Inviare un messaggio

In risposta a:
LO SCAMBIO SIMBOLICO E LA MORTE (J. Baudrillard). LA CAVERNA PLATONICA E UNA MACCHINA PER NARCISO, LA FOTOGRAFIA ....

"OMBRE ET PHOTO": IN ITALIA, NELLA PRIMA REPUBBLICA "PLATONICA" A LUCI ROSSE E A CIELO APERTO. UNA GRANDE LEZIONE (E GLI SCATTI) DI BAUDRILLARD. Una mostra a Reggio Emilia - a cura di Federico La Sala

Il testo, inedito per l’Italia, Ŕ la base teorica su cui la vedova del filosofo, Marine, ha allestito la mostra fotografica che si inaugura oggi a Reggio Emilia
giovedì 30 aprile 2009 di Federico La Sala
[...] Vi Ŕ qui invece un errore totale sulla ripresa e sull’essenza dell’immagine, considerata uno stereotipo oggettivo. Infatti non si tratta affatto di una registrazione, ci sono tante cose che fotografiamo mentalmente, senza necessariamente usare una macchina fotografica (del resto le pi¨ belle sono forse quelle che avremmo potuto fare in sogno, ma, ahimŔ, non avevamo la macchina!). ╚ di una visione fotografica del mondo che si tratta nella fotografia, una visione del mondo nel suo (...)

In risposta a:

> "OMBRE ET PHOTO": ---- PORNOSOFIA di Simone Regazzoni: un’analisi della diffusione del porno nell’era di Internet (di Franco vanni - In bilico il prof.: -"La Cattolica non mi vuole pi¨"). .

sabato 22 maggio 2010


-  IL CASO

-  In bilico il prof di ’Pornosofia’
-  "La Cattolica non mi vuole pi¨"

-  Regazzoni aveva appena presentato a Torino il libro sulla diffusione del porno nel web
-  Contratto a rischio. L’sms dello storico ateneo milanese: "Ci ha creato grossi problemi"

-  di FRANCO VANNI *

L’annuncio lo ha dato a lezione, di fronte a sessanta studenti allibiti: "Temo che dall’anno prossimo non sar˛ pi¨ un professore di questo ateneo, e non per mia scelta. Come forse saprete, ho scritto un libro sgradito all’universitÓ". Chi parla Ŕ Simone Regazzoni, docente a contratto di storia economica della cultura in Cattolica. Sostiene che la sua cacciata dall’ateneo sia la conseguenza della pubblicazione di Pornosofia, presentato alla Fiera del libro di Torino: un’analisi della diffusione del porno nell’era di Internet.

Nel libro, l’autore ha omesso di qualificarsi come professore dell’ateneo, "una scelta concordata con l’universitÓ", dice. Ma nei giorni scorsi alcuni giornali, parlando del saggio, lo hanno qualificato come "docente in Cattolica" e "filosofo della Cattolica". "L’universitÓ non me l’ha perdonata - racconta Regazzoni - ho ricevuto un sms dalla coordinatrice del corso di laurea che parlava di "grosso problema da cui non si sa come uscire". Poi abbiamo avuto liti furiose. Risultato: lo scorso anno a quest’ora il rinnovo del contratto mi era giÓ stato comunicato, ora fanno addirittura resistenze per ricevermi".

La risposta dell’universitÓ: "Possiamo solo dire che, per l’anno accademico in corso, Regazzoni Ŕ un nostro contrattista". Regazzoni, prima di Pornosofia, aveva scritto altri sei libri che analizzano altri feticci della cultura contemporanea, da Harry Potter alla serie tv Doctor House. Volumi che gli erano valsi citazioni entusiaste sulle pubblicazioni della Cattolica. Ma ora tutto Ŕ cambiato. Nell’ultimo saggio, oltre ad analisi dotte della raffigurazione del nudo, si riportano descrizioni esplicite degli atti sessuali rappresentati in video. E il fatto che l’ateneo sia stato associato a "lingue che affondano" e "bocche spalancate", in largo Gemelli Ŕ stato preso male.

Paola Fandella, responsabile del corso di economia e gestione dei beni culturali e dello spettacolo, racconta: "La vicenda mi ha dato fastidio, Ŕ vero. Con Regazzoni abbiamo avuto confronti molto franchi. Ma il rinnovo dei docenti dipende dalla loro performance, e comunque non spetta a me decidere sui contratti annuali". Spetta alla FacoltÓ, e ai "designatori". Hanno davvero giÓ deciso per il taglio? La risposta della Cattolica Ŕ secca: "Per il rinnovo dei contrattisti c’Ŕ tempo fino a luglio". Ma Regazzoni non ci sta: "Che io sia ormai un ex docente non Ŕ un segreto, e la Cattolica ha il diritto a mettere in cattedra chi vuole. Non capisco per˛ perchÚ mi tengano sulle spine, costringendomi a uno stress notevole. Non posso accettare di fare da relatore per la tesi agli studenti, non sapendo se sar˛ ancora al mio posto".

Regazzoni, genovese nato nel 1975, Ŕ un allievo di Jacques Derrida. Ha fatto un dottorato in Filosofia all’universitÓ di Parigi 8, dove ha poi insegnato. Con la Cattolica ha cominciato a collaborare nel 2007, tenendo un seminario di Museologia applicata, cattedra che gli Ŕ stata poi assegnata a contratto lo scorso anno. Oggi ha due corsi, entrambi a Economia: Filosofia delle arti visive, seguito da tre soli ragazzi, e Storia economica della cultura, per gli studenti dei primi due anni, con 178 iscritti. Nella valutazione data dagli studenti Ŕ nella fascia pi¨ alta. "La veritÓ - dice Regazzoni - Ŕ che la pornografia Ŕ ancora tab¨. Fino all’uscita del libro l’ateneo mi elogiava, con pubblicazioni e attestati di stima. Oggi sono un fantasma".

* la Repubblica, 22 maggio 2010


Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Titolo:

Testo del messaggio:
(Per creare dei paragrafi separati, lascia semplicemente delle linee vuote)

Link ipertestuale (opzionale)
(Se il tuo messaggio si riferisce ad un articolo pubblicato sul Web o ad una pagina contenente maggiori informazioni, indica di seguito il titolo della pagina ed il suo indirizzo URL.)
Titolo:

URL:

Chi sei? (opzionale)
Nome (o pseudonimo):

Indirizzo email: