Poster un message

En réponse à :
COSTITUZIONE (ART. 87) : IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA E’ IL CAPO DELLO STATO E RAPPRESENTA L’UNITA’ NAZIONALE..... DELL’ITALIA !!!

LA SCUOLA E’ MESSA A MORTE !!! IL DECRETO GELMINI E’ UN DECRETO DEL PARLAMENTO DEL PARTITO ASSOLUTO DEL CAVALIERE DI "FORZA ITALIA" !!! LE EMAIL E GLI SMS PER IL QUIRINALE SONO LE ULTIME VOLONTA’ DEL POPOLO ITALIANO IMPEDITO ANCHE NEL SEMPLICE POTERE DI DIRE E GRIDARE : FORZA ITALIA !!! Il terribile è già accaduto e la dignità dell’Italia è stata già persa... - a cura di Federico La Sala

Riforma Gelmini, email al Quirinale. Napolitano : ’Non posso intervenire’
mercredi 15 octobre 2008 par Maria Paola Falchinelli
VOTO DI FIDUCIA SUL DECRETO GELMINI ?!! MA PRESIDENTE NAPOLITANO E’ POSSIBILE CHE UN GOVERNO, GUIDATO DAL PRESIDENTE DI UN PARTITO CHE SI CHIAMA "FORZA ITALIA", PROPONGA E BLINDI, NEL PARLAMENTO D’ITALIA, LA DISCUSSIONE SU UN DECRETO DA LEI FIRMATO ?!
NON LO RIFIRMI...
IL DIALOGO, LE ILLUSIONI PERDUTE, E UNA VERGOGNA PLANETARIA. SCIOGLIERE "FORZA ITALIA", PER LESA MAESTA’ DELL’ITALIA, DELLA SUA SOVRANITA’ E DELLA SUA SOVRA-UNITA’ !!!
NELLE MANI DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA LA BANDIERA (...)

En réponse à :

> LA SCUOLA E’ MESSA A MORTE !!! ---- ’’venerdì una marea in sciopero e in corteo’’. Lo annunciano i Cobas : ’’Attesi a Roma centinaia di pullman, treni e navi. Molti operai sciopereranno in difesa dei salari, dei servizi pubblici e contro lo scandalo delle morti bianche’’.

mercredi 15 octobre 2008

’’Migliaia di scuole resteranno chiuse’’

Scuola, ’’venerdì una marea in sciopero e in corteo’’

Lo annunciano i Cobas : ’’Attesi a Roma centinaia di pullman, treni e navi. Molti operai sciopereranno in difesa dei salari, dei servizi pubblici e contro lo scandalo delle morti bianche’’

Roma, 15 ott. (Adnkronos) - ’’Lo sciopero generale del 17 ottobre sarà il più partecipato di tutta la storia del sindacalismo antagonista e la manifestazione nazionale di Roma (da piazza della Repubblica, ore 10, a S.Giovanni) la più grande che abbiamo mai organizzato’’.

Così il portavoce nazionale dei Cobas della Scuola, Piero Bernocchi, parla della mobilitazione prevista per dopodomani sottolineando come ’’da tutta Italia una marea di lavoratori e lavoratrici convergerà a Roma con centinaia di pullman, treni, navi e con migliaia di automezzi privati’’.

’’Massiccia - prosegue Bernocchi - sarà sopratutto la presenza del popolo della scuola pubblica, docenti, Ata, studenti, genitori e cittadini impegnati a difendere e a migliorare la scuola, a impedirne la distruzione programmata da Tremonti-Gelmini, i catastrofici tagli di duecentomila posti di lavoro, di scuole, classi, orari, la riesumazione della anacronistica ’maestra unica’, l’espulsione in massa dei precari.

Migliaia di scuole resteranno chiuse e la maggioranza di docenti ed Ata non farà per 24 ore lezione’’. ’’Essi -aggiunge il leader dei Cobas- si raccoglieranno in testa al corteo, che sara’ aperto dallo striscione ’Basta con la distruzione di lavoro, salari, scuola e servizi pubblici’ e da uno spezzone unitario con le bandiere e gli obiettivi delle tre organizzazioni promotrici (Cobas, Cub e SdL). Il popolo della scuola pubblica sfilerà dietro lo striscione ’No alla distruzione della scuola’’’.

’’Insieme ad esso -prosegue Bernocchi- saranno in piazza tantissimi lavoratori/trici che trovano intollerabile che il governo, mentre decide di investire somme stratosferiche per salvare le banche fraudolente e i banchieri corsari, continui a tagliare posti di lavoro, salari, scuola e servizi pubblici. Oltre alla scuola, lo sciopero coinvolgerà sopratutto il pubblico impiego e i trasporti : nelle citta’ i mezzi pubblici si fermeranno con modalità differenti (a Roma dalle 8.30 alle 16.30), i ferrovieri dalle 9 alle 17, il trasporto marittimo dalle 8 alle 16, quello aereo tra le 10 e le 18’’.

’’Ma anche molti operai sciopereranno in difesa dei salari, della scuola e dei servizi pubblici, contro l’orrenda strage che ogni giorno gli omicidi ’bianchi’ compiono nei posti di lavoro. Sarà una grande iniezione di fiducia -conclude Bernocchi- per quei milioni di cittadini/e che vogliono invertire radicalmente le catastrofiche politiche liberiste che da decenni provocano l’impoverimento dei salariati e dei pensionati e la disgregazione della Stato sociale, della scuola e dei servizi pubblici’’.


Ce forum est modéré à priori : votre contribution n'apparaîtra qu'après avoir été validée par un administrateur du site.

Titre :

Texte de votre message :
(Pour créer des paragraphes, laissez simplement des lignes vides.)

Lien hypertexte (optionnel)
(Si votre message se réfère à un article publié sur le Web, ou à une page fournissant plus d'informations, veuillez indiquer ci-après le titre de la page et son adresse URL.)
Titre :

URL :

Qui êtes-vous ? (optionnel)
Votre nom (ou pseudonyme) :

Votre adresse email :