Poster un message

En réponse à :
FEDERALISMO E PRESIDENZIALISMO DI UN’ITALIA E DI UN PARLAMENTO "CON LA COPPOLA", QUELLA DI "FORZA ITALIA" E DEL "POPOLO DELLA LIBERTA’" ...

PER L’ITALIA, PER LA BANDIERA DEI TRE COLORI, E PER LA COSTITUZIONE. Un commento di Eugenio Scalfari, con alcune note di Federico La Sala

I tre colori e i tre principi : libertà eguaglianza fraternità. La rinuncia a quei tre colori e a quei tre principi significherebbe la fine dell’unità perché su di essi si basa il patto costituzionale (...).
lundi 10 janvier 2011 par Federico La Sala
[...] Proprio mentre si celebra l’unità d’Italia, la separazione tra le istituzioni e il popolo ha superato i livelli di guardia e non è un caso se la sola istituzione che raccoglie il massimo consenso sia proprio quella che ha sede al Quirinale : un’istituzione che però ha il solo potere della parola e della testimonianza, così come si era già visto quando toccò a Ciampi lo stesso compito.
Il Risorgimento può essere interpretato in molti modi, ma ce n’è uno che sottolinea la continuità (...)

En réponse à :

> PER L’ITALIA, PER LA BANDIERA DEI TRE COLORI, E PER LA COSTITUZIONE. ---- IDENTITA’ NAZIONALE E FEDERALISMO : PEDAGOGIA TRICOLORE (di Francesco D’Agostino).

samedi 22 janvier 2011

NAZIONE, BANDIERA, FEDERALISMO

-  PEDAGOGIA TRICOLORE

di FRANCESCO D’AGOSTINO (Avvenire, 22.01.2011)

Il presidente Napolitano, aprendo le ce­rimonie per i 150 anni dall’Unità d’Ita­lia, ha difeso il Tricolore. Ha fatto bene ? Certamente sì ; anzi, ha fatto benissimo. L’identità italiana esiste ; prima ancora di avere un carattere politico essa ha avuto nei secoli un carattere linguistico, reli­gioso, letterario, artistico, un carattere, cioè, ’nazionale’. Il Risorgimento, que­sto dovrebbe ormai essere chiaro a tutti, non ha creato ’una’ nazione, ma una co­sa diversa : ha creato ’uno’ Stato italiano come Stato italiano unitario. Questo Sta­to unificato (e anche questo dovrebbe es­sere ormai chiaro a tutti) in modo meno limpido, meno eroico, meno condiviso e purtroppo anche meno nobile di quanto una certa storiografia risorgimentale non ci abbia insegnato fino a tempi molto re­centi, possiede ormai ai nostri occhi una legittimazione consolidata. Diversamen­te infatti rispetto ad altre esperienze di u­nificazione statale, che hanno compor­tato il prevalere indebito di una parte del Paese rispetto ad altre (esempio tipico quello della Spagna, nel quale l’elemen­to castigliano ha cercato, sia pur invano, di sradicare tutte le identità ispaniche mi­noritarie, a partire da quella catalana), at­traverso il Risorgimento nessuna delle tante tradizioni italiane preunitarie ha ac­quistato un primato sulle altre, ma tutte si sono, sia pur non senza contraddizio­ni, amalgamate tra loro. E anche di que­sto è simbolo il Tricolore. Che rapporto va istituito tra il Tricolore e i diversi, possibili assetti, centralizzati, de­centrati o al limite federali, del nostro Sta­to ? In linea di principio nessuno, quando la bandiera - come è il caso dell’Italia - è espressione di un’identità nazionale uni­taria, prima che di un particolare assetto istituzionale statale. Se sia opportuno che lo Stato italiano si decentri e in quale mi­sura non è questione che possa intacca­re o revocare in dubbio il processo otto­centesco di unificazione e il Tricolore che ne è stato il simbolo identitario : lo dimo­stra il fatto che nessun fautore del fede­ralismo, anche più estremo, si sogna di auspicare il ritorno agli Stati anteceden­ti all’unità, la scomparsa di alcuni dei qua­li (basti pensare allo Stato della Chiesa) può davvero definirsi, per usare la nota e­spressione di Paolo VI, « provvidenziale ».

Se la questione del decentramento fede­rale - che riesce a porsi al centro del di­battito politico e parlamentare anche nel­l’attuale tormentata fase della vita pub­blica del nostro Paese - è arrivata a porre in questione il Tricolore, questo dipende, purtroppo, da due fattori, entrambi per­versi : dal perdurare dell’ideologia statua­listica, che vede, a torto, nello Stato e nel­la sua struttura burocratica centralizzata la migliore difesa dell’identità storica del Paese e dal dilagare di un’ideologia fede­ralista che è stata costruita sovrappo­nendo alle ragioni del decentramento fe­derale (da ritenere, a secondo dei punti di vista, ragioni buone o cattive, ma sempre e comunque ragioni politiche, non iden­titarie) quelle di un rivendicazionismo et­nico, che in Italia è assolutamente privo di fondamento. Se si fosse davvero bene insegnata nelle nostre scuole quella ma­teria fantasma che è stata l’« educazione civica » e se, attraverso di essa, si fosse riu­sciti a trasmettere alle giovani generazio­ni concetti elementari di dottrina dello Stato, come quelli cui mi sono appena ri­ferito, forse tanti toni del dibattito attua­le a favore o contro l’ideologia leghista apparirebbero per ciò che propriamente sono : dibattiti politico-istituzionali, a vol­te violenti ma politicamente legittimi, di­battiti che nulla hanno a che vedere con la nostra tradizione storica, come radice della nostra identità nazionale.

Bene quindi fa il presidente Napolitano a ricordare a tutti, con pazienza e costan­za, e proprio nel tempo che viviamo, che quello dell’identità del Paese è un bene prezioso e che la difesa della nostra ban­diera è ben più che la difesa di un’opzio­ne di partito o di governo. Auguriamoci che non ci si fermi mai, che non ci si fer­mi più, in quest’opera di alta e faticosa pedagogia nazionale. Di essa abbiamo as­solutamente bisogno.


Ce forum est modéré à priori : votre contribution n'apparaîtra qu'après avoir été validée par un administrateur du site.

Titre :

Texte de votre message :
(Pour créer des paragraphes, laissez simplement des lignes vides.)

Lien hypertexte (optionnel)
(Si votre message se réfère à un article publié sur le Web, ou à une page fournissant plus d'informations, veuillez indiquer ci-après le titre de la page et son adresse URL.)
Titre :

URL :

Qui êtes-vous ? (optionnel)
Votre nom (ou pseudonyme) :

Votre adresse email :