Poster un message

En réponse à :
UN PRINCIPIO DELLA COSTITUZIONE (ART. 9) : « La Repubblica promuove lo sviluppo della cultura e la ricerca scientifica e tecnica. Tutela il paesaggio e il patrimonio storico e artistico della Nazione ».

LA LEZIONE DEL MERCANTE DI PRATO, L’ITALIA, E IL PATRIMONIO STORICO ARTISTICO. Una nota di Tomaso Montanari - a c. di Federico La Sala

Quando pensiamo al « patrimonio » pensiamo sempre a cose famosissime : il David di Michelangelo, il Colosseo, i Bronzi di Riace... Vero. Ma forse capiamo meglio quanto è grande il « patrimonio » se pensiamo a una casa. Per esempio alla casa di Francesco Datini, a Prato.
mardi 22 octobre 2013 par Federico La Sala
La stanza segreta di Francesco
di Tomaso Montanari (Il Fatto Quotidiano,21.10.2013)
Oggi voglio parlarvi di una cosa un po’ difficile : il « patrimonio storico e artistico ». Il ’patrimonio’ è
quello che i padri (e le madri !) lasciano ai figli : un insieme indivisibile di cose materiali (case,
denaro, terreni, oggetti) e spirituali (idee, speranze, parole) che ci lega al passato e ci permette di
costruire il futuro. Già, perché se mentre andate a scuola voi vi dimenticaste chi siete, non (...)

En réponse à :

> IL CASO DEL MERCANTE DI PRATO, L’ITALIA, E IL PATRIMONIO STORICO ARTISTICO. --- Quando, nel 1947, l’Assemblea costituente stava discutendo sull’articolo 9 (di Corrado Stajano)

mardi 22 octobre 2013

Il paesaggio appartiene al popolo

di Corrado Stajano (Corriere della Sera, 28 settembre 2013)

Quando, nel 1947, l’Assemblea costituente stava discutendo sull’articolo 9 della somma Carta che riguarda la tutela del paesaggio, i giornali umoristici dell’epoca, non propriamente progressisti, andarono a nozze nell’ironizzare pesantemente, in malafede o incoscienti, su quel che significava quell’argomento focale per la vita di un Paese come il nostro. Il Travaso e poi Candido e L’uomo qualunque non lesinarono gli scherni, scrissero di ovvietà e di stupidità, come se la norma fosse una bizzarria degli uomini politici di allora. Basterebbero due film d’autore, Le mani sulla città di Francesco Rosi e Il ladro di bambini di Gianni Amelio, se non esistessero le ragioni della Storia, della Cultura e della Politica pulita a mostrare quel che è successo dopo e far capire com’era essenziale nell’Italia distrutta dalla guerra l’articolo 9 della Costituzione. Anche oggi non ha perso nulla della sua attualità.

Quattro autori - Alice Leone, storica ; Paolo Maddalena, giurista ; Tomaso Montanari, storico dell’arte ; Salvatore Settis, archeologo, già direttore della Normale di Pisa, presidente del consiglio scientifico del Louvre - hanno firmato insieme un libro polemico e documentato, Costituzione incompiuta. Arte, paesaggio, ambiente, pubblicato da Einaudi (pagine 185, 16,50) che mette intelligentemente il dito sulle piaghe tormentose che seguitano a dilaniare un Paese disastrato, moralmente e materialmente, com’è l’Italia di oggi. Un libro che riesce a fondere la memoria di quel che accadde nel passato, con il presente e il futuro da ricostruire dopo il ventennio berlusconiano segnato dallo slogan « ognuno è padrone in casa propria ».

Non era un’elegante astrazione intellettuale discutere quasi settant’anni fa del paesaggio e dell’arte come un fatto pubblico. Non fu, come scrive Alice Leone, né semplice né lineare, arrivare alla dizione dell’articolo 9. Rivolgimenti, mediazioni, scontri accesi, polemiche fuori e dentro gli schieramenti videro infatti contrapporsi interessi e scuole di pensiero. Non fu facile arrivare alla dizione definitiva : « La Repubblica promuove lo sviluppo della cultura e la ricerca scientifica e tecnica. Tutela il paesaggio e il patrimonio storico e artistico della Nazione ».

Racconta Salvatore Settis, con amara nostalgia, che ci fu in Italia un tempo in cui la direzione generale delle Antichità e belle arti del ministero della pubblica istruzione poteva essere affidata a un uomo come Ranuccio Bianchi Bandinelli, « massimo archeologo italiano del Novecento e vigile coscienza della cultura europea » : la tutela delle bellezze naturali non può essere disgiunta da quella delle antichità e belle arti e deve essere sottoposta alla medesima regolamentazione legislativa, era il suo pensiero.

Sembra inimmaginabile un’idea così netta nella società dei consumi di oggi dove anche i beni culturali devono essere strumenti di « valorizzazione economica », dove - come documenta Paolo Maddalena - quei beni, violando la legge, sono diventati soltanto merce ; dove trionfa la religione del privato ; dove si costruisce senza vergogna, contro la volontà popolare, con l’avallo della Soprintendenza, un immenso parcheggio sotto e tutt’intorno alla più importante basilica milanese, Sant’Ambrogio ; dove i prestiti selvaggi di delicatissime opere d’arte sono la regola, esportate all’estero come gingilli, utili più che altro a funzionari per i loro traffici di potere. (Pazienti viaggiatori hanno tentato più volte, per esempio, di vedere a Mazara del Vallo il meraviglioso Satiro danzante, sempre in trasferta come tanti altri capolavori, e hanno potuto esaudire il loro desiderio soltanto a un’esposizione alla Royal Academy di Londra dove il bronzo era ospite d’onore).

L’articolo 9 della Costituzione non nacque dal nulla. Il dopoguerra fu un momento fervido di riscatto e di comune visione del mondo di uomini e donne di diverse fedi e culture, dai liberali di gran nome come Benedetto Croce e Luigi Einaudi, al socialista Pietro Nenni, ai comunisti Togliatti e Concetto Marchesi al democristiano Aldo Moro all’azionista Piero Calamandrei che ebbero un ruolo essenziale nella stesura della Carta. La legge Croce del 1922 e la legge Bottai del 1939 furono il punto di partenza dei costituenti.

Tomaso Montanari spiega con chiarezza la sostanza dell’articolo 9 : se la sovranità appartiene al popolo, com’è scritto nell’articolo 1, « anche il patrimonio storico e artistico appartiene al popolo. E la Repubblica tutela il patrimonio innanzitutto per rappresentare e celebrare il nuovo sovrano cui il patrimonio ora appartiene : il popolo ».

Fu Concetto Marchesi, il grande latinista, a sostenere con energia la necessità di quell’articolo, voluto e difeso da costituenti di spicco. E fu Tristano Codignola a proporre con forza la parola « tutela », più completa della parola « protezione ».

Che cos’è il patrimonio storico e artistico secondo gli autori del libro ? « Non è la somma amministrativa dei musei, delle singole opere, dei monumenti, ma è una guaina continua che aderisce al paesaggio - cioè al territorio "della Nazione" - come la pelle alla carne di un corpo vivo ».

Il libro (manca un indispensabile indice dei nomi) imposta un’infinità di problemi : la funzione delle Soprintendenze : Montanari propone una sorta di magistratura del patrimonio indipendente dalla politica ; il perenne conflitto tra lo Stato e le Regioni competenti in materia urbanistica (un errore fatale dei costituenti) ; il consumo del suolo : l’8,1 per cento della superficie nazionale è coperta da costruzioni, la media europea è del 4,3 per cento. Dopo ogni terremoto, alluvione, disastro si piange (non per molto). Chi deve provvedere, chi deve controllare i controllori ? Lo Stato siamo noi, amava dire Calamandrei. E Bianchi Bandinelli : « Noi siamo, davanti al mondo, i custodi del più grande patrimonio artistico, che appartiene, come fatto spirituale, alla civiltà del mondo ». Ce ne siamo dimenticati. Spaesati tra Imu e Iva.


Ce forum est modéré à priori : votre contribution n'apparaîtra qu'après avoir été validée par un administrateur du site.

Titre :

Texte de votre message :
(Pour créer des paragraphes, laissez simplement des lignes vides.)

Lien hypertexte (optionnel)
(Si votre message se réfère à un article publié sur le Web, ou à une page fournissant plus d'informations, veuillez indiquer ci-après le titre de la page et son adresse URL.)
Titre :

URL :

Qui êtes-vous ? (optionnel)
Votre nom (ou pseudonyme) :

Votre adresse email :