Poster un message

En réponse à :
NELL’EPOCA DELL’APPROPRIAZIONE INDEBITA DEL NOME DEL PAESE "ITALIA" DA PARTE DI UN PARTITO E DELL’ATTIVO SILENZIO DEI FILOSOFI E DEGLI INTELLETTUALI ....

A EUGENIO GARIN, IN OCCASIONE DEL CONVEGNO A FIRENZE, ALLA CUI APERTURA HA PARTECIPATO ANCHE IL PRESIDENTE NAPOLITANO. Un ricordo di Claudio Cesa - a cura di Federico La Sala

vendredi 6 mars 2009 par Federico La Sala
Il Presidente Napolitano a Firenze
Il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano partecipa, nel Salone dei Cinquecento di Palazzo Vecchio, all’apertura del convegno "Eugenio Garin. Dal Rinascimento all’Illuminismo", promosso dalla Scuola Normale di Pisa, dall’Istituto Nazionale di Studi sul Rinascimento e dal Comune di Firenze.
Ad aprire i lavori del convegno gli interventi del Sindaco Leonardo Domenici, del Direttore della Normale, Salvatore Settis e del Presidente dell’Istituto, (...)

En réponse à :

> A EUGENIO GARIN, IN OCCASIONE DEL CONVEGNO A FIRENZE, ALLA CUI APERTURA HA PARTECIPATO ANCHE IL PRESIDENTE NAPOLITANO. ---- All’Università ? Vado in Inghilterra...In un anno (2008-2009) il numero delle domande è salito del 21%.

vendredi 6 mars 2009

Andare a studiare in un college oltremanica non è difficile e non costa neanche troppo. Le procedure, le domande, le agenzie che aiutano

-  All’Università ? Vado in Inghilterra
-  Sempre più italiani ci provano

In un anno (2008-2009) il numero delle domande è salito del 21%

di CHIARA BRUSA GALLINA *

ROMA - Saranno i tagli che incombono sulla scuola e la ricerca italiane. Sarà la sterlina debole. Sarà la voglia di respirare la cultura inglese o la certezza che imparare alla perfezione la lingua di Shakespeare spalancherà anche le porte più pesanti del mondo del lavoro. Fatto sta che gli italiani sono sempre più attratti dalle università britanniche. Le loro domande di ammissione viaggiano online verso le blasonate Oxford e Cambridge, ma anche Brighton, Leicester, gli atenei di Londra. Un processo, quello di ammissione, che è già di per sé un ostacolo : la domanda è il primo esame che inaugura il corso di studi. Il percorso non è semplice per chi non ha buona padronanza della lingua. Ma gli italiani, in questo senso, si sono già dati da fare e hanno sfoderato la loro proverbiale "arte di arrangiarsi".

Il dato. Sono sempre più gli "Italians" che scelgono di andare oltre Manica dopo la maturità : tra il 2008 e il 2009 le richieste sono aumentate del 21% secondo l’Ucas, l’agenzia che si occupa della gestione delle domande di ammissione alle lauree di primo livello, i cosiddetti "undergraduate degrees". Gli italiani che hanno inviato le domande erano 958 nel 2008, sono 1.160 quest’anno. Certo meno dei francesi, che sono più di 2mila, o dei cinesi (3.641), ma è la percentuale di crescita che fa la differenza : solo 7,5% tra 2008 e 2009 per gli studenti del Paese del Dragone e 14,4% per la Francia. Insomma, sembra che gli italiani si stiano svegliando dal torpore degli stereotipi che li vogliono restii a lasciare la casa di mamma e papà.

Senza contare che ci sono quelli impegnati in specializzazioni, master e dottorati : un universo più frammentato al quale si accede facendo richiesta alle singole università o tramite l’agenzia Ukpass, dove però non sono rappresentati tutti gli atenei.

Dopo la maturità. Per diventare "fresher", matricole, bisogna darsi da fare almeno un anno prima dell’inizio dei corsi. La scadenza per la consegna delle domande di ammissione è in genere il 15 gennaio, anche se alcune facoltà letterarie posticipano a marzo e altre, come medicina, ma anche i corsi di Oxford e Cambridge anticipano a ottobre. Il sistema che smista le richieste è centralizzato : si fa tutto in rete, tramite il sito dell’Ucas. Nel modulo di registrazione si inseriscono i dati personali, il curriculum di studio e si indicano le facoltà e le università per le quali si fa domanda (un massimo di cinque, ma in alcuni casi scende a quattro). Oltre alle informazioni personali, bisogna allegare anche il "reference", una lettera di presentazione del candidato scritta dall’insegnante di inglese e preferibilmente anche da un docente della materia scelta. Non basta : l’aspirante universitario deve inviare un "personal statement", una lettera alla commissione esaminatrice in cui illustra le proprie caratteristiche, le ragioni che lo spingono a fare domanda, le aspirazioni. E’ una pratica pressoché sconosciuta in Italia, ma molto diffusa all’estero : l’autopromozione, l’idea che bisogna guadagnarsi il posto vendendo il "prodotto" che siamo.

Il prezzo dell’istruzione. E’ vero che studiare all’estero non è alla portata di tutti, ma negli ultimi anni, anche grazie al fatto che la Gran Bretagna dà agevolazioni agli studenti dell’Unione Europea, è diventato molto più semplice. Il costo non è uniforme, dipende dalla facoltà e dall’ateneo. Per farsi un’idea, però, basta guardare la tabella del sito Education Uk dove viene segnalato il prezzo medio degli "undergraduate degrees" : si va dalle 4mila alle 21mila sterline l’anno, cioè da 4.500 a 23.000 euro circa. Ce n’è per tutte le tasche. All’università di Leicester, ad esempio, uno studente Ue può frequentare un "undergraduate programme" per 3.145 sterline l’anno, più o meno 3.500 euro l’anno. "Il costo della vita a Leicester è più basso rispetto ad altre città britanniche - si legge sul portale dell’università - con 640 sterline al mese (718 euro, ndr) uno studente riesce a coprire tutte le spese, dalla casa ai libri, al cibo".

Chi decide di studiare in Uk, deve considerare anche che non mancano le borse di studio (vedi il database) e che mantenersi con lavori part-time, dentro o fuori dai campus, non è un’impresa impossibile. Prima di inoltrare le domande, quindi, sempre meglio setacciare i siti delle singole università per avere un’idea sul costo delle rette e la possibilità di correre per una borsa di studio. Confusi ? Ci si può aiutare con l’International student calculator, uno strumento online per fare il bilancio di entrate e uscite, le previsioni, calcolare le possibilità.

Conoscenze linguistiche. La stessa domanda di ammissione è una verifica del livello di inglese, ma non esclude che si possa "barare", affidandosi troppo a dizionari, amici o internet per colmare le lacune. E allora ecco che le università potrebbero richiedere altro : un colloquio, una tesina oppure un certificato internazionale come gli esami di Cambridge o un punteggio minimo nei test Ielts. "Dal 2006 a oggi il numero degli italiani che fanno l’Ielts è cresciuto dell’80%", spiega Irene Manca, manager dell’ufficio esami del British Council, l’ente che detiene il marchio Ielts e si occupa della diffusione della cultura inglese nel mondo. L’Ielts si fa anche per avere un attestato da usare sul lavoro. "Ma almeno il 50% lo utilizza per accedere a corsi di studio", spiega Manca. Corsi che, oltre che in Gran Bretagna, possono essere anche in America o Australia.

Le consulenze. Se la destinazione scelta è il Regno Unito, non si è soli di fronte alla barriera dell’iscrizione : sono diverse le agenzie italiane che, oltre a offrire servizi per affittare case e prenotare vacanze, danno consulenze sulle domande.

"Ultimamente sono aumentate sia le richieste per aprire business sul suolo inglese sia per studiare all’università", dice Fabio Busatto, che insieme a Samuele Scodeggio ha creato e gestisce l’agenzia Sognando Londra. "Le facoltà più richieste sono business management, marketing e ingegneria", aggiunge Busatto. Nel loro forum i ragazzi cercano risposte per pianificare gli studi a Londra, consapevoli del fatto che affrontare esami universitari in inglese non è una passeggiata.

Ma è giusto che lo studente affronti la prima prova, quella dell’iscrizione, con il supporto di un’agenzia ? "E’ una cosa molto ’italianà e non si dovrebbe fare - afferma Irene Manca - bisognerebbe avere da subito il livello richiesto di lingua". "E’ una scelta personale e legale - ribatte Busatto - si tratta di consulenze, come quelle che danno i commercialisti sulla dichiarazione dei redditi". "La conoscenza non approfondita della lingua si rispecchia nei voti, ma anche nel tipo di università a cui si riesce ad accedere, non tutte sono allo stesso livello", sostiene Manca. La storia di Irene basta a chiarire quello che secondo lei è il percorso ideale da seguire. "Mi sono preparata prendendo lezioni private da una madrelingua durante le superiori - racconta - poi sono stata un anno a Londra, studiavo e lavoravo, prima di iscrivermi a business administration". Impegno e dedizione che non possono essere improvvisati, "of course".

* la Repubblica, 6 marzo 2009 - ripresa parziale.


Ce forum est modéré à priori : votre contribution n'apparaîtra qu'après avoir été validée par un administrateur du site.

Titre :

Texte de votre message :
(Pour créer des paragraphes, laissez simplement des lignes vides.)

Lien hypertexte (optionnel)
(Si votre message se réfère à un article publié sur le Web, ou à une page fournissant plus d'informations, veuillez indiquer ci-après le titre de la page et son adresse URL.)
Titre :

URL :

Qui êtes-vous ? (optionnel)
Votre nom (ou pseudonyme) :

Votre adresse email :