Poster un message

En réponse à :
MEMORIA DELLA LIBERAZIONE DALLA SCHIAVITU’ : ESODO. In memoria di Mosé, di Elia, e di Gesu’ ....

PASQUA : BUONA PASQUA DI RESURREZIONE E DI RISURREZIONE. Auguri all’Italia e a tutta la Terra - all’intera umanità.

L’AMORE NON E’ LO ZIMBELLO DEL TEMPO : "AMORE E’ PIU’ FORTE DI MORTE" (Cantico dei cantici : 8.6). Un omaggio a William Shakespeare e a Giovanni Garbini
dimanche 20 avril 2014 par Federico La Sala
LA DOMANDA DI UN ITALIANO :
E’ PREFERIBILE "RISURREZIONE" O "RESURREZIONE" ?
RISPOSTA :
Vanno bene entrambi. Ma ! Ma...
Ma siccome qui (in modo latente e sottile) è in gioco anche la Costituzione della Repubblica Italiana e lo stesso Messaggio Evangelico, e la nostra - di tutti e tutte sovranità (e sacerdotalità - con don Milani, ricordiamo anche Lutero e la Riforma : rimettiamo insieme i pezzi), per memoria sonora (di significante e di significato) - è da preferire (con il conforto di Michele (...)

En réponse à :

> PASQUA : BUONA PASQUA DI RESURREZIONE E DI RISURREZIONE. Auguri all’Italia e a tutta la Terra - all’intera umanità. --- Trovare la strada giusta ... E mai cadere nel sepolcro del dio denaro" (Papa Francesco).

mardi 14 avril 2020

Santa Marta.

Il Papa : si trovino soluzioni a favore dei popoli, non del denaro

Francesco prega perché i governanti e gli scienziati trovino la strada giusta alla crisi causata dal Covid-19, soluzioni che siano a favore della gente

di Vatican News *

      • Francesco ha presieduto la Messa a Casa Santa Marta nel lunedì nell’Ottava di Pasqua. Nell’introduzione, Francesco rivolge il suo pensiero a politici e scienziati : Preghiamo oggi per i governanti, gli scienziati, i politici, che hanno incominciato a studiare la via d’uscita, il dopo-pandemia, questo “dopo” che è già incominciato : perché trovino la strada giusta, sempre in favore della gente, sempre in favore dei popoli. (Vatican Media News)

Nell’omelia, Francesco ha commentato il Vangelo odierno (Mt 28, 8-15) in cui Gesù risorto appare ad alcune donne esortandole a riferire ai suoi discepoli di andare in Galilea : là lo vedranno. Nel frattempo, annota l’evangelista, i sacerdoti corrompono i soldati posti a guardia del sepolcro, dicendo di riferire che i discepoli di Gesù erano giunti di notte rubando il corpo mentre loro dormivano. Il Vangelo - ha affermato il Papa - propone una scelta che vale anche per oggi : la speranza della resurrezione di Gesù e la nostalgia del sepolcro.
-  Così, nel trovare soluzioni a questa pandemia, la scelta sarà tra la vita, la resurrezione dei popoli, e il dio denaro. Se si sceglie il denaro, si sceglie la via della fame, della schiavitù, delle guerre, delle fabbriche delle armi, dei bambini senza educazione ... lì c’è il sepolcro. Il Signore, è la preghiera del Papa, ci aiuti a scegliere il bene della gente, senza mai cadere nel sepolcro del dio denaro.

Il Vangelo di oggi ci presenta un’opzione, un’opzione di tutti i giorni, un’opzione umana ma che regge da quel giorno : l’opzione tra la gioia, la speranza della resurrezione di Gesù, e la nostalgia del sepolcro.

Le donne vanno avanti a portare l’annuncio : sempre Dio incomincia con le donne, sempre. Aprono strade. Non dubitano : sanno ; lo hanno visto, lo hanno toccato. Hanno anche visto il sepolcro vuoto. È vero che i discepoli non potevano crederlo e hanno detto : “Ma queste donne forse sono un po’ troppo fantasiose” ... non so, avevano i loro dubbi. Ma loro erano sicure e loro alla fine hanno portato avanti questa strada fino al giorno d’oggi : Gesù è risorto, è vivo tra noi. E poi c’è l’altro : è meglio non vivere, con il sepolcro vuoto. Tanti problemi ci porterà, questo sepolcro vuoto. E la decisione di nascondere il fatto. È come sempre : quando non serviamo Dio, il Signore, serviamo l’altro dio, il denaro. Ricordiamo quello che Gesù ha detto : sono due signori, il Signore Dio e il signore denaro. Non si può servire ambedue. E per uscire da questa evidenza, da questa realtà, i sacerdoti, i dottori della Legge hanno scelto l’altra strada, quella che offriva loro il dio denaro e hanno pagato : hanno pagato il silenzio. Il silenzio dei testimoni. Una delle guardie aveva confessato, appena morto Gesù : “Davvero quest’uomo era Figlio di Dio !”. Questi poveretti non capiscono, hanno paura perché ne va della vita ... e sono andati dai sacerdoti, dai dottori della Legge. E loro hanno pagato : hanno pagato il silenzio, e questo, cari fratelli e sorelle, non è una tangente : questa è corruzione pura, corruzione allo stato puro. Se tu non confessi Gesù Cristo il Signore, pensa perché dove c’è il sigillo del tuo sepolcro, dove c’è la corruzione. È vero che tanta gente non confessa Gesù perché non lo conosce, perché noi non lo abbiamo annunciato con coerenza, e questo è colpa nostra. Ma quando davanti alle evidenze si prende questa strada, è la strada del diavolo, è la strada della corruzione. Si paga e stai zitto.

Anche oggi, davanti alla prossima - speriamo che sia presto - prossima fine di questa pandemia, c’è la stessa opzione : o la nostra scommessa sarà per la vita, per la resurrezione dei popoli o sarà per il dio denaro : tornare al sepolcro della fame, della schiavitù, delle guerre, delle fabbriche delle armi, dei bambini senza educazione ... lì c’è il sepolcro.

Il Signore, sia nella nostra vita personale sia nella nostra vita sociale, sempre ci aiuti a scegliere l’annuncio : l’annuncio che è orizzonte, è aperto, sempre ; ci porti a scegliere il bene della gente. E mai cadere nel sepolcro del dio denaro.

Il Papa ha terminato la celebrazione con l’adorazione e la benedizione eucaristica, invitando a fare la Comunione spirituale. [...].

* Avvenire, lunedì 13 aprile 2020 (ripresa parziale).


Ce forum est modéré à priori : votre contribution n'apparaîtra qu'après avoir été validée par un administrateur du site.

Titre :

Texte de votre message :
(Pour créer des paragraphes, laissez simplement des lignes vides.)

Lien hypertexte (optionnel)
(Si votre message se réfère à un article publié sur le Web, ou à une page fournissant plus d'informations, veuillez indiquer ci-après le titre de la page et son adresse URL.)
Titre :

URL :

Qui êtes-vous ? (optionnel)
Votre nom (ou pseudonyme) :

Votre adresse email :