Poster un message

En réponse à :
’Ndrangheta : la Calabria avrà mai speranza di liberarsene ?

A proposito di Giuseppe Scopelliti...qualche puntino sulle i...

La politica in Calabria è culo e camicia con la ‘ndrangheta ?
mercredi 29 février 2012 par Francesco Saverio Alessio
Ricordiamo innanzitutto che Giuseppe Scopelliti fu condannato quale sindaco di Reggio Calabria, nel novembre 2009 dalla Corte dei Conti a risarcire l’erario per 1.300.000 euro, in solido con un tecnico comunale, per via di una ex fabbrica per la lavorazione degli agrumi, “Italcitrus”, che il Comune di Reggio Calabria aveva acquistato per 2.500.000 euro al fine di trasformarla in un centro di produzione della Rai.
La Corte dei Conti ha accertato che il prezzo di acquisto era (...)

En réponse à :

> A proposito di Giuseppe Scopelliti...qualche puntino sulle i...

samedi 18 février 2012

Sulla stampa la replica del governatore Giuseppe Scopelliti Il cosiddetto ‘caso Reggio’ si acutizza nel dibattimento del Processo Meta

Reggio Calabria - ‘Si è consumata una cosa molto grave, poiché un uomo delle Istituzioni, per la seconda volta, ha reso una testimonianza non veritiera(...) Un’offesa alla mia persona ed all’intera Arma dei Carabinieri’, risponde così sconcertato il governatore Giuseppe Scopelliti sulle colonne di Calabria Ora e Quotidiano della Calabria alle dichiarazioni rese dal colonnello Valerio Giardina, ex comandante del Ros dei Carabinieri, nell’ambito del processo Meta in svolgimento a Reggio Calabria, con Giuseppe Lombardo in qualità di pubblico ministero.

Scandagliando le intercettazioni tra gli imprenditori Franco Labate e Domenico Barbieri, l’uomo dell’Arma parla anche di Giuseppe Scopelliti, oggi presidente della Giunta Regionale e all’epoca sindaco di Reggio Calabria, inquadrandolo in una lobby affaristico criminale di cui farebbero parte i vertici della ndrine reggine e compiacenti esponenti politici di primo piano, in cui sarebbe coinvolto anche il fratello Consolato, conosciuto da tutti come Tino. Un dibattimento quello in corso in cui si è alla ricerca di nomi, volti e verità su quella zona grigia che opprimerebbe la città di Reggio condizionandone la vita amministrativa ed economica. Il colonnello Giardina parla di gestione di bandi pubblici altamente inquinata nel comune di Reggio e di una lobby incentrata sull’accumulo di soldi e di potere di cui avrebbero fatto parte i fratelli Scopelliti.

Tra le accuse più gravi rivolte in aula e riprese dalla stampa locale quella di Franco Labate, invitato dallo stesso colonnello Guardina a chiarire le sue affermazione laddove, parla di Giuseppe Scopelliti appoggiato dalla cosca De Stefano per conto della quale sarebbe stato monitorato dal Nino Fiume, prima che spontaneamente decidesse di collaborare con la Giustizia e di raccontare ciò che sapeva. Scelta maturata nel 2002 quando ancora, puntualizza della sua replica il governatore, Scopelliti non era stato ancora eletto sindaco, cosa che sarebbe avvenuta alcuni mesi dopo.

Altro episodio inquietante per gli inquirenti la partecipazione dell’allora sindaco Scopelliti al cinquantesimo anniversario dei Barbieri a Gallico nell’ottobre del 2006. Ricevimento cui presero parte esponenti dei clan Alvaro ed anche altri esponenti politici. La replica di Scopelliti altrettanto dura parla di evidente faziosità delle dichiarazioni rese in aula dal colonnello Giardina, dal momento che nessuna indagine lo ha mai riguardato su questi fatti.

Anna Foti

http://www.reggiotv.it/notizie/cronaca/25158/cosiddetto-caso-reggio-si-acutizza-nel-dibattimento-processo-meta


Ce forum est modéré à priori : votre contribution n'apparaîtra qu'après avoir été validée par un administrateur du site.

Titre :

Texte de votre message :
(Pour créer des paragraphes, laissez simplement des lignes vides.)

Lien hypertexte (optionnel)
(Si votre message se réfère à un article publié sur le Web, ou à une page fournissant plus d'informations, veuillez indiquer ci-après le titre de la page et son adresse URL.)
Titre :

URL :

Qui êtes-vous ? (optionnel)
Votre nom (ou pseudonyme) :

Votre adresse email :