Poster un message

En réponse à :
COSTITUZIONE E SCUOLA PUBBLICA : REFERENDUM CONSULTIVO. Alle urne questo 26 maggio i cittadini e le cittadine di Bologna voteranno per difendere la scuola pubblica e la Costituzione. Ogni altra interpretazione è pretestuosa e fallace.

BOLOGNA-REFERENDUM. COSTITUZIONE E FINANZIAMENTI ALLE SCUOLE PRIVATE. Materiali : note di Stefano Rodotà, Emiliano Liuzzi, Francesca Coin - a c. di Federico La Sala

FRANCESCO GUCCINI. “Entrare nella scuola pubblica è il primo passo di ogni individuo che voglia imparare l’alterità e la condivisione. Ed è il primo passo di ogni essere umano per diventare uomo, per diventare donna”.
dimanche 26 mai 2013
[...] La campagna referendaria in realtà non ha mai assunto toni duri, tanto meno contro i privati. Si limita a sostenere quanto prescritto dall’articolo 33 della Costituzione, come diceva Piero Calamandrei “la scuola pubblica è il prius, quella privata è il posterius”. O per usare le parole dell’onorevole Luigi Preti nell’Assemblea Costituente nel 1947, “sarebbe un paradosso che lo Stato, che non ha nemmeno abbastanza denaro per le proprie scuole, dovesse in qualche modo (...)

En réponse à :

> BOLOGNA-REFERENDUM. COSTITUZIONE E FINANZIAMENTI ALLE SCUOLE PRIVATE. --- Bagnasco avverte : « Raduno di popolo contro la latitanza dello Stato » (di Luca Kocci)

mardi 21 mai 2013

Bagnasco avverte : « Raduno di popolo contro la latitanza dello Stato »

di Luca Kocci (il manifesto, 21 maggio 2013)

Se molte famiglie non possono iscrivere i propri figli in una scuola cattolica, la colpa è della « latitanza dello Stato » : non le finanzia come dovrebbe, le rette sono troppo alte, e le famiglie, soprattutto in tempi di crisi, devono rinunciare e accontentarsi di una scuola statale.

Nella prolusione con cui ieri ha aperto i lavori dell’Assemblea generale dei vescovi, in corso a Roma fino a venerdì, il presidente della Cei, cardinal Bagnasco, è tornato con forza sul tema della scuola cattolica - lo aveva fatto già due settimane fa, rivendicando ulteriori stanziamenti e attaccando il referendum bolognese di domenica prossima contro i finanziamenti comunali alle scuole dell’infanzia paritarie - e ha chiesto ancora una volta che lo Stato aumenti le risorse economiche a favore degli istituti confessionali.

« Chiediamo che si riconosca concretamente il diritto dei genitori ad educare i figli secondo le proprie convinzioni », ovvero a mandarli in una scuola cattolica. « Sempre di più, invece - lamenta Bagnasco -, sono costretti a rinunciare sotto la pressione della crisi e la persistente latitanza dello Stato ».

Stavolta però la Chiesa italiana e le federazioni delle scuole cattoliche non si limiteranno alle dichiarazioni ma, ha lasciato intendere il presidente dei vescovi, scenderanno in piazza : nei prossimi mesi ci sarà « un raduno di popolo », cioè una grande manifestazione per chiedere maggiori finanziamenti per la scuola confessionale oppure, in alternativa, l’introduzione del « buono scuola », come ha fatto per anni la Regione Lombardia governata dal ciellino Formigoni.

Da Bagnasco è arrivata anche la benedizione - sebbene meno solenne del previsto - al governo delle larghe intese Letta-Alfano, con la precisazione che ai vescovi « sta a cuore non una formula specifica, ma i principi ». Occorre superare « il clima di ostinata contrapposizione » e mettersi al lavoro. « Pensare alla gente : questa è l’unica cosa seria », aggiunge. « Pensarci con grandissimo senso di responsabilità, senza populismi inconcludenti e dannosi », senza « perdere l’opportunità, né disperdere il duro cammino fatto dagli italiani. L’ora è talmente urgente che qualunque intoppo o impuntatura, da qualunque parte provenga, resteranno scritti nella storia ». Il lavoro - per i giovani che non lo hanno e per gli adulti che lo hanno perso - è la prima delle emergenze a cui la politica deve far fronte.

E poi il consueto elenco dei « principi non negoziabili » : la tutela della vita dal concepimento alla morte - Bagnasco ribadisce il sostegno della Cei all’iniziativa dei movimenti per la vita perché l’Europa riconosca lo « Statuto dell’embrione » - e la famiglia tradizionale formata da un uomo e una donna. « Demolirla è un crimine », puntualizza il cardinale, « non può essere umiliata e indebolita da rappresentazioni similari che in modo felpato costituiscono un vulnus progressivo alla sua specifica identità e che non sono necessarie per tutelare diritti individuali in larga misura già garantiti dall’ordinamento ».


Ce forum est modéré à priori : votre contribution n'apparaîtra qu'après avoir été validée par un administrateur du site.

Titre :

Texte de votre message :
(Pour créer des paragraphes, laissez simplement des lignes vides.)

Lien hypertexte (optionnel)
(Si votre message se réfère à un article publié sur le Web, ou à une page fournissant plus d'informations, veuillez indiquer ci-après le titre de la page et son adresse URL.)
Titre :

URL :

Qui êtes-vous ? (optionnel)
Votre nom (ou pseudonyme) :

Votre adresse email :