Poster un message

En réponse à :
Guerra mediatica....

ANNOZERO, LA GUERRA A GAZA E IL POPOLO ITALIANO DA "ORIENTARE" (LUCIA ANNUNZIATA).

vendredi 16 janvier 2009 par Federico La Sala
Ieri la puntata su Gaza, con la lite tra Santoro e la Annunziata che poi abbandona lo studio
L’ambasciatore dello Stato ebraico esprime la sua indignazione : "Spettacolo vergognoso"
"Annozero", Israele protesta
Fini : "Superata ogni decenza"
Il conduttore replica : "E’ lui a travalicare i compiti : una richiesta di censura"
E Urbani e Petruccioli assicurano : della vicenda si occuperà il prossimo cda della Rai
ROMA - Ieri, su RaiDue, una puntata di Annozero particolarmente agitata, con (...)

En réponse à :

> ANNOZERO, LA GUERRA A GAZA E IL POPOLO ITALIANO DA "ORIENTARE" (LUCIA ANNUNZIATA). ... ’Annozero’, botta e risposta Fini-Santoro : ’’Superata ogni decenza’’.

vendredi 16 janvier 2009

La puntata di ieri era dedicata alla strage di bambini a Gaza

’Annozero’, botta e risposta Fini-Santoro : ’’Superata ogni decenza’’

Fini telefona a Petruccioli e alla Annunziata, che ieri ha abbandonato la trasmissione, per esprimerle ’’solidarietà e apprezzamento’’. Il giornalista replica : ’’Limite della decenza superato da Fini’’. Guarda il video dello scontro. Quando l’Annunziata ’subì’ il me ne vado di Berlusconi

Roma, 16 gen. (Adnkronos/Ign) - Il presidente della Camera Gianfranco Fini (nella foto) ha telefonato al presidente della Rai, Claudio Petruccioli, per dirgli che ’’nel corso della trasmissione di Michele Santoro, ’Annozero’, ieri sera è stato superato ogni livello di decenza’’. Fini ha poi chiamato Lucia Annunziata per esprimerle ’’solidarietà e apprezzamento’’. Ieri la giornalista ha abbandonato lo studio all’apice di uno scontro verbale con Santoro, accusando la trasmissione di essere schierata a favore dei palestinesi.

Il presidente Rai, in serata, ha fatto sapere che ’Annozero’ merita critiche severe. ’’Ma non per mettere sotto accusa un modo di far televisione ; bensi’ per indurre tutti, di fronte a un conflitto cosi’ doloroso, a non cadere piu’ in errori del genere". Lo sottolinea, in una lettera inviata al presidente della Camera Gianfranco Fini in risposta alla telefonata arrivatagli da quest’ultimo in mattinata. "Con questo spirito -aggiunge Petruccioli. mi impegno affinché la Rai svolga sempre meglio la sua essenziale funzione ; e sottoporrò queste riflessioni alla valutazione del Consiglio di Amministrazione mercoledì prossimo".

La replica di Santoro a Fini non si è fatta attendere. "In un Paese normale il livello della decenza lo supera un presidente della Camera che, travalicando i suoi compiti istituzionali, interviene per richiedere una censura nei confronti di un giornalista che sta compiendo il suo dovere di informare l’opinione pubblica" sono state le sue parole. Santoro ricorda che la legge prevede che "la determinazione dell’indirizzo generale e l’esercizio della vigilanza dei servizi radiotelevisivi competono alla Commissione parlamentare di vigilanza sul servizio pubblico radiotelevisivo".

A intervenire è stata poi la stessa Annunziata. "C’è una trasmissione e ognuno vedendola può farsi una sua opinione" ha detto all’Adnkronos.

Immancabili le reazioni politiche. "Se anche Lucia Annunziata ha ritenuto così fazioso Santoro, al punto di dover abbandonare la trasmissione Rai di unilaterale attacco ad Israele, l’azienda pubblica dovrebbe interrogarsi su questo modo di fare informazione - afferma il presidente del Pdl al Senato, Maurizio Gasparri - Siamo al fiancheggiamento di ogni estremismo". Riguardo poi alla replica al presidente della Camera, "Santoro non offenda Fini. Gli regalo uno specchio così vedrà una faccia indecente. La sua è TeleHamas. Più parlano lui e la sua spalla, più ci votano".

’’Devo dire che neppure su Al Jazeera si registrano livelli simili di faziosità anti-israeliana’’ attacca anche il portavoce di Forza Italia, Daniele Capezzone. Mentre il vicecapogruppo del Pdl alla Camera, Italo Bocchino, precisa che "quella di Fini a Santoro non è censura, ma critica decisa da parte delle istituzioni a un uso improprio del servizio pubblico radiotelevisivo. Nessuno può e deve mettere in discussione la libertà del giornalista Santoro, ma chi ha compiti istituzionali può e deve invece rilevare le distorsioni della tv di Stato’’.

Secondo Fiamma Nirenstein (Pdl), vicepresidente della commissione Esteri della Camera, la Annunziata ha fatto bene ad andarsene da una trasmissione ’’fonte di disinformazione mestatoria e confusiva tesa a creare la criminalizzazione dello Stato d’Israele". "Bene - dice Nirenstein - ha fatto la collega Lucia Annunziata ad abbandonare un dibattito disinformativo. Il servizio pubblico dovrebbe intervenire per verificare un minimo di livello culturale e morale dei suoi prodotti, pena la trasformazione dell’informazione in incitamento pericoloso e primitivo".

Per il Pd parla Giorgio Merlo, vice presidente della Vigilanza Rai, che sottolinea come "la garanzia del pluralismo e la non ridicolizzazione degli ospiti sono e restano i due capisaldi essenziali che qualificano e differenziano un servizio pubblico radiotelevisivo rispetto a qualsiasi altra forma di emittenza. Ora, senza mettere in discussione la professionalità di Santoro, è indubbio che è difficilmente contestabile la scelta di Lucia Annunziata di abbandonare la trasmissione di ’Annozero’ ieri sera".

Chiede alla Vigilanza Rai di intervenire su ’Annozero’ il segretario del Pri, Francesco Nucara. Mentre solidarietà a Santoro arriva dal Pdci. Ieri, da ’Annozero’ c’è stato ’’finalmente uno squarcio di verità giornalistica - rimarca Jacopo Venier, responsabile Esteri del Pdci - dopo giorni e giorni di bombardamento informativo su Gaza, la Palestina e il suo popolo. Santoro ha svelato agli occhi degli italiani come stanno realmente le cose". Per Venier "le critiche a Santoro di Gasparri e company sono il segno tangibile del clima unilaterale che si respira al governo. Contro Santoro, infatti, si è scatenata la solita canea che mira a criminalizzare chiunque critichi il governo di Israele. Condividiamo con lui questo destino, visto che nel nostro panorama politico siamo stati gli unici a prendere una posizione univoca su Gaza e a denunciare la propaganda informativa che sta andando in onda anche sulla Rai dall’inizio del massacro israeliano. Un motivo in più, questo, per scendere in piazza domani a Roma al grido di ’Siamo tutti palestinesi’".

Sulla stessa linea Manuela Palermi, direttore di ’Rinascita’. ’’Finalmente, grazie a Michele Santoro - dice Palermi - la televisione ha per la prima volta mostrato ai telespettatori italiani la tragica realtà di Gaza. Uno splendido e commovente ’Annozero’, quello di ieri sera, condotto da un giornalista che fa il suo mestiere con bravura, coraggio e serietà. Patetica e imbarazzante la fuga di Lucia Annunziata, che ci ha invece mostrato l’altra faccia del giornalismo : quello asservito e politicista’’.


Ce forum est modéré à priori : votre contribution n'apparaîtra qu'après avoir été validée par un administrateur du site.

Titre :

Texte de votre message :
(Pour créer des paragraphes, laissez simplement des lignes vides.)

Lien hypertexte (optionnel)
(Si votre message se réfère à un article publié sur le Web, ou à une page fournissant plus d'informations, veuillez indiquer ci-après le titre de la page et son adresse URL.)
Titre :

URL :

Qui êtes-vous ? (optionnel)
Votre nom (ou pseudonyme) :

Votre adresse email :