Inviare un messaggio

In risposta a:
Referendum

Monito dei vescovi: "Votare un dovere civico"

Oggi. Ma ieri? Biasi, aiutaci!
martedì 13 giugno 2006 di Vincenzo Tiano
ROMA - I vescovi richiamano gli italiani al proprio dovere civico di elettori invitandoli ad andare alle urne per il referendum sulla Costituzione. Un monito, quello espresso attraverso la Sir - l’agenzia dei vescovi - volto a impedire l’astensionismo.
Secondo i vescovi importante che i cittadini esprimano il proprio parere su una riforma che stata votata a maggioranza e non attraverso le grandi intese. "In un sistema politico fatto di soggetti deboli, e sottoposto a ripetute (...)

In risposta a:

> Monito dei vescovi: "Votare un dovere civico"

martedì 13 giugno 2006

Gentile vicedirettore,

i due contrastanti appelli, a mio avviso, fanno ancora pi luce sulle chiare evidenti intromissioni della Chiesa Cattolica nella vita politica e sociale, e perch no, anche economica (visto che non pagano l’ICI...) italiana. Per, se lo si legge tra le righe, il fatto che il vescovato inviti al voto potrebbe essere esso stesso un fatto destabilizzante. Mi spiego meglio. I prelati invitano al voto perch, questa, una modifica alla Costituzione voluta dal centrodestra! Quindi, in caso di astensionismo, anche se non occorre il quorum, la vittoria del "no" potrebbe essere pi probabile.

Credo che molta gente ancora non abbia ben chiaro in mente sia cosa un referendum, confermativo in questo caso, sia l’importanza di andare a votare, specie per una materia delicata come questa: colpa, chiaramente, dei politici (di destra e di sinistra) che non fanno altro che gettare confusione e benzina sul fuoco su una scelta che, tutto sommato, sta passando in secondo piano. Non ha quel risato che dovrebbe avere, insomma. Ma, ribadisco, importante tanto quanto il voto politico! Comunque, mi allineo col suo testo e mi chiedo: passi che la Chiesa si intrometta in materia (socio-politica e culturale) di fecondazione, passi che la Chiesa si intrometta sull’aborto, passi che la Chiesa "sconsigli caldamente" di andare a vedere certi film, passi ancora il fatto di non accettare i PACS, ma ora, ditemi, cosa c’entra l’invito al voto della Chiesa?

Cio, detto in parole veramente povere, alla Chiesa che gliene frega se uno va a votare o meno per questo tipo di referendum? Altro non , quindi, a mio avviso che un...Caso di inaccettabile intromissione!

Come sempre cordialmente,

Mauro Diana.


Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Titolo:

Testo del messaggio:
(Per creare dei paragrafi separati, lascia semplicemente delle linee vuote)

Link ipertestuale (opzionale)
(Se il tuo messaggio si riferisce ad un articolo pubblicato sul Web o ad una pagina contenente maggiori informazioni, indica di seguito il titolo della pagina ed il suo indirizzo URL.)
Titolo:

URL:

Chi sei? (opzionale)
Nome (o pseudonimo):

Indirizzo email: