Inviare un messaggio

In risposta a:
DA NORD A SUD. Nel vuoto gli allarmi sulla sicurezza...

NEL LICEO SCIENTIFICO DI RIVOLI, L’ENNESIMA TRAGEDIA DI UN’ITALIA SGARRUPATA. Nel nostro Paese, due scuole su tre sono fuorilegge. Una scheda di Salvo Intravaia e un articolo di Federica Cravero e Meo Ponte sull’accaduto - a cura di Federico La Sala

Crolla tetto di un liceo, muore studente di 17 anni. Una ventina i ragazzi rimasti feriti di cui quattro gravi: uno di questi rischia la paralisi.
sabato 22 novembre 2008 di Maria Paola Falchinelli
[...] La vittima si chiamava Vito Scafidi, aveva 17 anni e abitava a Pianezza, localitÓ a pochi chilometri dalla scuola. Il giovane frequentava la quarta G e si trovava nella sua classe, al primo piano, durante l’intervallo, quando il soffitto Ŕ crollato. GiÓ nella notte un albero ad alto fusto era caduto nel cortile del complesso scolastico. I soffitti delle aule vicine hanno retto ma ci sono vistose crepe.
Un cedimento strutturale - non il vento o il maltempo - sarebbe la causa del (...)

In risposta a:

> NEL LICEO SCIENTIFICO DI RIVOLI, L’ENNESIMA TRAGEDIA DI UN’ITALIA SGARRUPATA. --- Il segretario della Cisl invoca uno stop al "discorso surreale di tagli all’istruzione" e chiede un intervento per far fronte "alla situazione fatiscente degli istituti scolastici nel Paese".

domenica 23 novembre 2008

In una conferenza stampa all’Aquila il premier sostiene che "non c’erano indizi di pericolositÓ" Ma aggiunge: "Sono circa 2500 scuole sulle quali bisogna approfondire la situazione"

-  Rivoli, Berlusconi: "Drammatica fatalitÓ"
-  Bonanni non ci sta: "Servono fondi per la scuola"

Il segretario della Cisl invoca uno stop al "discorso surreale di tagli all’istruzione" e chiede un intervento per far fronte "alla situazione fatiscente degli istituti scolastici nel Paese"

TORINO - All’indomani del crollo di un soffitto di una scuola di Rivoli (Torino) che ha provocato la morte di un ragazzo di 17 anni, e il ferimento di una ventina di altri suoi compagni, oggi c’Ŕ uno scontro a distanza tra il presidente del Consiglio Berlusconi, che sostiene che si sia trattata di "una drammatica fatalitÓ", e il segretario della Cisl Bonanni, che punta il dito invece contro "la situazione da terzo mondo" dell’edilizia scolastica in Italia, e chiede a governo ed enti locali di provvedere, ponendo fine al "discorso surreale del tagli alla scuola".

Se la procura procede per disastro e omicidio colposo, stamane in una conferenza stampa all’Aquila il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi ha sostenuto al contrario che si Ŕ trattato di "una fatalitÓ drammatica", dal momento che "poteva succedere anche in una abitazione, non c’erano indizi di pericolositÓ. Nessuno aveva denunciato ipotesi di pericolo".

Ha per˛ aggiunto che "La sicurezza Ŕ il minimo, Ŕ la condizione di fondo", e che "sono circa 2500 scuole sulle quali bisogna approfondire la situazione". Il presidente del consiglio ha anche ricordato di aver dato a Guido Bertolaso nei mesi passati il mandato a sottoporre a verifica un lotto di circa 100 scuole.

"Abbiamo - ha detto il premier - inserito in Finanziaria un finanziamento di 70 milioni di euro. Si tratta di scuole soprattutto situate in zone sismiche e cercheremo di procedere alla messa in sicurezza". Berlusconi ha ricordato infine che Ŕ compito delle province verificare ala sicurezza degli edifici scolastici: "E’ una loro responsabilitÓ. Quando mandiamo i bambini a scuola pensiamo che siano in un posto sicuro, la sicurezza Ŕ la cosa fondamentale".

Ma il segretario generale della Cisl Raffaele Bonanni punta il dito contro le istituzioni: "Bisognerebbe mobilitarsi tutti senza distinzioni politiche ed ideologiche - ha detto - La scuola non pu˛ essere un luogo di morte e di dolore. Dovrebbe essere il luogo della vita e della crescita civile e culturale di un paese. Il sindacato ha pi¨ volte denunciato la situazione fatiscente degli edifici scolastici nel nostro paese. E’ una situazione da terzo mondo, che riguarda Nord, Centro e Sud senza distinzioni. Ci sono omissioni e responsabilitÓ gravi degli organi di controllo, degli enti locali e delle istituzioni nazionali".

"Da una parte c’Ŕ un discorso surreale di tagli alla scuola, e dall’altro su questo tema c’Ŕ una contrapposizione politica ed ideologica spesso strumentale ed esasperata. Invece sulla scuola c’Ŕ bisogno di unitÓ di intenti e di responsabilitÓ collettive", sostiene Bonanni, aggiungendo che "la scuola deve diventare il primo problema nazionale. I cittadini vogliono risposte concrete su questo tema. Non bastano le promesse e non servono le polemiche inutili".

Quello che Ŕ successo "solleva inquietanti interrogativi sulle garanzie a presidio della sicurezza negli istituti scolastici", aveva denunciato ieri il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano. E poco prima, la zia di Vito Scafidi, il ragazzo ucciso dal crollo, aveva chiesto a giornalisti e fotografi: "Fate vedere in che condizioni sono le scuole e che si pu˛ morire a 17 anni andando a lezione".

"Si tratta di una tragedia annunciata - aveva ribadito ieri il presidente Codacons Carlo Rienzi - infatti il 75% degli istituti scolastici presenti sul nostro territorio non Ŕ sicuro poichŔ mancano diversi certificati previsti dalla legge. Da anni denunciamo lo stato di fatiscenza delle scuole italiane senza ottenere alcun intervento delle istituzioni a salvaguardia dell’incolumitÓ degli studenti".

Per martedý 25 l’associazione Cittadinanzattiva ha proclamato la VI Giornata nazionale della sicurezza nelle scuole, alla quale quest’anno parteciperanno 10.000 istituti.

* la Repubblica, 23 novembre 2008


Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Titolo:

Testo del messaggio:
(Per creare dei paragrafi separati, lascia semplicemente delle linee vuote)

Link ipertestuale (opzionale)
(Se il tuo messaggio si riferisce ad un articolo pubblicato sul Web o ad una pagina contenente maggiori informazioni, indica di seguito il titolo della pagina ed il suo indirizzo URL.)
Titolo:

URL:

Chi sei? (opzionale)
Nome (o pseudonimo):

Indirizzo email: