Inviare un messaggio

In risposta a:

APOLLO 11: LA LUNA!!! Quel giorno (20 luglio 1969) con Neil Armstrong, Buzz Aldrin e Michael Collins, vedemmo per la prima volta la Terra!

sabato 18 luglio 2009
Ansa» 2009-07-18 10:24
LUNA 1969: L’AMERICA CELEBRA LO STORICO SBARCO
(di Cristiano Del Riccio) *
WASHINGTON - L’America celebra i 40 anni dallo sbarco sulla Luna con una raffica di iniziative che hanno riportato in primo piano i tre astronauti protagonisti della storica missione (...)

In risposta a:

> APOLLO 11: LA LUNA!!! Quel giorno --- Si avvicina l’anniversario dello sbarco sulla luna. 40 anni. Qui in Usa non sembrano particolarmente caldi su questa ricorrenza (di Jovanotti)..

sabato 18 luglio 2009

Sassi poetici e lo sbarco sulla luna

di Jovanotti *

Si avvicina l’anniversario dello sbarco sulla luna. 40 anni. Qui in Usa non sembrano particolarmente caldi su questa ricorrenza. Io forse lo sono in modo esagerato perché quella notte davanti alla tv con Tito Stagno è il mio primo ricordo in assoluto. Di solito un bimbo ricorda una scena vaga, una stanza, una scarpa, la fantasia di un tessuto, una spiaggia con un secchiello, un riflesso di sole mentre sta prendendo la pappa, invece il mio primo ricordo è quello: gli astronauti che toccano e Tito Stagno che dice «ha toccato, ha toccato». Forse qui non la sentono così forte perché in fondo è stato un fallimento: la luna è un sasso freddo.

Di un sasso freddo gli americani non sanno cosa farsene. A me invece piace proprio perché è un sasso freddo, mi piace pensare che l’umanità si è fatta un gran mazzo per arrivarci e poi lassù non c’è niente di interessante da fare o da prendere. Questa è la più grande lezione che ci ha offerto la pallida luna, la graziosa luna, il sasso desertico che ci gira intorno. Perché il viaggio è tutto, lo spazio che ci divide dalla luna è il vero tesoro, è la sua luce riflessa il vero sole della nostra anima, del nostro desiderio più profondo, lo specchio del nostro limite infinito.

La luna ha conservato il suo carisma rispendendo a casa gli astronauti con un sacchetto di sassi e nulla più. Sassi poetici. Per questo andrebbe festeggiato in grande stile l’anniversario, sarebbe la vera festa dell’essere umano. Io sono di quella generazione che quando si era bambini si pensava «voglio fare l’astronauta», adesso che sono diventato più o meno adulto lo penso più o meno ancora.

* l’Unità, 18 luglio 2009


Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Titolo:

Testo del messaggio:
(Per creare dei paragrafi separati, lascia semplicemente delle linee vuote)

Link ipertestuale (opzionale)
(Se il tuo messaggio si riferisce ad un articolo pubblicato sul Web o ad una pagina contenente maggiori informazioni, indica di seguito il titolo della pagina ed il suo indirizzo URL.)
Titolo:

URL:

Chi sei? (opzionale)
Nome (o pseudonimo):

Indirizzo email: