Inviare un messaggio

In risposta a:
La Sala

Tradimento strutturale della fiducia e del messaggio eu-angelico

Una risposta a un cattolico in buona-fede
domenica 4 giugno 2006 di Vincenzo Tiano
1 giugno 2006, e-mail di Biasi:
Purtroppo, possiamo constatare in questi giorni, che quanto da me temuto e denunciato precedentemente, Ŕ giÓ realtÓ :
Olanda, nasce il partito dei pedofili
La nuova formazione si chiama Nvd e chiede che i sedicenni possano recitare nelle pellicole hard o addirittura prostituirsi.Porno infantile e sesso a 12 anni. Altre proposte: legalizzare ogni droga, viaggiare gratis in treno, poter girare nudi ovunque e poter fare sesso con gli animali.
(30 maggio (...)

In risposta a:

> Tradimento strutturale della fiducia e del messaggio eu-angelico

lunedì 5 giugno 2006

Caro Professore, come mi insegna : ogni forma di attivitÓ mentale prende le mosse dallo stupore. Ma poi occorre imparare a fare il passaggio dallo stupore alla meraviglia. Sono venti secoli che Aristotele ce l’ha insegnato. Ma ogni meraviglia comincia con una domanda, definiamola antropologica: PerchŔ son nato ? E poi: PerchŔ esistono le cose ? Proseguendo: PerchŔ dovrebbe esserci un Dio ( e io aggiungo: PerchŔ una Chiesa ?)? E questo bisogno di amore (cosi palesemente manifestato nelle tue parole, Federico!)? A che pro nutrire fiducia se, una volta passata la sessantina, tutto si riduce all’attesa della polvere?

Lo scopo della fede non Ŕ quello di lasciarci in sospeso nella notte o nella ricerca, ma di insegnarci che non dobbiamo avere paura (ecco perchŔ io non ho paura, rispondendo a una tua affermazione precedente, caro Prof...) di mettere in comune i nostri interrogativi, e anche i nostri disaccordi, perchŔ, come ben dici:UNA LUCE Ŕ POSSIBILE !! Una LUCE che ci insegni a essere fraterni. Questa LUCE per me Ŕ quella del Verbo (Logos) di Dio. Ora, questa LUCE, rappresentata dalla fede, offre una luminositÓ talmente potente che qualcuno preferisce evitarla.

Abbiamo tutti le stesse domande. Tutti abbiamo bisogno di spalle fraterne per vedere oltre il nostro orizzonte, spesso limitato. Abbiamo bisogno di saper condividere e rendere contagiose le nostre ragioni di vivere, di credere e di pensare.

Dio non proibisce le esigenze critiche; anzi ci invita a essere sempre pi¨ esigenti, perchŔ Ŕ un buon segno. ╚ la prova che non vogliamo ingannarci, nŔ essere ingannati su ci˛ che amiamo, nÚ "sminuire" Dio.

Non dobbiamo avere paura, noi cattolici, perchŔ Ŕ possibile rispondere alle obiezioni. Naturalmente ci sarÓ sempre pi¨ chiaro che non si potrÓ mai esaurire il mistero tramite una dialettica. La nostra fede non si riduce a un puro esercizio di pietÓ, per quanto sublime possa essere. Non possiamo mai separare il messaggio dalla Persona che ce lo porta. La nostra fede Ŕ sempre inseparabilmente nutrimento, LUCE e invito a superare la sola fiducia.

Possa anche tu, caro Federico, lasciarti sorprendere dalla stupenda coerenza del messaggio cristiano. ╚ folle d’amore questo Dio della Chiesa. Non dobbiamo quindi meravigliarci se ci chiede di credere a delle follie. Per˛ ci ama a tal punto da offrirci anche le ragioni per crederci..

Con stima e simpatia. Biasi


Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Titolo:

Testo del messaggio:
(Per creare dei paragrafi separati, lascia semplicemente delle linee vuote)

Link ipertestuale (opzionale)
(Se il tuo messaggio si riferisce ad un articolo pubblicato sul Web o ad una pagina contenente maggiori informazioni, indica di seguito il titolo della pagina ed il suo indirizzo URL.)
Titolo:

URL:

Chi sei? (opzionale)
Nome (o pseudonimo):

Indirizzo email: