Poster un message

En réponse à :

A Franco Cordero, Stefano Rodotà, Gustavo Zagrebelsky, Umberto Eco, Gianni Vattimo, Emanuele Severino, Massimo Cacciari .... Una domanda

samedi 3 octobre 2009
STIMATISSIMI GIURISTI E PROFF.
Franco Cordero,
Stefano Rodotà,
Gustavo Zagrebelsky,
Umberto Eco,
Gianni Vattimo,
Emanuele Severino,
Massimo Cacciari ....
I nostri Padri e le nostre Madri Costituenti dicevano : Se un cittadino-sovrano, una cittadina-sovrana, "pecora si fa, il lupo se la (...)

En réponse à :

> A Franco Cordero, Stefano Rodotà, Gustavo Zagrebelsky, ---- Cari Maestri ... Vi invio questa seconda Lettera Aperta - Vi prego di dare un qualche cenno di risposta (di Marco Pannella - Mandiamo a casa l’Italia del Sessantennio).

vendredi 18 septembre 2009


-  MANDIAMO A CASA L’ITALIA DEL SESSANTENNIO

-  di Marco Pannella (L’Altro, 18 settembre 2009, pag. 1)

Cari Maestri, cari Franco Cordero, Stefano Rodotà, Gustavo Zagrebelsky, vi invio questa seconda Lettera Aperta (per mera conoscenza, anche alla Federazione Nazionale della Stampa Italiana).

Vi prego di dare un qualche cenno di risposta, se appena vi fosse possibile ritenere non disdicevole un accenno di dialogo pubblico con me. Ve ne sarò riconoscente. Vorrei in particolare chiedervi :

1) Letteralmente, oggettivamente, è forse infondata la mia, valutazione e la mia denuncia del FATTO che la situazione dell’Amministrazione della Giustizia italiana, è oggi infinitamente peggiore perfino di quella che l’Italia visse nel Ventennio di legalità totalitaria, fascista ? Mi riferisco alla Giustizia con l’infame sua appendice carceraria.

2) E’, oltre che esatta, anche vera la constatazione che, appena promulgata, il primo gennaio 1948, la Costituzione repubblicana, il Potere partitocratico protratto dell’ex-CNL subito avviò una radicale opera di distruzione della Costituzione stessa, dal 1948 fino almeno alla fine degli anni Settanta ? In particolare è vero o no che :

-  a) Il nuovo Stato, la Repubblica, avrebbe dovuto essere costruito democraticamente cioè con l’uso da parte dei cittadini di quattro schede (tre elettorali e l’altra referendaria) consentito invece solo dopo un quarto di secolo, per eleggere regioni e governi legislativi regionali e per compiere scelte referendarie ?

-  b) I codici Rocco, fascisti, furono scalfiti, modificati, nello stesso periodo, solo a opera delle primissime Corti Costituzionali, mentre furono ferramente difesi a lungo dal Potere partitocratico "plurale", succeduto a quello "unico" mussoliniano ?

-  c) Gli interventi della Corte Costituzionale invece in tema referendario sono stati di vera, radicale modifica autoritaria e oligarchica, politica della Costituzione ? In patente, totale contraddizione con quanto indicato dall’articolo 21 della Costituzione, nonché dalla legge attuativa n.47 dell’8/2/1948, per tre decenni tutti i processi per diffamazione e affini a mezzo stampa, a tutela dell’onore e della reputazione, svolsero al di fuori e contro lo speciale, prescritto "rito direttissimo", che ordinava tassativamente al giudice di "emettere la entenza nel termine massimo di un mese dalla data di presentazione della querela o della denuncia".

Per decenni, dunque, non si è giudicato secondo il prescritto "rito direttissimo", né su quello ordinario, ma secondo l’arbitrio dell’un magistrato o dell’altro.

Se possono trovarsi scandalosi comportamenti istituzionali in un qualsiasi Stato di diritto. Il nostro Centro Calamandrei fu l’unico a denunciare i pericoli immensi che nella società italiana si sarebbero verificati subendo tale realtà. Oggi l’Italia la paga a carissimo prezzo. Autori, pressoché unanimi, i "democratici" e il costituzionalismo del REGIME di monopartitismo partitocratico, organizzato in due branchi criminosi anche in questo.

Spero che vogliate aiutare a comprendere meglio il nostro vissuto , come popolo ("sovrano"), come Istituzioni (responsabili o irresponsabili), come attori politico-culturali di questo nostro tempo e territorio. M’auguro che non ci si limiti a parlare d’altro, ad esempio del "clima", ll’"atmosfera", della "sostanza" a fronte delle "forme" costituzionali, istituzionali, "socio-economiche" della storia e della natura dell’Italia "1948-2009".

Ribadisco che gli abituali organizzatori "democratici", struttura parapubblica che ha "ereditato" averi, patrimoni, privilegi e strumenti, forza monopolistica, fino a poco tempo fa, del "sociale dopolavoristico" del Ventennio, ha per quasi mezzo secolo impedito il manifestarsi di massa e opinione a favore dei massimi obiettivi di Riforme istituzionali e sociali : quelli della Giustizia e dell’Informazione.

Reazione storicamente adeguata alla Liberazione ed alla Costituzione, contro democrazia e Stato di diritto, è stata ed è quella della cosiddetta "prima Repubblica", quella "al di sopra di ogni sospetto". L’abbiamo compreso e combattuto nei decenni di Giustizia e Libertà, dell’azionismo liberale, del Non Mollare, di Risorgimento Liberale e di Italia Socialista, del "Mondo", della Sinistra Liberale e del Partito Radicale. Dei Gobetti e dei Rosselli, dei Calogero e Capitini, degli Ernesto Rossi e Altiero Spinelli, dei Loris Fortuna e degli Umberto Terracini, dei Pannunzio e dei Montanelli.

L’Italia perbene che risponde alle convocazioni per la libertà di stampa, indette in extremis dagli eredi degli "antifascisti" continuatori del Ventennio nel "loro" Sessantennio.

E’ giunta l’ora di mandarli a casa, a riposo. Vogliamo organizzare come Radicali l’obiettivo di un Governo e di una Rivoluzione, "americana", federalista, democratica e liberale di classe. Aiutateci, invece di rassegnarvi all’eterno meno-peggio. Esistono le condizioni oggettive per farcela, cioè anche il dovere partigiano di Non Mollare e di con-vincere.


Ce forum est modéré à priori : votre contribution n'apparaîtra qu'après avoir été validée par un administrateur du site.

Titre :

Texte de votre message :
(Pour créer des paragraphes, laissez simplement des lignes vides.)

Lien hypertexte (optionnel)
(Si votre message se réfère à un article publié sur le Web, ou à une page fournissant plus d'informations, veuillez indiquer ci-après le titre de la page et son adresse URL.)
Titre :

URL :

Qui êtes-vous ? (optionnel)
Votre nom (ou pseudonyme) :

Votre adresse email :