Ritorno al futuro ... omaggio a Soren Kierkegaard e a Walter Benjamin !!!

Leonida : "300" !!! Nelle sale il film di Zack Snyder. "ERAN TRECENTO ERAN GIOVANI E FORTI" ... E FURONO CAPACI DI FERMARE L’AVANZATA DELLA "MALAVITA" E DELLA "MALA EDUCACION" MONDIALE (dei "piani alti" e dei "piani bassi" della società del XXI sec. d. C. - non dei mediorientali, degli arabi o ... dei persiani) !!! - a cura di pfls

samedi 24 mars 2007.
 


Nelle sale il film di Zack Snyder, fedelissimo al romanzo a fumetti di Frank Miller da cui è tratto. Protagonista, un vero supereroe : il re Leonida, che combatte contro Serse

-  Arriva "300", superkolossal su Sparta
-  tra battaglie, sangue e potenza visiva

Uno sbarco preceduto da molte polemiche : sulla precisione storica, sul razzismo verso i mediorientali. Ma forse la soluzione migliore è non prenderlo troppo sul serio...

di CLAUDIA MORGOGLIONE *

ROMA - Per apprezzare un kolossal come 300 - presentato ieri sera, tra gli applausi, alla stampa italiana - bisogna sbarazzarsi di un pregiudizio. E cioè che il film tratto dall’omonimo romanzo a fumetti di Frank Miller, e centrato sulla battaglia delle Termopili tra gli spartani e i persiani, sia una pellicola storica. Con pretese di realismo, di precisione filologica, di fedeltà alle fonti e ai documenti. Se si parte da questo (errato) presupposto, allora vedere questo pugno di guerrieri iper-palestrati, che affrontano il massacro a suon di musica heavy metal, diventa un’esperienza insopportabile.

Se invece si affronta la pellicola per quello che è - la trasposizione di una graphic novel di culto, realizzata dall’autore di Sin City e del batmaniano Il ritorno del Cavaliere oscuro - allora la faccenda diventa interessante. E anche divertente : perché in quasi due ore di film, diretto da Zack Snyder, si assiste a una fantasmagoria di battaglie, scontri, momenti epici, sangue, teste che volano, eccetera. Con uno stile visivo fedelissimo al fumetto, e con un iperrealismo che conquisterà una buona fetta di spettatori.

Eppure, al suo arrivo nelle sale italiane, 300 - attuale campione d’incassi negli Usa - è già preceduto da una bella scia di polemiche. La prima riguarda, appunto, la fedeltà storica dell’opera, il suo modo di raccontare la mitica battaglia che si svolse, nel 480 avanti Cristo, tra un manipolo di (trecento) spartani guidati dal loro re, Leonida, e le decine di migliaia di soldati dell’imperatore persiano Serse, deciso a conquistare anche la Grecia. Su questo punto, come già detto, la questione è chiara : la precisione filologica qui non è di casa. Perché la vera fonte del film non sono i documenti, ma il fumetto.

L’altra polemica è un classico argomento politicamente corretto : secondo alcuni detrattori - e perfino per le autorità iraniane - il film di Snyder sarebbe razzista. Rappresentando i persiani, cioé gli attuali popoli mediorientali e del Golfo Persico, come immorali, lascivi, infidi, coraggiosi solo perché dotati di una macchina bellica impressionante. A partire dal loro re. Annotazione assolutamente vera, non c’è dubbio ; la questione, semmai, è se vale la pena - o meno - prendere sul serio un kolossal fumettoso come questo.

Un film che, al contrario, si inserisce nella tradizione delle pellicole dedicate ai supereroi. Perché un supereroe e tutto tondo, senza cedimenti e senza sbavature, è il protagonista, Leonida (Gerard Butler) : educato sin da bambino alla durissima disciplina della città-stato di Sparta, diventa un sovrano guerriero dall’insuperabile coraggio. E così, quando viene a sapere che le truppe di Serse (Rodrigo Santoro) stanno per invadere la Grecia, si rivolge a una casta di orribili sacerdoti, gli Efori, per sapere l’oracolo.

Corrotti dal denaro persiano, i sacerdoti dicono di non combattere. Ma il re fa di testa sua : contro il parere del Consiglio cittadino, e appoggiato dalla bella e coraggiosa moglie Gorgo (Lena Headey), sceglie trecento tra i migliori combattenti e decide di attirare l’esercito nemico nel passaggio delle Termopili. Una gola strettissima, in cui la devastante superiorità numerica dei persiani perde molta della sua forza.

A questo punto, assistiamo alle scene di battaglia, girate - come tutto il film - con un misto di sequenze dal vivo e rielaborazione in 3-D. Sequenze fatte apposta per esaltare il valore militare e l’intelligenza degli spartani, contro la protervia decadente degli avversari. Proprio mentre, in patria, Gorgo è costretta a sventare gli intrighi del corrotto Terone (Dominic West)... Alla fine, per i nostri eroi, il destino è forse segnato ; ma come spiega il narratore, il soldato Dilios (David Wenham, già visto nella trilogia Il Signore degli anelli), il loro sacrificio porterà le città greche a unirsi. E a sventare la minaccia che viene da Est.

Questa la trama. Ma a svettare, nel film, sono le scene di battaglia, e lo stile visivo della pellicola. Compreso il suo particolarissimo colore : per ottenerlo, il regista ha intensificato il nero dell’immagine, e accentuato la saturazione cromatica. Il tutto, con estrema fedeltà al mondo creato da Miller (che qui è anche produttore esecutivo) : "Non volevo girare qualcosa che sembrasse una fotografia - ha spiegato Snyder - ma far entrare il pubblico nel mondo creato dalla graphic novel di Frank. Non è un dramma storico, non è una storia lineare : volevamo creare un’esperienza unica".

Spetterà al pubblico italiano, adesso, promuovere o bocciare l’operazione. Apprezzare, o meno, il film e il personaggio che lo incarna, Leonida. Che comunque, in molti spettatori, provocherà quasi una sensazione di sollievo : dopo tanti supereroi tormentati da superproblemi, dall’Uomo Ragno a Batman, finalmente eccone uno che non deve chiedere mai...

IMMAGINI DI "300"

* la Repubblica, 21 marzo 2007



Per chi vuole curiosare - e riflettere al di là del film, nel sito, si cfr. :

-  SOVRANITA’ E OBBEDIENZA. "DICO" : DI CHI, DI QUALE LEGGE - A CHI, A QUALE LEGGE OBBEDIRE ?!... Al Faraone e alla sua legge o a Mosè e alla Legge che egli stesso segue ?! Abramo, chi ascoltò : Baal, il dio dei sacrifici e della morte, o Amore, il dio dei viventi ?! Un’analisi di Giovanni Filoramo

-  COSTITUZIONE, LINGUA E PAROLA.....


Répondre à cet article

Forum