Poster un message

En réponse à :
AL VOTO, AL VOTO !!! L’ITALIA, I REFERENDUM, E LA TERRA D’ISLANDA.Il ritorno all’ entusiasmo per un popolo in ginocchio, avvilito, impoverito ...

REFERENDUM E COSTITUZIONE : L’ISLANDA CHIAMA L’ITALIA. E L’ITALIA RISPONDE. Domenica e lunedi’, tutti e tutte a votare - che grande festa !!! Una nota di Bruno Gambardella - a c. di Federico La Sala

AI SEGGI, A VOTARE. Domenica 12 e lunedý 13, qualunque sia il vostro parere sulla privatizzazione deiservizi (in primis l’acqua), sul nucleare e sul legittimo impedimento, andate ai seggi. In attesa di un po’ d’Islanda anche da noi non facciamoci derubare della scheda referendaria... Buon voto a tutti !
lundi 13 juin 2011 par Federico La Sala
[...] Dopo la terribile crisi economica e finanziaria che ha distrutto le banche e l’economia dell’Islanda, gli isolani hanno trovato la forza per lasciarsi alla spalle un periodo difficile e, partendo proprio dalla Carta fondamentale, ricominciare un percorso di vita istituzionale da sempre caratterizzato dal rispetto per le regole, da grande tolleranza e un’avanzata concezione dei diritti civili [...]
PER I REFERENDUM UNA VALANGA DI "SI" : "LA BANDIERA DELLA REPUBBLICA SU QUELLA (...)

En réponse à :

>L’ISLANDA CHIAMA L’ITALIA. E L’ITALIA RISPONDE. --- Islanda : Grandi piccole vittorie di gente comune. I banchieri scappano per la paura (di Jˇhanna Sigur­ardˇttir - Islanda, un paese che vuole punire i banchieri responsabili della crisi )

jeudi 23 juin 2011

Islanda, un paese che vuole punire i banchieri responsabili della crisi

di Jˇhanna Sigur­ardˇttir *

Dal 2008 la gran maggioranza della popolazione occidentale sogna di dire “no” alle banche, ma nessuno ha osato farlo. Nessuno eccetto gli islandesi, che hanno fatto una rivoluzione pacifica che non solo Ŕ riuscita a rovesciare un governo e abbozzare una nuova costituzione, ma cerca anche di incarcerare i responsabili della dÚbacle economica del paese.

La scorsa settimana a Londra e Reykjavik sono state arrestate 9 persone per la loro presunta responsabilitÓ nel crollo finanziario dell’Islanda del 2008, una crisi profonda che si Ŕ sviluppata in una reazione pubblica senza precedenti che sta cambiando la direzione del paese.

╚ stata una rivoluzione senz’armi in Islanda, paese che ospita la pi¨ antica democrazia al mondo (dal 930), e i cui cittadini sono riusciti a effettuare il cambiamento solo facendo dimostrazioni e sbattendo pentole e tegami. PerchÚ gli altri paesi d’Occidente non ne hanno neppur sentito parlare ?

La pressione dei cittadini islandesi Ŕ riuscita non solo a far cadere un governo, ma anche a iniziare la stesura di una nuova costituzione (in corso), e sta cercando di incarcerare i banchieri responsabili della crisi finanziaria del paese. Come dice il proverbio, chiedendo le cose con garbo, Ŕ molto pi¨ facile ottenerle.

Questo tranquillo processo rivoluzionario ha le sue origini nel 2008 quando il governo islandese decise di nazionalizzare le tre maggiori banche, Landsbanki, Kaupthing e Glitnir, i cui clienti erano principalmente britannici, e nord- e sud-americani.

Dopo la presa in carico da parte statale, la moneta ufficiale (krona) precipit˛ e la borsa valori sospese l’ attivitÓ dopo un crollo del 76%. L’Islanda stava andando in bancarotta e per salvare la situazione, il Fondo Monetario Internazionale iniett˛ 2.100 milioni di dollari USA e i paesi Nordici contribuirono con altri 2.500 milioni.

Grandi piccole vittorie di gente comune

Mentre le banche e le autoritÓ locali ed estere stavano disperatamente cercando soluzioni economiche, gli islandesi si sono riversati in strada e le loro persistenti dimostrazioni quotidiane davanti al parlamento a Reykjavik hanno provocato le dimissioni del primo ministro conservatore Geir H. Haarde e del suo intero gabinetto.

I cittadini esigevano inoltre di convocare elezioni anticipate, e ci sono riusciti : in aprile Ŕ stato eletto un governo di coalizione formato dall’Alleanza Social-democratica e dal Movimento Verde di Sinistra, capeggiato dalla nuova prima ministra Jˇhanna Sigur­ardˇttir.

Per tutto il 2009 l’economia islandese continu˛ a essere in situazione precaria (alla fine dell’anno il PIL era calato del 7%) ma ciononostante il parlamento propose di rifondere il debito alla Gran Bretagna e ai Paesi Bassi con un esborso di 3.500 milioni di euro, somma da pagarsi ogni mese da parte delle famiglie islandesi per 15 anni all’interesse del 5.5%.

La decisione riaccese la rabbia negli islandesi, che tornarono in strada esigendo che, almeno, tale scelta fosse sottoposta a referendum. Altra piccola vittoria per i dimostranti : nel marzo 2010 si tenne appunto tale consultazione elettorale e uno schiacciante 93% della popolazione rifiut˛ di rifondere il debito, almeno a quelle condizioni.

Ci˛ costrinse i creditori a ripensare l’operazione migliorandola con l’offerta di un tasso del 3% protratto per 37 anni. Ma anche questo non bastava. L’attuale presidente, al vedere il parlamento approvare l’accordo con un margine esiguo, ha deciso il mese scorso di non ratificarlo e di chiamare il popolo islandese alle urne per un referendum in cui avrÓ l’ultima parola.

I banchieri scappano per la paura

Tornando alla situazione tesa del 2010, quando gli islandesi si rifiutavano di pagare un debito contratto da squali finanziari senza consultazione, il governo di coalizione aveva promosso un’indagine per stabilire le responsabilitÓ legali della fatale crisi economica arrestando giÓ parecchi banchieri e alti dirigenti strettamente collegati alle operazioni arrischiate.

L’Interpol frattanto aveva emesso mandato di cattura internazionale contro Sigurdur Einarsson, ex-presidente di una delle banche coinvolte. Questa situazione ha spaventato banchieri e dirigenti inducendoli a lasciare il paese in massa.

In questo contesto di crisi, si Ŕ eletta un’assemblea per redigere una nuova costituzione che rifletta le lezioni apprese nel frattempo sostituendo quella attuale, ispirata alla costituzione danese.

Per far ci˛, anzichÚ chiamare esperti e politici, gli islandesi hanno deciso di rivolgersi direttamente alla gente, che dopo tutto detiene il potere sovrano sulla legge. Pi¨ di 500 islandesi si sono presentati come candidati a partecipare a tale esercizio di democrazia diretta e a scrivere una nuova costituzione. Ne sono stati eletti 25, senza affiliazioni partitiche, compresi avvocati, studenti, giornalisti, agricoltori e sindacalisti.

Fra l’altro, questa costituzione richiederÓ come nessun’altra la protezione della libertÓ d’informazione e d’ espressione nella cosiddetta Iniziativa per i Media Moderni Islandesi, in un progetto di legge che mira a rendere il paese un porto sicuro per il giornalismo d’indagine e per la libertÓ d’informazione, dove si proteggano fonti, giornalisti e provider d’Internet che ospitino reportage di notizie.

La gente, per una volta, deciderÓ il futuro del paese mentre banchieri e politici assistono alla trasformazione di una nazione dai margini.

*

Fonte : www.elconfidencial.com

-  http://www.transcend.org/tms/2011/04/iceland-a-country-that-wants-to-punish-the-bankers-responsible-for-the-crisis/


Ce forum est modéré à priori : votre contribution n'apparaîtra qu'après avoir été validée par un administrateur du site.

Titre :

Texte de votre message :
(Pour créer des paragraphes, laissez simplement des lignes vides.)

Lien hypertexte (optionnel)
(Si votre message se réfère à un article publié sur le Web, ou à une page fournissant plus d'informations, veuillez indiquer ci-après le titre de la page et son adresse URL.)
Titre :

URL :

Qui êtes-vous ? (optionnel)
Votre nom (ou pseudonyme) :

Votre adresse email :