Warning: include_ecrire(ecrire/data/inc_meta_cache.php3) [function.include-ecrire]: failed to open stream: No such file or directory in /web/htdocs/www.lavocedifiore.org/home/SPIP/ecrire/inc_version.php3 on line 354

Warning: include_ecrire() [function.include]: Failed opening 'ecrire/data/inc_meta_cache.php3' for inclusion (include_path='.:/php4/lib/php/') in /web/htdocs/www.lavocedifiore.org/home/SPIP/ecrire/inc_version.php3 on line 354
[La Voce di Fiore] Inviare un messaggio

Inviare un messaggio

In risposta a:
Dal sito di Biagio Simonetta un video un po’ speciale...

Se questo è un uomo (P. Levi)

L’ex sindaco di Lamezia ritiene razzista un articolo a favore degli immigrati letto da Emiliano Morrone
domenica 24 gennaio 2010
Nel corso della puntata di "Perfidia" di qualche giorno fa Emiliano Morrone ha letto "Da Castel Volturno a Rosarno, il vento indignato di mamma Africa". Il testo di Biagio Simonetta ha suscitato più di qualche polemica. Su tutte, quella di Pasqualino Scaramuzzino che non ha esitato a definire lo scritto "un ragionamento razzista". Ecco il video...
Di seguito il testo letto da Emiliano Morrone durante "Perfidia" che secondo Scaramuzzino... è un ragionamento RAZZISTA...

In risposta a:

> Se questo è un uomo ----- Dopo i fatti e i misfatti di Rosarno, l’Italia intera deve capire che le vie da percorrere sono solo due (di don Paolo Farinella - La paura fa novanta e il bugiardo centottanta).

mercoledì 20 gennaio 2010

La paura fa novanta e il bugiardo centottanta

di don Paolo Farinella *

[pubblicato su la Repubblica/Il Lavoro (locale) 17 gennaio 2009, p. XV con il titolo: «Il cattivo esempio della Lega e le buone scelte della Moschea»] *

Dopo i fatti e i misfatti di Rosarno, l’Italia intera deve capire che le vie da percorrere sono solo due. La prima è la via della Lega, condivisa da tutto il governo e dall’attuale maggioranza, basata sulla stupidaggine della «tolleranza 0»: essa produce guerre, linciaggi, caccia ai «negri» e distruzione. La seconda è quella della intelligenza, della politica, della realtà che tiene conto di tutti i soggetti in questione e porta all’incontro, alle soluzioni, alla crescita in democrazia, in civiltà e in salute.

Sabato 23 gennaio a Genova, la Lega alimenterà ancora una volta la paura e l’odio verso gli immigrati con una raccolta di firme nel quartiere Lagaccio con risposta alla domanda: «Volete la moschea?». La risposta della Lega è obbligata: «NO». A questi politicanti non interessa che la loro guerra senza distinguo contro gli immigrati faccia il male degli abitanti del Lagaccio, di Genova e dell’Italia intera perché la paura è propria degli sconfitti.

Nell’anno che ha visto per la prima volta un uomo di colore diventare presidente degli Usa, noi torniamo indietro, al terrore del Ku-Klux-Klan in nome del dio Odino e del dio Po, che, come è noto, detengono il segreto delle sane radici cristiano-occidentali-bossiane. Eppure era appena ieri, nei giorni del Natale che il loro capo e direttore d’orchestra, inciampato nel Duomo di Milano, predicava l’amore e la castità universali.

Dovremmo essere grati agli immigrati di Rosarno che ci hanno dato una lezione di vita: hanno saputo a costo della loro vita protestare contro il caporalato e la ‘ndrangheta. Tutta la Calabria avrebbe dovuto alzarsi in piedi e mettersi dalla loro parte per difendere il diritto e la dignità del lavoro, il diritto degli immigrati di essere persone e non bestie, di avere riconosciuta la dignità dell’onorabilità. Di fronte a questi fatti gravi, di una valenza enorme, il risorto profeta dell’Amore a pagamento, non ha saputo dire una parola, perché per lui ama solo i giudici e chi non sta dalla sua parte.

La Lega e la maggioranza che sostiene Silvio Berlusconi, uomo senza coscienza e onore, sanno che cosa ha detto il 23 agosto nella 1a intervista alla sua nuova tv «Nessma» inaugurata a Tunisi? E’ bene che i Genovesi e gli Italiani che lo votano, sappiano che cosa ha detto Berlusconi a 120 milioni di Africani. Ecco le sue parole che si possono consultare in rete sul video registrato.

«Cosa serve per una tv di successo? Un buon casting femminile. E su questo io ho una competenza incredibile [...] È necessario incrementare le possibilità per la gente che vuole tentare nuove opportunità di vita e di lavoro, occorre aumentare le possibilità di entrare legalmente in Italia e negli altri Paesi europei. Questo è ciò che voglio sia fatto, non solo in Italia, ma in tutta Europa. [...] E poi bisogna dire che gli italiani sono stati un popolo che ha lasciato l’Italia e che è emigrato in altri Paesi, soprattutto in quelli americani. E allora questo ci impone il dovere di guardare a quanti vogliono venire in Italia con una apertura totale di cuore. E di donare a coloro che vengono in Italia la possibilità di un lavoro, di una casa, di una scuola per i figli, e la possibilità di un benessere che significa anche la salute e l’apertura di tutti i nostri ospedali alle loro necessità e questa è la politica del mio governo. [...] La cosa più terribile sono le organizzazioni criminali, che sono moltissime [...] Sono persone che approfittano della speranza degli altri che vogliono donare a se stessi e ai propri cari un futuro migliore. E allora si affidano a persone che con imbarcazioni non sicure si mettono in mare e questo porta a tragedie ad ogni istante. Occorre combattere tutto ciò. [...] [In Italia] lo Stato dà a chi perde il lavoro l’80% del suo stipendio precedente». Parola di Silvio Berlusconi alla sua tv in Tunisia.

Ora chi può, con buona coscienza, vada pure a votare a Genova contro la moschea.

-  Paolo Farinella, prete
-  Parrocchia S. Torpete - Genova

* Il Dialogo, Mercoledì 20 Gennaio,2010 Ore: 15:38


Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Titolo:

Testo del messaggio:
(Per creare dei paragrafi separati, lascia semplicemente delle linee vuote)

Link ipertestuale (opzionale)
(Se il tuo messaggio si riferisce ad un articolo pubblicato sul Web o ad una pagina contenente maggiori informazioni, indica di seguito il titolo della pagina ed il suo indirizzo URL.)
Titolo:

URL:

Chi sei? (opzionale)
Nome (o pseudonimo):

Indirizzo email: