Convivere con la mafia...

ITALIA e "Forza ITALIA" : un nodo politico-culturale ancora e pericolosamente non sciolto. L’analisi e la denuncia di Barbara SPINELLI

samedi 28 octobre 2006.
 

Primum vivere

di Barbara Spinelli (LA Stampa, 30/7/2006)

LO si capisce dalle vignette di Giannelli sul Corriere della Sera, che dipingono un Berlusconi felice di ottenere da sinistra quel che non aveva ottenuto da destra. Lo si capisce dalle parole di Federico Grosso, che su questo giornale, il 25 luglio, parla di legge necessaria al miglioramento delle carceri, ma viziata da un compromesso che garantisce impunità a crimini economici « fortemente caratterizzati da disvalore sociale e morale ». Lo si capisce dalle proteste di Eugenio Scalfari, di Luca Ricolfi, di Michele Ainis, di Vittorio Grevi, dell’ex giudice D’Ambrosio, del giudice Caselli. La legge sull’indulto che ieri è passata al Senato è molto più di un errore. Nasce da una profonda, radicata indifferenza alla cultura della legalità e al rapporto sano fra Stato di diritto ed economia. Le critiche pesanti rivolte da sinistra a Di Pietro, che ha provato a fermare la legge sino a dissociare la lealtà di ministro dalla propria coscienza di cittadino, confermano questa indifferenza.

Di Pietro è sospettato di voler conquistarsi visibilità, oltre che di usare un linguaggio sleale, violento. Il che forse non è falso : se c’è un modo di coltivare il protagonismo, quello del ministro è ben scelto. Ma gli strali si concentrano sul dito anziché su quel che il dito indica, e il proverbio cinese evocato da Di Pietro è sempre valido : « Quando il dito indica la luna, lo sciocco guarda il dito ». Lo sciocco non guarda alla sostanza, bensì all’apparenza. Per lo sciocco vale soprattutto : Primum

Vivere, e dunque la sopravvivenza di una coalizione che senza Forza Italia non avrebbe approvato l’indulto. Primum Vivere fu il motto di Craxi quando prese la guida del Psi : lo slogan rovinò una grande scommessa politica (il rafforzamento della sinistra non comunista) trascinando il socialismo italiano nella corruzione. Il centro sinistra non corre quel pericolo ma quasi sembra trascurarlo. Come se in testa venisse anche per lei, in occasioni non marginali, la conquista-salvaguardia del potere e non quel che il potere fa. In tali circostanze il resto conta poco o nulla, anche quando questo resto è la sostanza delle cose : la cultura della legalità e il senso civico della classe dirigente, in un paese dove il problema dell’etica nell’economia e nella politica è il vero suo tarlo e la vera anomalia.

Questa trascuratezza in tema di legalità non cade dal cielo : si può scrivere ormai una storia degli Indifferenti in materia, che nell’ultimo decennio e più hanno perso di vista non solo l’importanza ma anche i benefici delle regole, della buona condotta finanziaria. Che hanno consentito che alla giustizia venisse dato il nome di giustizialismo forcaiolo, alla morale il nome di moralismo.

Che hanno sconnesso il legale dall’utile, l’onestà dalle esigenze - considerate più autentiche, pratiche - dell’economia o della gestione del potere. È la storia di come piano piano s’è spenta la passione di Mani Pulite, e la speranza in una classe dirigente rinnovata. Di questa storia Berlusconi ha profittato, andando al potere nel ’94 e nel 2001 senza che conflitto d’interessi e processi l’ostacolassero.

Da quale cultura (nel doppio significato del termine) è germinata questa storia che ha creato uno spazio per Berlusconi e che oggi glielo preserva ? Da una cultura presente nei luoghi meno prevedibili, sia a destra sia nella sinistra radicale, sia nella politica sia in parte della Chiesa : sfatando le tesi di chi considera finito il catto-comunismo e non vede sorgere la nuova, strana alleanza tra catto-comunisti e Berlusconi. In realtà, buona parte della Chiesa italiana si è rivelata attore di primo piano, e questo spiega come mai tanti cattolici di centro, pur distanziandosi da Forza Italia o combattendola, coltivano il culto berlusconiano dell’impunità. Con il passare degli anni la Conferenza episcopale ha dimenticato le sue battaglie per la cultura della legalità e contro la mafia, pur di ritagliarsi uno spazio politico che compensasse il declinare, in molti suoi esponenti, della missione spirituale e profetica. Del tutto dimenticata oggi è la nota pastorale redatta il 4 ottobre ’91, poco prima di Mani Pulite, che s’intitolava « Educare alla legalità » e condannava il crescente corrompersi del colletti bianchi.

Del tutto scordate sembrano le parole tremende - un anatema che sconvolse il clan Provenzano, spingendolo ai delitti della primavera-estate ’93 - che Giovanni Paolo II pronunciò contro la mafia (e implicitamente contro i voti di scambio coperti da indulto). Quel discorso, pronunciato dal Papa nella Valle dei templi a Agrigento il 9 maggio ’93 (« Convertitevi ! Mafiosi convertitevi ! Un giorno verrà il giudizio di Dio e dovrete rendere conto delle vostre malefatte ! ») è da anni introvabile sul sito internet della Santa Sede. La visita in Sicilia neppure è annoverata tra i viaggi del Pontefice. L’altro attore non irrilevante è Rifondazione di Bertinotti. Val la pena ricordare che fin dal 23 febbraio 2002, quando Di Pietro e la rivista MicroMega organizzarono al Palavobis di Milano una conferenza sulla legalità, l’attuale presidente della Camera si stizzì, svilendo un’iniziativa giudicata superflua, secondaria rispetto alle strutturali questioni economico-sociali : « È la rivolta dei ceti medi professionali - disse -. Da un lato (gli organizzatori) colgono fatti di involuzione della società politica, dall’altro rivendicano un ruolo come ceto e istituzioni, mi riferisco agli intellettuali e alla magistratura. È un terreno ambiguo ». Più di tre anni dopo, intervistato dal Corriere della Sera sulle indagini del giornalista Travaglio (inchieste Dell’Utri, Berlusconi), disse : « Marco Travaglio ? Non nominatemelo. Solo a sentire il suo nome mi viene l’orticaria. I moralisti danneggiano la sinistra. Non amo il giustizialismo a tutti i costi. Ogni volta che qualcuno si autoinveste del ruolo di censore, di moralizzatore, rischia di fare più danni di chi poi si vuole condannare » (5-10-05). Così si giunge all’oggi : estendendo l’indulto ai crimini contro la pubblica amministrazione, e a corruzione e concussione (tutti gli scandali dell’ultimo decennio, compresi Parmalat e furbetti del quartierino), il fronte degli Indifferenti di sinistra esita a regolare i conti col berlusconismo. Nei fatti ne è contagiato, come Arturo Parisi temeva nell’estate 2005, quando avvenne il disastro Banca d’Italia.

Naturalmente esiste un’ urgente necessità di migliorare le carceri italiane, disumanamente stracolme. Due papi si sono battuti per questo. Ma l’emergenza è stata usata per un compromesso con Forza Italia che ha consentito a quest’ultima di imporre la propria agenda giudiziaria, con più successo ancora che nel passato (Grosso ricorda che esisteva un disegno di legge condiviso, del gennaio scorso, che concedeva ai delitti economici un solo anno di sconto e non tre). I processi per questi delitti non sono cancellati ma la certezza della pena, mai lunghissima, è ridotta a zero. Può darsi che esistano ragioni per difendere l’interezza della legge ; ma nessuno è parso convinto al punto tale da illustrarle bene. Che il disagio di chi non ha impedito questo tipo d’indulto sia grande, lo rivelano le parole stupefacenti del deputato prodiano Franco Monaco : « Sono un soldato, il testo dell’indulto lo voto, ma attenti perché è un testo inaccettabile ! ». Dunque, parte della sinistra ha voluto l’indulto così com’è, pur definendolo « inaccettabile ». Ha ritenuto probabilmente che questo sia il prezzo del Primum Vivere, nei momenti in cui occorre conquistare il potere o non perderlo. Primum Vivere è una sorta di scetticismo degenerato, che in simili momenti prende il sopravvento.

L’intera campagna elettorale è stata condotta in fondo all’insegna di questo principio : non si sapeva se la battaglia sulla legalità avrebbe fatto vincere, e son state scelte l’indifferenza, l’afasia. Nessuna parola sul conflitto d’interessi, sulle leggi ad personam della precedente legislatura, in genere sulla questione morale.

L’attenzione si concentrò totalmente sul fisco, col risultato che Prodi più che attaccare dovette difendersi. Vero è che promise di ripristinare la « maestà della legge », che denunciò in alcune interviste l’intreccio tra affari e politica. Ma la cultura della legalità è restata sconnessa dall’economia, come se non fosse invece parte fondamentale di essa. Come se per ripartire e crescere, l’economia non avesse prima di tutto bisogno di restaurare il dovere civico del pagare le tasse, del rispettare le leggi, creando un clima fondato sulla fiducia, dunque affidabile. Questo legame urge instaurarlo in Italia, perché altrimenti non solo la democrazia ma anche il mercato, divenendo diseducativi o distorti, falliscono e muoiono. La grande vocazione pedagogica di Prodi, che tante volte lo ha premiato, diverrà più che mai essenziale.

Abbiamo parlato di scetticismo degenerato perché gli scettici non intendevano questo, quando giudicavano superflue tutte le cose sensibili. Nel IV secolo avanti Cristo, Pirrone consigliava l’atarassia e cioè l’imperturbabilità ; raccomandava l’afasia, ritenendo che astenersi dal parlare fosse meglio delle affermazioni perentorie ; suggeriva l’apatia, che evita emozioni forti.

Era poi raccomandata la sospensione di giudizio sulle cose del mondo (l’epoché) ma lo scopo era l’Atman : il collegamento con l’io più profondo dell’uomo, con la scintilla di Dio. Oggi l’Atman è la conquista del potere, la coalizione a qualsiasi prezzo, non la sostanza di quel che in politica si fa e il linguaggio con cui lo si spiega ai cittadini. Primum vivere, deinde philosophari - in primo luogo bisogna vivere, dopo fai filosofia. Il detto antico non è errato : la ricerca della massima saggezza non può soffocare i bisogni elementari e animali dell’uomo, del suo convivere sociale. Prima di dedicarsi alla sapienza e alla virtù, bisogna procurarsi il necessario per vivere. Ma gli antichi esaltavano le quotidiane virtù dell’onesto cittadino, quando posticipavano l’astratta cerca della Repubblica perfetta. Non esaltavano - oscuro oggetto del desiderio, sensualità speciale di chi comanda - il potere fine a se stesso.


Répondre à cet article

Forum