Poster un message

En réponse à :
ANTROPOLOGIA, POLITICA, E FILOSOFIA : "SAPERE AUDE !" (I.KANT, 1784).NON SIAMO ALLA FINE DELLA STORIA. Ridisegnare un mondo migliore ...

UNO SCHIAFFO DI LUCIANA CASTELLINA A TUTTA LA FILOSOFIA ITALIANA. Avere il coraggio di continuare a pensare il non ancora pensato. Il suo testo, con una nota - a cura di Federico La Sala

Le donne, gli uomini e la più grande bugia della storia. C’è una bugia storica che non può essere svelata declassificando documenti segreti, come è stato per le Carte del Pentagono o per le armi di distruzione di massa di Saddam Hussein. A dirla sono le nostre moderne democrazie. (...)
mardi 19 juillet 2011 par Federico La Sala
[...] Dire “ogni cittadino è uguale di fronte alla legge” è una conquista democratica ma anche un inganno. L’astrattezza della norma andrebbe colorata assumendo come metro il bisogno di ognuno, valorizzando la sua diversità e organizzando la vita collettiva in modo da dare uguaglianza concreta alle differenze.
Significherebbe costruire identità relazionali in cui ciascuno, anziché mutilarsi per entrare nella corazza dell’astratto, o rifugiarsi, mortificato, nella sua diversità (...)

En réponse à :

> UNO SCHIAFFO DI LUCIANA CASTELLINA A TUTTA LA FILOSOFIA ITALIANA. ---- "Se non ora quando". Stati generali del movimento il 9 e 10 luglio."A Siena per cambiare il Paese" (di Silvia Fumarola).

mardi 28 juin 2011


-  Stati generali del movimento il 9 e 10 luglio.
-  Comencini : vogliamo che la nostra rete resti in piedi

-  Riecco le donne di "Se non ora quando"
-  "A Siena per cambiare il Paese"

-  "Lavorano come gli uomini ma guadagnano meno : dati Istat sconfortanti"

-  di Silvia Fumarola (la Repubblica, 28.06.2011)

ROMA - Le donne sono abituate a non arrendersi ; se cominciamo qualcosa, difficilmente mollano a metà strada. Ma perché la condizione femminile cambi veramente bisogna impegnarsi a fondo, far sentire la propria voce, senza dare niente per scontato, senza incertezze : per questo, dopo aver portato un milione di persone in piazza, le donne di "Se non ora quando ?" organizzano la grande manifestazione a Siena del 9 e 10 luglio, perché « l’Italia diventi davvero un paese per donne ». Indietro non si torna ma dopo il 13 febbraio, e la conferma che c’era una grande voglia - dapprima silenziosa - di cambiare, non si sono fatti grandi passi avanti.

Adesso gli oltre 120 comitati locali, nati in quell’occasione, si incontreranno nella città toscana, nel complesso di Santa Maria della Scala per una sorta di Stati generali della condizione femminile, un momento di confronto con le donne di tutta Italia, sui temi fondamentali : la vita quotidiana, il lavoro, l’immagine femminile, il ruolo nella società, la difficoltà enorme di conciliare famiglia e professione. Quante sono le donne nelle stanze dei bottoni ? Ancora troppo poche. Linda Laura Sabbadini dell’Istat fornirà dati sconfortanti e l’economista Tindara Addabbo spiegherà come le donne siano ancora discriminate : lavorano come gli uomini, ma guadagnano meno.

« Vogliamo che la rete resti in piedi » chiarisce la regista Cristina Comencini « e si allarghi il più possibile ; se siamo riuscite a portare tanta gente in piazza è stato grazie al web, al confronto continuo con tante donne diverse, in tutto il Paese. È fondamentale mettere insieme le esperienze e confrontarci, c’è stato un risveglio lo scorso inverno che è prezioso, le energie non vanno disperse. Partendo dalla difesa del corpo delle donne adesso vogliamo andare avanti, mettere al centro il lavoro. I dati parlano chiaro : le 800mila italiane costrette a lasciare il loro impiego dopo una gravidanza, l’esercito di precarie e disoccupate - eppure, è appurato, le donne sono le più efficienti e preparate - sono la dimostrazione che questo non è un Paese per donne. Il campo non lo lasciamo, anche se ci rendiamo conto che il nostro progetto di cambiamento è molto ambizioso ».

Ma le donne riunite alla Fnsi (tra cui Francesca Comencini e Lunetta Savino, fondatrici del movimento) dov’è stata presentata la nuova iniziativa - che prevede anche una sottoscrizione online per la due giorni senese, sul sito di "Se non ora quando ?" - hanno l’aria di voler andare fino in fondo. « Vogliamo coinvolgere gli uomini e farci sentire perché la politica » come spiega la Comencini « non può non farsi contagiare da un movimento che dal Nord al Sud ha scosso il Paese ». « Il 13 febbraio ha fatto esplodere un processo già in corso » aggiunge la sindacalista Valeria Fedeli « e ciò che sta avvenendo dice che una parte della società civile si è svegliata. Non dobbiamo mollare, anche se c’è un pezzo della politica e delle istituzioni che si muove per bloccare questo movimento, come dimostrano le ultime decisioni sull’età pensionabile. A Siena sarà un atto fondativo pubblico ».

Siena diventerà per due giorni "la città delle donne" : sono previsti sconti ed iniziative, come anticipa Tatiana Campioni, direttrice del Complesso di Santa Maria della Scala. « Per noi è un’iniziativa bellissima, speriamo davvero che tante donne, insieme, riescano a fare la differenza ». « Cambiare » è il verbo più ripetuto. « Perché per cambiare davvero va combattuta una battaglia culturale » dice Lunetta Savino « il mondo ha bisogno dello sguardo delle donne, capace di andare a fondo nelle cose e modificarle. E va rinnovato anche il linguaggio, il modo di far sentire la protesta. Non a caso, all’inizio, abbiamo usato lo strumento del teatro, portando in scena lo spettacolo "Libere" ».


Ce forum est modéré à priori : votre contribution n'apparaîtra qu'après avoir été validée par un administrateur du site.

Titre :

Texte de votre message :
(Pour créer des paragraphes, laissez simplement des lignes vides.)

Lien hypertexte (optionnel)
(Si votre message se réfère à un article publié sur le Web, ou à une page fournissant plus d'informations, veuillez indiquer ci-après le titre de la page et son adresse URL.)
Titre :

URL :

Qui êtes-vous ? (optionnel)
Votre nom (ou pseudonyme) :

Votre adresse email :