Poster un message

En réponse à :
L’EUROPA, L’ITALIA, E LA COSTITUZIONE : "AVERE IL CORAGGIO DI DIRE AI GIOVANI CHE SONO TUTTI SOVRANI ..." (don Lorenzo Milani).

ESAME DI MATURITA’ : PRIMA PROVA SCRITTA. Tracce .... im-possibili - a cura di Federico La Sala

mercredi 18 juin 2014
IL NOVECENTO : "MEDITATE CHE QUESTO E’ STATO". CON GRAMSCI, PRIMO LEVI E KURT H. WOLFF - SULLA ZATTERA DELLA MEDUSA, SU UN OCEANO DIPINTO, CON L’AMORE COGNITIVO. Materiali sull’argomento
ESAME DI MATURITA’, PER POLITICI, INTELLETTUALI, FILOSOFI, E ISTITUZIONI. Una traccia proposta dagli studenti e dalle studentesse, dai e dalle prof, di tutta l’Italia

[...] TRACCIA N. 4
DONNE E UOMINI, DEMOCRAZIA, E RICERCA SCIENTIFICA. Nei regimi totalitari, l’attività del cervello (...)

En réponse à :

> ESAME DI MATURITA’ 2009 --- La maturità anti-Gelmini. Dal Trentino che ha detto di no alle riforme della Gelmini agli udinesi che si trasferiscono in massa Napoli, fino ai trucchi sul web per essere promossi (di Flavia Amabile).

mercredi 3 juin 2009

La maturità anti-Gelmini

Dal Trentino che ha detto di no alle riforme della Gelmini agli udinesi che si trasferiscono in massa Napoli, fino ai trucchi sul web per essere promossi

di FLAVIA AMABILE (La Stampa, 3/6/2009)

Si chiama Marta Dalmaso, è assessore all’Istruzione e allo Sport della provincia di Trento ed è la spina nel fianco nel piano di riforma delle scuole del ministro dell’Istruzione Mariastella Gelmini. Marta Dalmaso, infatti, da mesi non fa mistero di non essere d’accordo con le novità decise a Roma. E così alla fine di aprile ha proposto un regolamento autonomo, la giunta lo ha approvato e da quel momento chi va a scuola in Trentino, grazie allo Statuto di provincia autonoma, della riforma Gelmini non vede applicato nulla. Per l’esame di maturità, ad esempio, le nuove regole prevedono infatti che gli studenti abbiano la sufficienza in ogni disciplina. A Trento e provincia basta la « valutazione complessivamente sufficiente » del consiglio di classe.

E non solo. Per tutto l’anno si è parlato di voto in condotta, del fatto che con un cinque non si viene ammessi né alla maturità né alle classi successive. A Trento e provincia il voto in condotta si chiama « valutazione della capacità relazionale » e ha soltanto « funzione educativa e formativa » ma non influisce su nulla.

Lo stesso per i voti : dalla prima elementare all’ultimo anno di superiori a Trento e dintorni si usano ancora i giudizi. I voti in decimi, dal loro punto di vista, possono aspettare.

Il regolamento vale solo per quest’anno ma di sicuro Marta Dalmaso riproverà anche l’anno prossimo a andare avanti lungo la sua strada, una strada di cui è convinta e che ben conosce visto che è lei stessa una docente. D’altra parte lo ha detto con estrema chiarezza dopo il via libera della giunta provinciale al regolamento autonomo per gli studenti trentini quando qualcuno l’ha accusata di buonismo per il suo no al cinque in condotta come condizione per la promozione : « Non voglio il buonismo, l’obiettivo non è certo nascondere i problemi, livellare tutto. La cosa migliore è guardare i problemi in faccia e aiutare i ragazzi a fare altrettanto. Però io credo che non si possano adottare scorciatoie : il cinque in condotta lo è e fa del male a tutti, e soprattutto alla scuola. Senza esito positivo ».


Ad un certo punto al liceo scientifico Copernico di Napoli si sono visti piovere addosso un’iscrizione in blocco all’esame di maturità : otto ragazzi di Udine che avevano scelto proprio quell’istituto , e l’avevano fatto tutti insieme. Ottocentocinquanta chilometri per andare a fare un esame di maturità non solo in una città diversa, ma anche in una regione diversa. Nessuno ha capito davvero che cosa ci sia dietro quest’esodo, si sa solo che al Copernico non l’hanno presa bene.

Gianfranco Pignatelli, architetto e professore di storia dell’arte, racconta : « Durante i recenti consigli delle classi finali, il preside ci ha comunicato l’iscrizione di un cospicuo numero di privatisti per i prossimi esami di Stato ». E Pignatelli avverte : « Non vorrei che questi ragazzi avessero pensato che la nostra scuola potesse diventare un terminale di comodo, e non vorrei che ora il nostro istituto possa essere considerato una scuola facile, perché non lo è per nulla. Valuteremo i privatisti esattamente come gli altri, con lo stesso metro di giudizio ».

Quest’anno i privatisti sono un po’ aumentati, dell’1% circa rispetto allo scorso anno, e di sicuro sono aumentati i pellegrinaggi della speranza, nonostante i tentativi di Giuseppe Fioroni quando era ministro dell’Istruzione di fermarli obbligandoli a dare l’esame nelle scuole statali e non in quelli che ormai stavano diventando veri e propri « diplomifici ». E’ del tutto regolare quindi che uno studente chieda di fare la maturità in una qualsiasi scuola pubblica d’Italia, anche se le domande vengono vagliate dai Provveditorati che dovrebbero distribuire lungo il territorio i candidati invece di inviarli in blocco in un’unica scuola come è accaduto in questo caso.

Quest’anno, comunque, i privatisti hanno un privilegio in più : non sono sottoposti al voto in condotta nella valutazione sull’ammissione all’esame. « Però - ricorda Gianfranco Pignatelli - devono superare un pre-esame con prove che dovranno verificare le loro conoscenze ».


« Non studiare oggi quello che puoi copiare domani », dicono quelli di « Scuola Zoo », sito di enorme seguito fra gli studenti. Non hanno dubbi : alla maturità si va per copiare, e quindi hanno deciso di mettersi in affari con una certa serietà, sfornando gadgets che promettono vita facile alla maturità. Da maggio i gadgets in questione sono disponibili non soltanto sul sito ma anche nelle cartolerie, oltre tremila in tutt’Italia. Ognuna di loro ha ricevuto penne, magliette, diari e gli orologi, l’arma infallibile, quella che chiunque voglia copiare dovrebbe avere secondo i responsabili di ScuolaZoo. In totale, gli orologi in vendita sono una trentina per provincia : « Per evitare che ce ne siano troppi in circolazione e che anche i professori lo vengano a scoprire », precisano.

Infatti non basta scorrere l’elenco delle cartolerie pubblicate sul sito, scegliere quella più vicina e andare a comprare il necessario per copiare all’esame. Arrivati in cartoleria, al commerciante bisogna chiedere i prodotti seguendo una procedura spiegata sul sito. « Altrimenti il commerciante non ci capisce niente », avvertono. Insomma un po’ di paura ce l’hanno gli inventori di questo grande gioco. Soltanto un po’ : sul sito sorridono in foto Francesco e Paolo, orgogliosi padri dell’orologio che promette di fare meraviglie alla maturità. E poi video e spiegazioni su come far funzionare i gadgets.

L’orologio-bigliettino è « la salvezza per la maturità ». Quelli in vendita sul sito infatti sono terminati : erano duecento, tutti venduti in tre settimane. La « salvezza per la maturità » è una sorta di mini-computer in grado di memorizzare file di testo con il compito già pronto. E’ l’erede tecnologico dei bigliettini arrotolati nelle penne, insomma. Con l’orologio basta premere un tasto e lasciar scorrere il testo mentre si scrive. C’è anche una funzione che non fa illuminare lo schermo per evitare di destare sospetti. Se non si vuol fare nemmeno la fatica di preparare i testi da inserire nell’orologio il sito ne offre di già pronti per l’uso. Costo : 49,50 euro. Il diario è un vero diario ma con cinque pagine alla fine « di bigliettini già pronti da strappare ». La maglietta-bigliettino costa 10 euro, è una t-shirt che sulla parte anteriore e su quella posteriore reca stampate formule e nozioni per superare la prova di matematica. L’anno scorso già ne avevano realizzata una simile, ne avevano vendute 13 mila anche se il trucco sembra piuttosto facile da scoprire.

In ogni caso, se a fare qualcosa di irregolare dovesse essere un docente gli studenti sarebbero pronti a riprenderlo. Basta avere la penna-video. Costa quasi 60 euro ma in realtà è una videocamera e registratore in miniatura e in formato digitale. Viene presentata come « l’arma segreta per spiare i professori ». E così gli studenti, dopo aver copiato, saranno armati per documentare errori, abusi, sviste altrui e postarle in rete.


Ce forum est modéré à priori : votre contribution n'apparaîtra qu'après avoir été validée par un administrateur du site.

Titre :

Texte de votre message :
(Pour créer des paragraphes, laissez simplement des lignes vides.)

Lien hypertexte (optionnel)
(Si votre message se réfère à un article publié sur le Web, ou à une page fournissant plus d'informations, veuillez indiquer ci-après le titre de la page et son adresse URL.)
Titre :

URL :

Qui êtes-vous ? (optionnel)
Votre nom (ou pseudonyme) :

Votre adresse email :