Poster un message

En réponse à :
FINANZIARIA E POLITICA - "TITANIC-A" ! Via fra due settimane all’aumento dell’Iva al 21%

AVANTI TUTTA : LA MANOVRA FINANZIARIA E’ LEGGE ! TUTTE LE MISURE. Per gli italiani un conto di 5 mila euro a famiglia. Una nota di Raffaello Masci - a c. di Federico La Sala

(...) se, malauguratamente, foste tra le 8 mila famiglie che hanno ricevuto il bonus bebè senza averne avuto titolo, avete tempo 90 giorni per restituire il maltolto (...)
vendredi 16 septembre 2011 par Federico La Sala
[...] la vera mazzata arriverà dall’Iva. Nella sua aliquota ordinaria passerà dal 20 al 21 per cento, il che vuol dire un rincaro di quasi tutto : i due terzi dei generi alimentari, le calzature, l’abbigliamento, i prodotti per la pulizia della casa e quelli per l’igiene personale, gli elettrodomestici, il parrucchiere, l’automobile, e via elencando. Il governo conta di raccogliere da questa voce 4,2 miliardi e li tireremo fuori tutti noi, senza accorgercene, goccia dopo goccia [...]
LA (...)

En réponse à :

> AVANTI TUTTA : LA MANOVRA FINANZIARIA E’ LEGGE ! --- Codacons : "Prezzi già aumentati nel 35% dei negozi". Confesercenti : "Peserà per 33 mld su famiglie e deprimerà ulteriormente i consumi"

samedi 17 septembre 2011

MANOVRA

Confesercenti : "Peserà per 33 mld su famiglie e deprimerà ulteriormente i consumi"

L’allarme è stato lanciato dal presidente, Marco Venturi : "Il debito va gestito solo con le armi della crescita e della fiducia". Il presidente dell’Istat, Giannini : "Famiglie risparmiano meno per mantenere consumi". Codacons : "Prezzi già aumentati nel 35% dei negozi" *

PERUGIA - La manovra varata dal governo pesa per ben oltre la metà sulle famiglie italiane e deprimerà ulteriormente i consumi. Nel suo intervento introduttivo in occasione del Meeting 2011, il presidente di Confesercenti, Marco Venturi traccia un quadro della situazione allarmante e chiede che di "cambiare rotta e rendersi conto che, per reperire risorse, sono necessari tagli alla spesa poiché la pressione fiscale effettiva è alla soglia insostenibile del 54%. La previsione trova conferma anche nelle stime della Cgia di Mestre : "Per i contribuenti onesti è sicuramente una notizia shock : nel 2014, gli effetti complessivi delle manovre correttive di luglio e di Ferragosto faranno schizzare la pressione fiscale reale oltre il 54%", aggerma il segretario della Cgia Giuseppe Bortolussi, indicando che si tratta di un livello "che rischia di deprimere l’economia e gettare nello sconforto milioni e milioni di italiani fedeli al fisco".

E per il presidente dell’Istat, Enrico Giovannini, per poter mantenere il livello di consumi durante la crisi le famiglie hanno eroso il livello dei risparmi : "In italia - ha evidenziato - durante e dopo la crisi la propensione al consumo è aumentata, mentre il tasso di risparmio delle famiglie nel 2010 è calato del 9%. Le famiglie hanno cioè ridotto il risparmio per mantenere i livelli di consumo. Questo - ha aggiunto - significa che le famiglie hanno considerato che la crisi fosse temporanea, transitoria mentre ora - ha fatto notare - si stanno rendendo conto che la crisi non è provvisoria e i dati sul clima di fiducia stanno peggiorando ulteriormente visto che le misure prese nella manovra prefigurano 3-4 anni di stretta molto forte".

Intanto, secondo la Codacons che ha effettuato un monitoraggio in 10 città italiane, i prezzi sono aumentati già nel 35% degli esercizi commerciali e la stragrande maggioranza dei distributori di carburante stamattina aveva aggiornato al rialzo i prezzi alla pompa.

Con aumento Iva, 140 euro in più a famiglia. L’aumento dell’Iva stabilito dalla manovra economica si tradurrà in 140 euro di aumento medio annuo per ciascuna famiglia, stando a quanto sostiene Venturi, secondo cui l’aumento di un punto dal 20 al 21% graverà per il 70% sulle famiglie. L’aumento - sostiene lo studio diffuso nel corso del meeting - sarà più marcato al Nord-est (166 euro a famiglia ogni anno), seguito dal Nord-ovest (158), dal Centro (138), Sud (113) e Isole (102). Guardando alle professioni, la crescita sarà di 220 euro per imprenditori e professionisti, 170 per i lavoratori in proprio, 189 per impiegati e dirigenti, 149 per operai e assimilati, 104 per i pensionati e 95 per altra condizione (cassintegrati, disoccupati). La manovra sull’Iva, inoltre, unicamente per la parte riguardante i consumi delle famiglie, sempre secondo lo studio inciderà dello 0,48% sull’inflazione e porterà un gettito annuo aggiuntivo di 3,4 miliardi di euro. Confesercenti sottolinea poi alcune incongruenze dell’aumento dell’Iva. ’’Appaiono anacronistiche - viene sottolineato - due aliquote molto diverse (4 e 10%) gravanti su beni alimentari le cui differenze sono demandate a complesse definizioni e a scarsa o nulla logica’’. Inoltre, viene evidenziato, ’’si paga il 20% di Iva se si acquista il caffé da preparare in casa, mentre se lo si consuma al bar viene gravato del 10%’’.

SCHEDA - Iva la 21%, i prodotti che aumentano

Crescita zero. "Sulla crescita economica - ha detto Venturi - i conti, dopo la approvazione della manovra, non tornano : dalle previsioni aggiornate Confesercenti-Ref risulta che le speranze di ripresa nel 2012 svaniscono con un Pil che crescerà solo dello 0,1% e con i consumi delle famiglie bloccati su una allarmante crescita zero rispetto al 2011 (dopo aver registrato nel 2010 l’1% e quest’anno solo lo 0,5%). La nostra stima è che gli interventi diretti e indiretti della manovra graveranno sulle famiglie per 33 miliardi dei 54 complessivi".

Aggredire la spesa pubblica. Secondo Venturi, "si deve prendere atto che l’unica via percorribile non è certo quella, impraticabile, del prelievo fiscale che avvelena i pozzi dello sviluppo colpendo fiducia, consumi ed investimenti, ma è quella di aggredire la spesa pubblica. Non solo per quantità intervento, ma soprattutto per qualità. Si ricorre come sempre alla leva fiscale, tanto che 36 miliardi della manovra sono basati sulle tasse, di cui 16 da meno agevolazioni". Per Confesercenti, ha ribadito Venturi, "alcune priorità che possono cominciare ad aprire spazi per recuperare risorse allo sviluppo sono i tagli nel numero dei parlamentari, membri di Governo, consiglieri, assessori ; tagli draconiani nelle consulenze pubbliche ; abolizione di tutte le province ; interventi decisi su comunità montane e micro comuni ; accorpamento di circoscrizioni e municipi ; condividere servizi per aree vaste a partire da nettezza urbana e trasporti nonché dall’acquisto di beni e servizi".

Scelte coraggiose anche contrarie a politica. Il presidente di Confesercenti ha poi sostenuto che "servono scelte coraggiose anche in contrasto con forti interessi politici che possono essere rimossi solo con pressioni decise ed ampie dei cittadini-elettori". Perché, ha affermato ancora Venturi, "per l’Italia come per l’Unione Europea è sempre più centrale intervenire sul binomio debito/bassa crescita. Il debito può essere gestito solo con le armi della crescita e della fiducia, tenendo conto anche dello strapotere di grandi capitali che viaggiano senza controlli da un continente all’altro alla ricerca di rendimenti vantaggiosi e dell’irrompere sulla scena mondiale di altre economie che condizionano l’andamento economico globale, dalla Cina al Brasile, dalla Russia all’India".

* la Repubblica, 17 settembre 2011


Ce forum est modéré à priori : votre contribution n'apparaîtra qu'après avoir été validée par un administrateur du site.

Titre :

Texte de votre message :
(Pour créer des paragraphes, laissez simplement des lignes vides.)

Lien hypertexte (optionnel)
(Si votre message se réfère à un article publié sur le Web, ou à une page fournissant plus d'informations, veuillez indiquer ci-après le titre de la page et son adresse URL.)
Titre :

URL :

Qui êtes-vous ? (optionnel)
Votre nom (ou pseudonyme) :

Votre adresse email :