Poster un message

En réponse à :
PIANETA TERRA. 1948-2008.....

I DIRITTI UMANI, OGGI, 10 DICEMBRE 2008 - I TRENTA ARTICOLI DELLA "DICHIARAZIONE UNIVERSALE" (1948), COMMENTATI DAL PROF ANTONIO PAPISCA - di don Aldo Antonelli

mercredi 10 décembre 2008 par Federico La Sala
SUI DIRITTI UMANI
di don Aldo Antonelli
Oggi, 60° anniversario della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, vi rimetto, come promesso, i trenta articoli commentati dal Prof. Papisca in un unico file [cf., qui, in fondo], non senza, però, farvi un augurio e non senza offrirvi citazioni che, tra plauso e criticità, non vi consegnino solo come passivi difensori di diritti in una situazione contraddittoria, che mentre li proclama li nega !
L’augurio
"Qualunque sia la carriera che (...)

En réponse à :

> I DIRITTI UMANI, OGGI, 10 DICEMBRE 2008 ---- IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA NAPOLITANO, GARANTIRE PRIMATO DELLA PERSONA.

mercredi 10 décembre 2008

Ansa » 2008-12-10 10:41

DIRITTI UMANI : NAPOLITANO, GARANTIRE PRIMATO DELLA PERSONA

Garantire il primato della persona e della sua dignità su basi di libertà e di eguaglianza e impegnarsi per prevenire ogni ingiustificata violazione dei diritti e garantirne la loro tutela. E’ quanto evidenzia oggi il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, in un messaggio che inviato al Presidente del Senato, sen.Renato Schifani, e al Presidente della Camera dei Deputati, on. Gianfranco Fini, in occasione del 60/o anniversario della Dichiarazione dei diritti dell’uomo.

"In occasione della ricorrenza del sessantesimo anniversario della Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo - scrive il capo dello Stato - desidero unirmi a quanti sono impegnati, in Italia e nel mondo, per affermare e garantire il primato della persona e della sua dignità su basi di libertà e di eguaglianza. In tale azione, trovo ispirazione nei principi sanciti nella nostra Carta costituzionale, di cui abbiamo celebrato quest’anno i sessant’anni di vita, e che vengono riaffermati nella Convenzione europea dei diritti dell’uomo e nei Trattati istitutivi dell’Unione Europea. La Dichiarazione del 1948 - spiega il presidente della Repubblica - ha affermato il valore essenziale della dignità umana, ovunque nel mondo, senza distinzione di razza, sesso, lingua, religione o opinione, cittadinanza o status sociale. Adottando quel documento, la comunità internazionale ha riconosciuto che il primato dei diritti della persona è condizione basilare per realizzare concretamente la pace, la libertà e la giustizia fra i popoli. I principi sanciti nella Dichiarazione sono stati progressivamente oggetto di numerose convenzioni internazionali, che hanno dato vita ad un vasto patrimonio normativo. Tale processo evolutivo, particolarmente rilevante e fecondo in ambito europeo, ha rafforzato - sottolinea Giorgio Napolitano - la consapevolezza della responsabilità internazionale per la tutela dei diritti umani e della necessità di prevedere adeguati sistemi di verifica da parte degli stati. Ciò nonostante, dobbiamo purtroppo constatare il profondo divario che ancora oggi separa le enunciazioni dei diritti dal loro effettivo esercizio. Mentre in tante parti del mondo antiche violazioni non sono scomparse, la tutela dei diritti deve infatti affrontare nuove minacce legate al terrorismo, alla tutela dell’ambiente ed ai cambiamenti climatici, alle lesioni della privacy, all’impatto delle crisi economiche sulle condizioni di vita dei singoli e delle collettività. La doverosa constatazione dell’insufficienza degli sforzi sinora compiuti impone un rinnovato e più forte impegno da parte delle istituzioni, delle associazioni e dei singoli per prevenire ogni ingiustificata violazione dei diritti e garantirne la loro tutela. Il Parlamento può dare certamente un impulso cruciale in tale direzione. Mi auguro, infine - conclude il presidente della Repubblica nel suo messaggio ai presidenti delle Camere - che la celebrazione odierna contribuisca ad avvicinare sempre più i nostri giovani al contenuto della dichiarazione, aiutandoli a coltivare il senso profondo di una fratellanza basata su principi e valori universali, che essi dovranno saper condividere, trasmettere e difendere ovunque nel mondo".


SUL TEMA, NEL SITO, SI CFR. :

VIVA L’ITALIA...

LA QUESTIONE MORALE, QUELLA VERA - EPOCALE. AL GOVERNO DELLA CHIESA UN PAPA CHE PREDICA CHE GESU’ E’ IL FIGLIO DEL DIO "MAMMONA" ("Deus caritas est", 2006) E AL GOVERNO DELL’ITALIA UN PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEL PARTITO "Forza Italia" (1994-2008). Questo è il nodo da sciogliere


Ce forum est modéré à priori : votre contribution n'apparaîtra qu'après avoir été validée par un administrateur du site.

Titre :

Texte de votre message :
(Pour créer des paragraphes, laissez simplement des lignes vides.)

Lien hypertexte (optionnel)
(Si votre message se réfère à un article publié sur le Web, ou à une page fournissant plus d'informations, veuillez indiquer ci-après le titre de la page et son adresse URL.)
Titre :

URL :

Qui êtes-vous ? (optionnel)
Votre nom (ou pseudonyme) :

Votre adresse email :