme) :

Votre adresse email :