Poster un message

En réponse à :
LA COSTITUZIONE, L’ART.18 DELLO STATUTO DEI LAVORATORI, E LO SLOGAN "IL LAVORO RENDE LIBERI" ("Arbeit macht frei") DELLA NOTTE TRAGICA DELL’EUROPA....

CRONACHE DI UN MASSACRO, UN "CONTAGIO DI SUICIDI", E L’ART. 18. La Spoon River della crisi. Una nota di Adriano Sofri - a c. di Federico La Sala

Lo sciopero del 13 aprile è un intervento di protezione civile, una scelta fra la dignità solidale e la commiserazione. Le persone che si arrendono, fino al gesto estremo, sentono d’essere abbandonate, "da tutti".
dimanche 1er avril 2012 par Federico La Sala
[...] Imprenditori si impiccano, e curano di farlo nei loro capannoni, nel giorno festivo o fuori dall’orario di lavoro. La classe dirigente, le persone di cui ieri si pubblicano i "maxistipendi", le maxipersone di cui si pubblicano gli stipendi - saranno magari altrettanto commosse dell’umanità minuta per questo stillicidio di immolazioni disperate. Il fatto è che ai nostri giorni i poveri e gli impoveriti e soli che si danno fuoco hanno fatto tremare i potenti del mondo più di un esercito (...)

En réponse à :

> CRONACHE DI UN MASSACRO, UN "CONTAGIO DI SUICIDI", E L’ART. 18. ---- LA QUESTIONE MORALE. L’UOMO NON E’ UNA MERCE E LA POSIZIONE DEI VESCOVI.

vendredi 30 mars 2012

I vescovi : l’uomo non è una merce

Soluzioni condivise

di Roberto Monteforte (l’Unità, 23 marzo 2012)

Non è lo scontro che serve al Paese. Soprattutto in questa fase. Chi può essere così sicuro che con la riforma dell’articolo 18 si risolva il problema della precarietà ? Non ci si rende conto di quanto sia grave lo strappo con la Cgil, il maggiore sindacato italiano ? E poi il lavoratore « non è una merce da eliminare per questioni di bilancio », ma una persona e come tale da rispettare.

Sono critiche di fondo quelle che monsignor Giancarlo Bregantini, arcivescovo di Campobasso- Bojano, presidente della commissione lavoro alla Cei e con un passato in fabbrica, muove al governo Monti. In un’intervista a Famiglia Cristiana esprime con chiarezza tutte le sue preoccupazioni per gli effetti concreti della riforma Monti-Fornero e soprattutto per la scarsa attenzione data alla dignità dell’uomo. « Con questa riforma la precarietà sarà vinta ? O addirittura aumenterà ? », si domanda. Parla a titolo personale il responsabile Cei per il lavoro e le questioni sociali, a pochi giorni dall’apertura del Consiglio Permanente dei vescovi.

Ma dopo che le agenzie hanno lanciato la sua intervista, anche la Cei prende ufficialmente posizione con il suo portavoce, monsignor Domenico Pompili. « La situazione del mondo del lavoro - afferma Pompili - costituisce un assillo costante dei vescovi. La dignità della persona passa per il lavoro riconosciuto nella sua valenza sociale ». « La Conferenza episcopale italiana - conclude - segue con attenzione le trattative in corso, confidando nel contributo responsabile di tutte le parti in campo, al fine di raggiungere una soluzione, la più ampiamente condivisa ». Così la posizione di Bregantini trova copertura.

Le sue sono le preoccupazioni della Chiesa che è in prima linea nel fronteggiare la crisi economica e sociale. « I licenziamenti economici - afferma il vescovo - rischiano di generare un clima di paura in tutto il Paese ». Teme che nelle aziende e nelle famiglie monti « un’ondata di terrore » per paura di vedersi licenziati per motivazioni economiche o organizzative. E aggiunge : « Una siepe protettiva sui licenziamenti economici bisognava metterla ». Da qui il suo appello rivolto soprattutto ai politici perché « si possa creare una rete di diritti e di protezioni più solida ».

Invoca coesione. Lasciare fuori la Cgil per questo lo giudica « un grave errore », come pure considerare questo una cosa « data quasi per scontata », come se non fosse « una cosa preziosa » per la riforma del lavoro avere il consenso del primo sindacato italiano. Va tenuto conto, infatti, che « dietro questa fetta di sindacato vi è tutto un mondo importante, cruciale da coinvolgere per camminare verso il futuro ». L’altra critica è ai tempi stretti imposti per una riforma di questa portata e quel perentorio « la partita è chiusa » del premier Monti, mentre sarebbe stato necessario aprire il dialogo in Parlamento, nei luoghi di lavoro e nel Paese.

Ma è un tema etico di fondo quello che Bregantini pone di fronte ai licenziamenti « chiamati elegantemente, “flessibilità in uscita” ». « Il lavoratore è persona o merce ? ». « Non lo si può trattare - scandisce - come un prodotto da dismettere, da eliminare per motivi di bilancio, perché resta invenduto ». Poi osserva come in politica l’aspetto tecnico stia diventando prevalente su quello etico. Come sia eccessiva la « sintonia » tra profitto e aspetto tecnico.

Un promemoria della Chiesa per il premier Monti e il ministro Fornero e per tutti i cattolici impegnati in politica. Lo rilanciano in molti, da Rosy Bindi a Leonluca Orlando, che chiedono al governo di ascoltare la Cei.


Ce forum est modéré à priori : votre contribution n'apparaîtra qu'après avoir été validée par un administrateur du site.

Titre :

Texte de votre message :
(Pour créer des paragraphes, laissez simplement des lignes vides.)

Lien hypertexte (optionnel)
(Si votre message se réfère à un article publié sur le Web, ou à une page fournissant plus d'informations, veuillez indiquer ci-après le titre de la page et son adresse URL.)
Titre :

URL :

Qui êtes-vous ? (optionnel)
Votre nom (ou pseudonyme) :

Votre adresse email :