Poster un message

En réponse à :
"Non lasciateci soli".

SALVARE Il manifesto !!! Ciò che è in gioco è la libertà d’informazione, la democrazia - a cura di Federico La Sala

Non è come le altre volte, non è la solita ciclica difficoltà, è una faccenda molto più seria.
mercredi 1er octobre 2008 par Federico La Sala
[...] Perché sappiate che questo nostro esperimento antimercato rischia di chiudere. Noi ce la mettiamo tutta ma la risposta spetta a voi lettori de il manifesto e ai non lettori che tuttavia pensano che questo giornale sia un utile personaggio nella commedia, o tragedia, che stiamo vivendo [...]

LA RESA DEI CONTI. ECCO PERCHE’ RISCHIAMO LA PELLE
di Francesco Paternò (il manifesto, 24 giugno 2006)
E’ anomalo che un’anomalia duri da più di (...)

En réponse à :

> SALVARE Il manifesto !!!

mardi 11 juillet 2006

SOSTIENI UN BENE COMUNE - IL MANIFESTO ..................................


Il manifesto è rock di Adriano Celentano

« Quattro ore di fila per ritirare una pensione di 12mila e ottocento lire ... », diceva Memmo Dittongo a Gino Santercole nel film « Yuppy du » : « neanche un vestito salta fuori »... meno male che non ho famiglia con tanti disgraziati... se non c’era Felice che mi prestava il suo... « Felice ero io... Era il 1970 quando scrissi il dialogo della scena in cui i due amici impersonavano due poveracci che sognavano di essere due operai specializzati. Un lusso che per il fatto di essere irraggiungibile li faceva sentire diversi... in un certo senso emarginati, radiati dalla società : « se tu eri un operaio » diceva Santercole, « ce l’avevi un bel vestito, doppio petto... ». Ma questa era solo una finzione cinematografica, mentre fuori invece, fuori dal cinema, nella realtà di quegli stessi anni o giù di lì, un gruppo di intellettuali di sinistra capeggiati da quelli che tutt’ora sono considerati i grandi vecchi del manifesto, venivano radiati dal partito per aver espresso delle forti critiche alla linea comunista di allora. Un atto clamoroso, se si pensa che tutto questo avveniva quando ancor a l’Unione sovietica era molto potente. Un dissenso che per la Russia di allora voleva dire scandalo, pericolo, sgretolamento. Ma i grandi vecchi non si diedero per vinti e per tutta risposta, assieme ad altri, fondarono il manifesto. Parliamo di Rossana Rossanda, Valentino Parlato e Luigi Pintor, che Berlinguer considerava il più grande giornalista italiano ; forse perché tutti e due erano sardi... Inizia così, quindi, la straordinaria avventura dell’unico giornale senza padrone ossia, senza azionisti di maggioranza, con un’indipendenza assoluta e uno spirito di gruppo che non ha precedenti nella storia dell’editoria, non solo italiana, ma credo mondiale. La differenza fra il manifesto e le grandi testate tipo il Corriere della Sera, Repubblica, Il Messaggero, La Stampa e altri, sta nel fatto che i direttori di questi ultimi, anche se stimati e molto apprezzati per la libertà con la quale dirigono il giornale, hanno pur sempre alle loro spalle degli azionisti di maggioranza che, come una spada di Damocle, pende sulle teste dei validi Giulio Anselmi, Ezio Mauro, Paolo Mieli, ecc. Una differenza che apparentemente sembra minima, ma che nasconde invece la tragica possibilità, che improvvisamente gli azionisti di maggioranza si riuniscano per sbattere fuori Paolo Mieli in quanto non più in linea con l’oscuro pensiero da cui essi stessi dipendono : il business... il Capo supremo per eccellenza a cui non si può e non si deve disobbedire. Un capo naturalmente diverso da quello che ha il manifesto a cui invece si obbedisce in base a una credenza, un’ideologia, sia liberale, marxista o cattolica non importa, purché in ognuna prevalga l’onestà intellettuale di chi la professa e, nel manifesto, naturalmente non lo posso dire con certezza, ma da alcuni segni che traspaiono dalla storia di questo giornale, tutto fa pensare che questa onestà ci sia veramente. Per esempio lo si può intuire dal fatto che lì tutti, sia giornalisti che tecnici, guadagnano tutti uguali e, soprattutto poco... un nobile sacrificio che tuttavia pare non bastare a sorreggere la vita di questo singolare quotidiano che proprio in queste ore, rischia di chiudere per mancanza di mezzi. A oggi la sua vendita in edicola è di sole 30mila copie, con un contributo pubblicitario di appena il 10% quando si sa che oggi nessun giornale potrebbe reggere senza la partecipazione di almeno il 40% della pubblicità. Strano l’atteggiamento dei pubblicitari... Cos’è che vi da fastidio a tal punto da non considerare il manifesto come veicolo promozionale ? Un errore tattico che da parte vostra proprio non mi aspettavo. La genialità dei vostri microspettacoli che mette addirittura in serio imbarazzo chi di spettacolo invece ha perso ogni traccia sia alla Rai che a Mediaset, non può accostarsi, se non altro per un senso di sintonia e di eleganza, alla genialità dei titoli ormai famosi del manifesto. Ne ricordo qualcuno in particolare, quando per lanciare l’immagine del giornale, il manifesto fece una campagna con la foto di un bambino che dormiva coi pugni chiusi, come fanno i bambini quando dormono. Sotto la foto una scritta che diceva : La rivoluzione non russa... E poi, ancora, quando il ministro Tremonti dopo le sue dimissioni, apparve sul manifesto con il titolo « Ciao tesoro » ! Ma la cosa più stupefacente che credo rimarrà nella storia dei titoli, e anche i cattolici non possono non apprezzare la grande ironia, è quando il Papa è stato eletto : « Il pastore tedesco ». Geniale. La storia della prima e della seconda guerra mondiale raccontata in due parole... Chi fa della pubblicità non può non considerare, per quanto non condivida la sua linea politica, il valore di quella fascia di élite a cui arriva un giornale come il manifesto il quale, nonostante la sua bassa tiratura, entra nei ranghi di coloro che contano nei punti cardine della società. Cosa ti importa, se sotto la testata del manifesto c’è ancora la parola comunista ? Il tuo compito no è quello di far sì che il tuo messaggio arrivi a toccare tutte le fasce della società e, se possibile anche quelle del mondo animale ? Voltaire diceva : « Io non condivido niente di quello che dici, ma darei la vita perché tu lo dica » !


Ciampi : « Lunga vita a una voce libera » di Carlo Azeglio Ciampi

Caro Valentino Parlato, a conferma di quanto Le ho detto ieri rispondendo alla Sua telefonata, sono al vostro fianco a favore di una voce libera, indipendente nel mondo della stampa italiana come il manifesto. In questi 35 anni di vita, il vostro giornale ha dato un contributo importante e originale al dibattito politico e culturale italiano ed europeo. Esso rappresenta un momento significativo per lo sviluppo del pluralismo nel mondo dei mezzi di informazione, principio fondamentale che ho voluto mettere al centro del mio impegno quale Presidente della Repubblica dedicando a tale tema, non a caso, l’unico messaggio alle Camere del mio settennato. Con gli auguri più fervidi di una ancora lunga vita del manifesto Carlo Azeglio Ciampi Presidente Emerito della Repubblica


La marcia dei giovedì di valentino parlato

La campagna di sottoscrizione per la salvezza e il rilancio del manifesto sta andando bene : oggi abbiamo superato i 500mila euro, un terzo di quel che dobbiamo raccogliere per settembre. Con la fiducia di questo risultato (in 35 anni ci siamo conquistati un forte retroterra) lanciamo un’altra iniziativa (sempre pecuniaria) : da dopodomani, giovedì 6 luglio e per i cinque giovedì successivi, fino a giovedì 10 agosto, metteremo in edicola uno speciale del manifesto al prezzo speciale di 5 euro la copia. Staremo voi e noi molto attenti ai dati vendita che in quei giovedì dovrebbero salire, in coerenza con il prezzo. I nostri lettori, anche i più giovani sanno bene, che questo dell’aumento del prezzo è per noi una trovata antica e anche di successo : abbiamo venduto copie del manifesto a 10.000 lire e, una volta, a 50.000 lire. Con questi sei numeri a 5 euro la copia ci proponiamo un duplice risultato. Innanzitutto un incasso netto di altri 500mila euro e con ciò arrivare ai due terzi dell’obiettivo di 1,5 milioni di euro. In secondo luogo, ma forse per primo, avere un « voto di fiducia ». Questi sei numeri al prezzo speciale di 5 euro saranno numeri degni di collezione. Mi spiego : l’ultima pagina sarà a colori disegnata da studi grafici d’avanguardia di Milano. Ancora con firme di prestigio. Nel primo numero, quello di dopodomani, ci saranno gli articoli del nostro grande amico Osvaldo Soriano sui campionati del mondo di calcio passati. Osvaldo ci ha lasciato,ma i suoi scritti sono attualissimi. Nel numero di giovedì 13 luglio Rossana Rossanda ci ricorderà i due primi giorni di vita di questo giornale, la vivace confusione di allora. Poi nei tre numeri successivi ci saranno racconti inediti di Domenico Starnone e Stefano Benni e anche il nostro Galeano ci racconterà una storia del suomondo. Per l’ultimo degli speciali, quello del 10 agosto,solo immagini. I nostri fotografi da sempre Gabriella Mercadini, Mario Dondero e Tano D’Amico ci regalano alcune foto che spiegano a che cosa serve il manifesto. Dimostrarlo sarà difficile, ma i tre sono bravi. Dimenticavo : tutti questi sei speciali (ripeto a 5 euro la copia) saranno arricchiti e animati dalle vignette del nostro Vauro, ma anche dei bravissimi Altan, Staino, Pat Carra, Elle Kappa che ci hanno fatto un gran regalo. agli abbonati : Per 5 giovedì a partire dal 6 luglio il vostro coupon per acquistare in edicola il giornale non sarà valido perché il manifesto costa 5 euro. Un prezzo da carissimo sostenitore che vi preghiamo di... sostenere. Non discutete con l’edicolante, eppoi il coupon, ricordiamo, non è perduto : l’abbonamento vale 13 mesi, per cui potrete utilizzarlo un’altra volta. Grazie


www.ilmanifesto.it, 11.07.2006


Ce forum est modéré à priori : votre contribution n'apparaîtra qu'après avoir été validée par un administrateur du site.

Titre :

Texte de votre message :
(Pour créer des paragraphes, laissez simplement des lignes vides.)

Lien hypertexte (optionnel)
(Si votre message se réfère à un article publié sur le Web, ou à une page fournissant plus d'informations, veuillez indiquer ci-après le titre de la page et son adresse URL.)
Titre :

URL :

Qui êtes-vous ? (optionnel)
Votre nom (ou pseudonyme) :

Votre adresse email :