Nelle società contemporanee si moltiplicano le demarcazioni : il futuro dipenderà dal dialogo che si creerà lungo questi confini.

CONFINI E FRONTIERE. Dalle idee di Lévi-Strauss alle grandi migrazioni. Una ridefinizione dei concetti (di Zygmunt Bauman) - a cura di Federico La Sala

Valencia. Una rassegna in Spagna ospita artisti che hanno esplorato le frontiere, culturali e geografiche
lundi 25 mai 2009.
 


-  Valencia. Una rassegna in Spagna ospita artisti che hanno esplorato le frontiere, culturali e geografiche

-  I confini sono campi di battaglia. Ma anche « workshop creativi » in cui germogliano i semi di forme future di umanità.
-  Il sociologo Zygmunt Bauman, inventore di fortunate formule sulla « società liquida », ridefinisce i concetti di confine e di frontiera.
-  Le barriere e i muri sono i laboratori dove si modellano le nuove società, ma i muri sono per principio valicabili.
-  Nelle società contemporanee si moltiplicano le demarcazioni : il futuro dipenderà dal dialogo che si creerà lungo questi confini.

-  Dalle idee di Lévi-Strauss alle grandi migrazioni :
-  l’analisi del creatore della « società liquida »

-  Nei confini si trovano le identità del futuro

-  Oltre i muri. Barriere spontanee, recinti, divieti legislativi : i laboratori in cui si modella l’evoluzione umana
-  Sono pochi i muri privi di cancelli e di porte. I muri sono, per principio, valicabili e sono anche interfacce tra i luoghi che separano
-  Distinguere un luogo dal resto dello spazio vuol dire modificare le probabilità, rendere certi eventi possibili e altri impossibili

di Zygmunt Bauman (Corriere della Sera, 24.05.2009)

Il grande antropologo Claude Lévi-Strauss, nelle Strutture ele­mentari della parentela (1949), il primo dei suoi libri, sostiene che la proibizione dell’incesto (o, più precisamente, la creazione del­l’idea di « incesto », cioè di un rap­porto possibile ma da non pratica­re, proibito tra umani) segna l’atto di nascita della cultura. La cultura, e quindi il (particolare) modo uma­no di essere, inizia tracciando un confine che prima non esisteva. Le donne (tutte, dal punto di vista bio­logico, potenziali partner in un rapporto sessuale) vengono divise tra quelle con cui è proibito unirsi sessualmente, e le altre, con cui in­vece è permesso.

Alle somiglianze e differenze naturali viene aggiun­ta una distinzione artificiale, crea­ta e imposta dagli uomini ; più pre­cisamente, a certi tratti naturali (in questo caso biografici) viene attri­buito un significato ulteriore, asso­ciandoli a specifiche regole di percezione, valutazione e alla scelta di un modello di comportamento.

La cultura, dagli inizi e per tutta la sua lunga storia, ha continuato a seguire lo stesso modello : usa dei segni che trova o costruisce per di­videre, distinguere, differenziare, classificare e separare gli oggetti della percezione e della valutazio­ne, e i modi preferiti/raccomanda­ti/ imposti di rispondere a quegli oggetti. La cultura consiste da sem­pre nella gestione delle scelte uma­ne.

1. I confini sono tracciati per cre­are differenze, per distinguere un luogo dal resto dello spazio, un periodo dal resto del tempo, una cate­goria di creature umane dal resto dell’umanità... Creare delle diffe­renze significa modificare le proba­bilità : rendere certi eventi più pro­babili e altri meno, se non addirit­tura impossibili. Quando questo si verifica in determinati luoghi, peri­odi, o categorie di persone, il mon­do si semplifica, diventa più com­prensibile, si trasforma in un am­biente in cui è più facile agire in modo ragionevole (efficace, inten­zionale). Il confine protegge (o al­meno così si spera o si crede) dal­l’inatteso e dall’imprevedibile : dal­le situazioni che ci spaventerebbe­ro, ci paralizzerebbero e ci rende­rebbero incapaci di agire. Più i con­fini sono visibili e i segni di demar­cazione sono chiari, più sono « or­dinati » lo spazio e il tempo all’in­terno dei quali ci muoviamo. I con­fini danno sicurezza. Ci permetto­no di sapere come, dove e quando muoverci. Ci consentono di agire con fiducia.

2. Per avere questo ruolo, per im­porre ordine al caos, rendere il mondo comprensibile e vivibile, i confini devono essere concreta­mente tracciati. Intorno alle case troviamo steccati o siepi. Sulle por­te e sui cancelli ci sono nomi che mostrano la distinzione tra chi sta dentro e chi fuori, tra i residenti e gli ospiti. Ignorare questi segni, di­sobbedire alle regole che ci indica­no, è una trasgressione che com­porta conseguenze che vorremmo evitare : eventi temibili, imprevedi­bili e incontrollabili. D’altro canto, conformarsi alle istruzioni, esplici­te o implicite, e modificare il pro­prio modello di comportamento quando si attraversa il confine crea (ricrea, rafforza, manifesta) l’ordine che il confine deve instau­rare, servire e mantenere.

Ordine vuol dire la cosa giusta al posto giu­sto e al momento giusto. Sono i confini a determinare quali sono le cose, i luoghi e i momenti giu­sti. Gli oggetti del bagno devono essere tenuti separati da quelli del­la cucina, quelli della camera da letto da quelli del soggiorno, quel­li destinati all’esterno da quelli per l’interno. Le cose fuori posto sono sporcizia e devono essere spazzate via, rimosse, distrutte o trasferite altrove, al luogo a cui « appartengo­no » - se esiste (non sempre esi­ste, come potrebbero testimoniare i rifugiati apolidi o i vagabondi sen­zatetto).

Chiamiamo « pulizia » la ri­mozione di ciò che è indesiderabi­le, il ristabilimento dell’ordine. « Pulizia » significa ordine.

3. I confini sono tracciati per cre­are e mantenere un ordine spazia­le : per raccogliere in certi luoghi alcune persone e cose lasciandone fuori altre. Negli edifici pubblici gli avvisi di « divieto di accesso » so­no sempre posti su un solo lato della porta, per separare chi viene da quella parte (clienti, pazienti-esterni) da chi sta dall’altro lato (impiegati, sorveglianti, manager - interni). Le guardie all’entrata dei centri commerciali, ristoranti, edifici amministrativi, quartieri esclusivi, teatri o territori statali permettono a qualcuno di entrare e ad altri no, controllando bigliet­ti, lasciapassare, passaporti e simili documenti, o cercando di capire le intenzioni di chi vuole entrare o predire la sua capacità di attenersi alle regole stabilite. Ogni modello di ordine spaziale divide gli esseri umani in « desiderabili » e « indesiderabili ». Ogni confine ha lo sco­po di evitare che le due categorie si mescolino nello stesso spazio.

4. I confini dividono lo spazio ; ma non sono pure e semplici bar­riere. Sono anche interfacce tra i luoghi che separano. In quanto ta­li, sono soggetti a pressioni con­trapposte e sono perciò fonti po­tenziali di conflitti e tensioni. So­no pochi (se pure ci sono) i muri privi di cancelli o porte. I muri so­no, per principio, valicabili - an­che se le guardie da entrambi i lati hanno scopi opposti e cercano di rendere l’osmosi (la permeabilità e penetrabilità dei confini) asimme­trica. L’asimmetria è completa, o quasi, nel caso delle prigioni, dei campi di detenzione e dei ghetti, o delle « aree ghettizzate » (Gaza e la Cisgiordania sono oggi gli esempi più vistosi di questo tipo), dove le guardie sono solo da un lato ; ma le zone delle città che notoriamente è bene evitare tendono ad assomi­gliare a questo modello estremo, affiancando al rifiuto di entrare di chi è fuori la condizione di non po­ter uscire di chi è dentro.

5. Tracciare e proteggere i confi­ni sono attività prioritarie, volte a ottenere e mantenere la sicurezza ; il prezzo da pagare è la perdita del­la libertà di movimento. Questa li­bertà diventa ben presto il fattore discriminante tra i diversi gradi so­ciali e il criterio secondo cui un in­dividuo o una categoria vengono misurati all’interno della gerarchia sociale ; il diritto di passaggio (o meglio il diritto di ignorare il confine) diventa quindi una delle que­stioni più contestate, di carattere strettamente classista ; mentre la capacità di sfidare il divieto di vali­care un confine diviene una delle principali armi di dissenso e di resistenza contro la gerarchia di po­tere esistente. Queste pressioni sfo­ciano in un evidente paradosso : nel nostro pianeta che si sta rapida­mente globalizzando, la diminuzio­ne dell’efficacia dei confini (la loro crescente porosità, associata al fat­to che la distanza spaziale ha sem­pre minor valore difensivo) si ac­compagna alla rapida crescita di si­gnificato che si tende ad attribuire loro.

6. Lontani dall’attenzione e dalle pesanti interferenze dei governi, in una sorta di penombra mediati­ca, si moltiplicano confini di tipo differente, spontanei, senza de­marcazioni. Sono la conseguenza della crescente urbanizzazione (due anni fa gli abitanti delle aree urbane hanno superato il 50 per cento della popolazione mondia­le). I « confini spontanei », costitui­ti dal rifiuto di una commistione, anziché da cemento e filo spinato, svolgono una doppia funzione : ol­tre ad avere lo scopo di separare, hanno anche il ruolo/destino di es­sere delle interfacce, di promuove­re quindi incontri, interazioni e scambi, e in definitiva una fusione di orizzonti cognitivi e pratiche quotidiane. È a questo livello « mi­cro sociale » che tradizioni, credi, culture e stili di vita differenti (che i confini amministrati dai governi a livello « macro sociale » cercano con alterne fortune di tenere sepa­rati) si incontrano e inevitabilmen­te ingaggiano un dialogo - pacifi­co o antagonistico, ma che porta sempre a stimolare la conoscenza e la familiarità reciproca, e poten­zialmente la comprensione, il ri­spetto e la solidarietà.

7. Il difficile compito di creare le condizioni per una coabitazione, pacifica e vantaggiosa per tutti, di forme differenti di vita, viene scari­cato su realtà locali (soprattutto ur­bane), che si trasformano, volenti o nolenti, in laboratori in cui si spe­rimentano, e alla fine si apprendo­no, i modi e i mezzi della coabita­zione umana in un pianeta globa­lizzato. Le frontiere, materiali o mentali, di calce e mattoni o sim­boliche, sono a volte dei campi di battaglia, ma sono anche dei workshop creativi dell’arte del vive­re insieme, dei terreni in cui vengo­no gettati e germogliano (consapevolmente o meno) i semi di forme future di umanità.

Nella storia nulla è predetermi­nato ; la storia è una traccia lasciata nel tempo da scelte umane molte­plici e di diversa origine, quasi mai coordinate. È troppo presto per prevedere quale delle due funzioni - tra loro interconnesse - dei confini prevarrà. Di una cosa però possiamo essere certi : noi (e i no­stri figli) dormiremo nel letto che ci saremo collettivamente prepara­ti : tracciando confini e trattando sulle norme che regolano il funzio­namento delle frontiere. Che av­venga di proposito o casualmen­te... che ne siamo coscienti o no. (Traduzione di Maria Sepa)


Sul tema, nel sito, si cfr. :

A CLAUDE LÉVI-STRAUSS (CENTO ANNI IL 28 NOVEMBRE 2008). E AL SUO LAVORO "TRISTI TROPICI" - UN’OPERA UNICA, ASSOLUTA.


Répondre à cet article

Forum