Inviare un messaggio

In risposta a:
ITALIA: MONDIALI DI CALCIO E VUVUZELA. La vuvuzela, chiamata anche lepatata (in lingua tswana) o tromba da stadio, Ŕ una trombetta ad aria, solitamente di plastica, della lunghezza approssimativa di un metro ...

PROVA DI MATURITA’ 2010: I MONDIALI DI CALCIO E L’ITALIA, IN EVIDENTE CONFUSIONALE "STATO DI MINORITA’". Il "popolo della libertÓ" che grida "Forza Italia"!!! E la lega che grida "Forza Padania"!!! E tutti a guardare la "partita"!!! Sul "bel Paese", alcune note di "vuvuzela" - di Federico La Sala

venerdì 25 giugno 2010 di Federico La Sala
BLOB!!! CHE BEL COLPO DI STATO DOLCE!!!
IL POPOLO D’ITALIA IPNOTIZZATO, GIORGIO NAPOLITANO CHE GRIDA "FORZA ITALIA", E SILVIO BERLUSCONI CHE RIDE E RIDE A CREPAPELLE!!!
A vergogna del nostro presente, a futura memoria - note e appunti
ULTIMA NOTIZIA. Una riunione di grandi intellettuali (uomini e donne) delle Accademie e delle UniversitÓ della Penisola ha deciso all’unanimitÓ di approvare il nuovo inno "nazionale": "Forza Italia"!!!
Per l’avvio del nuovo anno scolastico e del nuovo (...)

In risposta a:

> PROVA DI MATURITA’ 2010. I MONDIALI DI CALCIO E L’ITALIA, IN EVIDENTE CONFUSIONALE "STATO DI MINORITA’". ---- NELSPRUIT (SUDAFRICA) - Italia brutta e a secco di gol. Con la Nuova Zelanda finisce 1-1. E ora la squadra di Lippi rischia davvero l’eliminazione (di Luca Gelmini).

domenica 20 giugno 2010

azzurri gelati dalla rete di smeltz in avvio. poi pareggia iaquinta su rigore

Italia brutta e a secco di gol

Con la Nuova Zelanda finisce 1-1. E ora la squadra di Lippi rischia davvero l’eliminazione

dal nostro inviato *

NELSPRUIT (SUDAFRICA) - E adesso si rischia. Nel źgironcino╗ l’Italia colleziona un altro pareggio (il secondo di fila) e finisce in una buca dalla quale sarÓ dura tirarsi fuori. Troppo brutta per essere vera la squadra bloccata dalla Nuova Zelanda e ora (quasi) obbligata a vincere contro la Slovacchia per non dire addio al Mondiale.

IN CAMPO COL 4-4-2 - C’Ŕ una sola novitÓ (per giunta annunciata) nell’undici proposto da Lippi rispetto alla gara d’esordio con il Paraguay: in porta, al posto del malandato Buffon, spazio a Marchetti. C’Ŕ per˛ un’altra idea tattica. Mollato il 4-2-3-1 si punta sul 4-4-2. Iaquinta fa compagnia a Gilardino. Marchisio lascia la trequarti (dove non ha brillato) per traslocare sulla fascia sinistra di centrocampo. Moduli diversi, stesso risultato: qualche sprazzo, tanta confusione e buchi in difesa.

AVVIO CHOC - La riprova si ha subito. Al 7’ punizione dalla destra dei neozelandesi, spizzata e punta del piede di Smeltz (per la veritÓ in fuorigioco) che beffa Marchetti. Nell’occasione Cannavaro non fa proprio un figurone. Centrato l’insperato obiettivo, i neozelandesi si ritirano nel guscio imbastendo un gioco ridotto all’essenziale. Prima regola: buttarla nel mucchio a cercare i tre giraffoni Fallon, Smeltz, e Killen. Seconda regola: usare piedi, testa e anche mani se servono. L’alfiere del gioco duro Ŕ Fallon (nomen, omen) che in 45’ minuti rifila tre gomitate in faccia a Zambrotta, Chiellini e Cannavaro e rimedia solo un’ammonizione.

PRESSING ITALIANO - E l’Italia? La reazione dei lippiani produce una serie di angoli, un tiro sballato di Chiellini (17’) da due passi, un fendente di Zambrotta (22’) che sibila vicino al palo e un bellissimo rasoterra di Montolivo (25’) che lo centra in pieno, il palo. Il pareggio, che arriva su rigore trasformato da Iaquinta al 28’ per trattenuta di Smith su De Rossi, Ŕ un premio alla nostra volontÓ. A quel punto t’aspetti la goleada e invece continua il calvario. ╚ sugli esterni che gli azzurri non vanno. Pepe ha perso lo smalto dell’esordio contro il Paraguay. E Marchisio, che Lippi vuole incursore alla Perrotta, si sfianca ma non punge.

GILARDINO SPENTO - Nella ripresa il ct ha provato a suonare un altro spartito. Il piano B prevede l’uscita di scena di Gilardino (con la serata di Nelspruit Ŕ da 85 giorni che non segna) per Di Natale e di Pepe per Camoranesi. Nell’ultima mezz’ora viene gettato nella mischia anche Pazzini (subentrato a Marchisio) a formare un tridente d’attacco. Ma l’occasionissima capita sui piedi del talentino kiwi Wood: al 38’ diagonale di poco fuori. Fosse entrata, saremmo giÓ sul volo che ci riporta a casa.

-  Luca Gelmini
-  Corriere della Sera, 20 giugno 2010


Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Titolo:

Testo del messaggio:
(Per creare dei paragrafi separati, lascia semplicemente delle linee vuote)

Link ipertestuale (opzionale)
(Se il tuo messaggio si riferisce ad un articolo pubblicato sul Web o ad una pagina contenente maggiori informazioni, indica di seguito il titolo della pagina ed il suo indirizzo URL.)
Titolo:

URL:

Chi sei? (opzionale)
Nome (o pseudonimo):

Indirizzo email: