Inviare un messaggio

In risposta a:

COSTANTINO, SANT’ELENA, E NAPOLEONE. L’immaginario del cattolicesimo romano.

giovedì 13 febbraio 2020
Tre donne «forti» dietro tre padri della fede
di Marco Garzonio (Corriere della Sera, 25 ottobre 2012)
Il IV secolo è fine di un’epoca e nascita di tempi nuovi anche per i modelli femminili nella cultura cristiana e nella società. Mentre le istituzioni dell’Impero si sfaldano, popoli premono ai (...)

In risposta a:

> COSTANTINO, SANT’ELENA, E NAPOLEONE. L’immaginario del cattolicesimo romano. -- No al divorzio. Anatema che risale al Concilio di Trento (Carlo Rimini))

sabato 9 aprile 2016

No al divorzio

Anatema che risale al Concilio di Trento

di Carlo Rimini * (La Stampa, 09.04.2016)

Due lettere - a. s. (anathema sit) - hanno sancito una scomunica secolare, impresse su un foglio che ha segnato la contrapposizione fra cattolicesimo e divorzio. Una frattura che ha una data ben precisa: la notte dell’11 novembre 1563. Erano in corso i lavori di una Sessione del Concilio di Trento. A Nord delle Alpi la Chiesa protestante si avviava ad ammettere il divorzio per colpa. Fra tutti i cardinali riuniti in Concilio si consumò una battaglia furibonda.

Le cronache ufficiali dicono che fu trovata una «feconda sintesi»; quelle ufficiose che alcune sedie furono lanciate. A tarda notte fu comunque approvato un testo fondamentale per la controriforma:
-  «Se qualcuno dirà che si può sciogliere il vincolo del matrimonio per l’adulterio di uno dei coniugi e che l’uno o l’altro possa contrarre un nuovo matrimonio e che quindi non commette adulterio colui o colei che scacciato l’adultero si sposi con un altro, costui sia scomunicato».

Da cinquecento anni l’anatema risuona nella Cattedrale di San Vigilio e da lì in ogni angolo del mondo cattolico.

Prima di quella notte le vicende furono alterne. Nel 331 l’imperatore Costantino - colui a cui apparve la Croce sovrastata dalla scritta in hoc signo vinces - provò a porre un limite:
-  «È deciso che non sia lecito alla donna, presa da insani desideri, inviare il ripudio al marito presentandolo come donnaiolo. Ma la donna può ripudiare il marito solo dimostrando che egli è un omicida o un avvelenatore o un violatore di sepolcri. Se, al di fuori di queste tre colpe, avrà ripudiato il marito, è necessario che lasci ogni cosa in casa del marito, fino allo spillone con cui lega i capelli e senza nulla lasci la casa del marito e sia deportata su un’isola». Andava meglio al marito: poteva lasciare la moglie dando prova che questa fosse un’adultera, un’avvelenatrice o una mezzana; altrimenti non si poteva risposare.

Le norme introdotte da Costantino parvero subito troppo severe. Sembra infatti che già suo nipote Giuliano l’Apostata le abbia abrogate. Il condizionale è in questo caso d’obbligo: la notizia è riportata in un testo enigmatico - Quaestiones Veteris et Novi Testamenti - che si sofferma sulle tormentate vicende del rapporto fra cristianesimo e divorzio. L’autore ha uno pseudonimo misterioso: Ambrosiaster. Si riteneva che si trattasse di Sant’Ambrogio, ma Erasmo da Rotterdam dimostrò che non poteva essere Ambrogio e così inventò lo pseudonimo.

*

Ordinario di diritto privato nell’Università di Milano


Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Titolo:

Testo del messaggio:
(Per creare dei paragrafi separati, lascia semplicemente delle linee vuote)

Link ipertestuale (opzionale)
(Se il tuo messaggio si riferisce ad un articolo pubblicato sul Web o ad una pagina contenente maggiori informazioni, indica di seguito il titolo della pagina ed il suo indirizzo URL.)
Titolo:

URL:

Chi sei? (opzionale)
Nome (o pseudonimo):

Indirizzo email: