Inviare un messaggio

In risposta a:
La Sala

L’AMORE NON E’ LO ZIMBELLO DEL TEMPO: "AMORE E’ PIU’ FORTE DI MORTE" (Cantico dei cantici: 8.6). Un omaggio a William Shakespeare* e a Giovanni Garbini** - progetto e selezione a cura del prof. Federico La Sala

lunedì 6 febbraio 2006 di Emiliano Morrone
SHAKESPEARE, SONETTO 116
Let me not to the marriage of true minds
Admit impediments. Love is not love
Which alters when it alteration finds,
Or bends with the remover to remove:
O, no! it is an ever-fixed mark,
That looks on tempests and is never shaken;
It is the star to every wandering bark,
Whose worth’s unknown, although his height be taken.
Love’s not Time’s fool, though rosy lips and cheeks
Within his bending sickle’s compass come;
Love alters not with his brief hours and (...)

In risposta a:

> L’AMORE NON E’ LO ZIMBELLO DEL TEMPO: "AMORE E’ PIU’ FORTE DI MORTE" (Cantico dei cantici: 8.6). Un omaggio a William Shakespeare* e a Giovanni Garbini** - ---- Colin McGinn, Shakespeare filosofo. Il significato nascosto nella sua opera (Nota di Leopoldo Fabiani).

sabato 7 giugno 2008

Shakespeare filosofo

di Leopoldo Fabiani (la Repubblica, 07.06.2008)

Il genio di William Shakespeare Ŕ stato celebrato, commentato, analizzato in innumerevoli modi. Tra i meno consueti Ŕ sostenere la tesi il grande Bardo sia stato anche filosofo. Colin McGinn, studioso di filosofia della universitÓ di Miami, formatosi a Oxford, collaboratore della London Review of Books, ha esaminato sei capolavori shakespeariani (Amleto, Otello, Re Lear, Macbeth, Sogno di una notte di mezza estate e La tempesta) in chiave filosofica e ne ha tratto un libro che negli Stati Uniti ha suscitato molta curiositÓ e qualche discussione: Shakespeare filosofo. Il significato nascosto nella sua opera, che sarÓ pubblicato a luglio dall’editore Fazi.

L’idea che sta alla base del libro Ŕ che nelle sue opere Shakespeare abbia tentato di dare risposta a questioni squisitamente filosofiche come l’effettiva consistenza dell’"Io", la funzione manipolatoria del linguaggio, il concetto di causa, la possibilitÓ della conoscenza del mondo da parte dell’uomo. E che il "genio senza tempo" sia stato comunque un uomo ben piantato nella sua epoca, influenzato da quanto gli avveniva intorno e attento alle novitÓ.

Secondo McGinn Shakespeare avrebbe conosciuto e sarebbe stato profondamente influenzato dalle opere di Montaigne (il cui saggio sui cannibali sarebbe a tra le fonti della Tempesta), e sarebbe poi approdato a una concezione scettica della vita (che viene dedotta in particolare dall’Amleto).

Anche se l’idea che pensatori come Hume e Wittgenstein siano stati ispirati dal "canone" shakespeariano ha suscitato pi¨ di un dubbio, senz’altro il libro di McGinn apre prospettive nuove su un’opera di cui Ŕ facile pensare che tutto sia giÓ stato detto.


Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Titolo:

Testo del messaggio:
(Per creare dei paragrafi separati, lascia semplicemente delle linee vuote)

Link ipertestuale (opzionale)
(Se il tuo messaggio si riferisce ad un articolo pubblicato sul Web o ad una pagina contenente maggiori informazioni, indica di seguito il titolo della pagina ed il suo indirizzo URL.)
Titolo:

URL:

Chi sei? (opzionale)
Nome (o pseudonimo):

Indirizzo email: