"IL CREPUSCOLO DEI FILOSOFI" E DEL CATTOLICESIMO-ROMANO. Il caso Papini, ribelle dimenticato ...

QUEL "DIAVOLO" DI GIOVANNI PAPINI E’ INTERESSANTE. Ripubblicata la sua biografia su "Sant’Agostino". Una nota di Fulvio Panzeri - a cura di Federico La Sala

Borges anni fa lamentò la sua scomparsa nel canone letterario novecentesco. Certamente, manca oggi alla cultura italiana il suo essere controcorrente.
samedi 26 juin 2010.
 


-  Il grande scrittore e polemista che fece scalpore per la conversione al cristianesimo è caduto nell’oblìo. Ora torna la biografia di Agostino

-  Il caso Papini, ribelle dimenticato

-  Già Borges anni fa lamentò la sua scomparsa nel canone letterario novecentesco. Certamente, manca oggi alla cultura italiana il suo essere controcorrente.

-  Come dimostra questo suo libro del 1929 per nulla agiografico

DI FULVIO PANZERI (Avvenire, 25.06.2010)

L’irregolarità e l’unicità dei percorsi letterari in Italia non è per niente amata e la sorte degli scrittori che hanno scelto, anche in forme discutibili ed eccessive, un proprio percorso completamente indipendente rispetto alla società letteraria e alle temperie ideologiche dei suoi tempi, è segnata. L’accesso al ’canone’ letterario per loro è difficile, pena la dimenticanza. Tra i più dimenticati, l’autore di Un uomo finito e Storia di Cristo, due tra i libri più importanti del Primo Novecento italiano, Giovanni Papini. E a sostenere questo errore tipicamente italiano c’è stato uno scrittore del calibro di Jorge Luis Borges che aveva detto : « Sospetto che Papini sia stato immeritatamente dimenticato ».

Un sospetto che, in questi anni, ha dimostrato la sua implacabile verità, perché il ’ritorno’ di Papini è sempre stato rimandato, a differenza di altri ’irregolari’ che invece hanno suscitato un curioso interesse, come nel caso di Malaparte. Speriamo, ora che arriva, edito nella meritoria collana dei ’classici cristiani’ di Cantagalli, finalmente in libreria, la ristampa di un libro-cardine nella sua esperienza di scrittore, Sant’Agostino (pagine 254, euro 18,00), che ci si disponga finalmente a riaprire il ’caso’ Papini, prima dissacratore, ateo, ribelle poi convertito al cristianesimo (nel 1921), in una dimensione tutta sua, quasi controcorrente.

Nell’ampia e importante prefazione al libro Carlo Lapucci, lo inquadra come « uomo di polemica e di critica, con tutti i difetti del polemista sarcastico, orgoglioso e mai soddisfatto, anche se disordinatamente, ha contribuito allo svecchiamento di un’Italia ancora piccola e conformista », ma mette anche in rilievo il segno di un’irrequietezza che diventa « la chiave nella quale va letto oggi Papini : i difetti sono gl’ingredienti di cui è fatta una personalità singolarissima e tutta italiana con l’ansia di trovare, scoprire, distruggere e rinnovare », con due temi che segnano il suo tormento e la sua meditazione : Dio e il Male.

La figura di Sant’Agostino diventa ai suoi occhi una sorta di alter-ego, con il quale confrontarsi proprio su questi due temi. E il Santo d’Ippona diventa decisivo per la sua maturazione, una sorta di inconsapevole inseguimento della sua storia pubblica e interiore che avviene fin dai tempi dell’infanzia e della giovinezza, quando ne sente parlare da una sua zia o quando alla Galleria degli Uffizi vede una piccola tela di Sandro Botticelli, rimanendo affascinato, come sottolinea lui stesso, da quel « singolare colloquio tra la sacra vecchiezza e l’ingenua puerizia dinanzi al gran mare chiaro e deserto ».

È la gioventù inoltrata a offrirgli l’incontro risolutivo, attraverso la lettura delle Confessioni . È ancora presto per trovare una corrispondenza piena al nodo metafisico, ma la dimensione umana dell’esperienza di Agostino diventa per lui fondamentale : « Posso dire che prima di tornare a Cristo, Sant’Agostino fu, con Pascal, l’unico scrittore cristiano ch’io leggessi con ammirazione non soltanto intellettuale. E quando mi dibattevo per uscire dalle cantine dell’orgoglio a respirare l’aria divina dell’assoluto, Sant’Agostino mi fu di gran soccorso ».

Del resto il giovane Papini, nella sua irrequietezza, si ritrova in una dimensione quasi a specchio rispetto a quella agostiniana, tanto che non ha problemi a scrivere : « Gli somigliavo, si capisce, nel peggio, ma insomma gli somigliavo. E che un uomo a quel modo, così vicino a me nelle debolezze, fosse arrivato a rinascere e a rifarsi mi rincorava ».

La biografia esce nel 1929, ma per Papini è una sorta di debito morale, che ha più volte rimandato : « Da un pezzo meditavo di scriver questa vita, ma, preso da un’opera che mi pareva di gran lunga più importante, l’avevo sempre rimandata, senza mai rinunziarvi, finchè la voglia mi ha vinto e mi ha forzato a sciogliere il voto ».

Qualcuno potrebbe obiettare che la ’vita’ di Papini possa sembrare datata, visti gli studi e le ricostruzioni biografiche che del Vescovo di Ippona, sono state fatte : va detto invece che la biografia di Papini stupisce proprio perché pensata da un grande scrittore che ha scelto di raccontare, al di là delle competenze critico-testuali necessarie, ponendosi nella condizione di ogni lettore, che vuole capire il senso dell’esperienza agostiniana. E la sua costante attualità. Così non sceglie né l’aspetto puramente biografico, né quello dell’illustrazione del suo pensiero, bensì segue la necessità di scrivere, « come artista e come cristiano, la storia di un’anima e anche gli accenni alla sua opera immensa non sono altro che assaggi, necessari per illuminare meglio il suo spirito e per dare un’idea meno monca della sua grandezza ».

Evitando così il rischio dell’agiografia a tutti i costi, soprattutto nella volontà che è anche la novità sostanziale che anche storicamente rappresenta questa biografia, di non voler celare o soprassedere sugli aspetti negativi della vita del Santo, osservandoli nella prospettiva del percorso di Redenzione. Per un bisogno di verità rispetto alla rappresentazione anche del Male : « Non ho nascosta o velata nessuna delle colpe di Agostino giovane, a differenza di certi panegiristi di buona volontà ma di poco senno, i quali si studiano di ridurre quasi a nulla la peccaminosità dei convertiti e dei santi, non pensando che proprio nell’esser riusciti a risalire dal letamaio alle stelle consiste la loro gloria e si manifesta la potenza della Grazia ».


Sul tema, nel sito, si cfr. :

SANT’AGOSTINO, DOTTORE DELLA GRAZIA ("CHARIS") : "ECCO DA DOVE COMINCIA L’AMORE" ("ECCE UNDE INCIPIT CHARITAS"). UN FILM E UN’EDIZIONE ONLINE DELLE OPERE. Note di Armando Torno e Roberta De Monticelli

IL MONITO DI PASCAL A SERGIO GIVONE : NON CONFONDERE IL NOME DEL MIO DIO ("charité") CON IL NOME DEL DIO ("caritas") DEI VESCOVI E DI PAPA RATZINGER.

L’ATEISMO, UN PROBLEMA NON UN DESTINO. Ripubblicato il libro di Augusto Del Noce. Parte della "postfazione" di Massimo Cacciari e una nota di Armando Torno

MITO E STORIA, POLITICA E TEOLOGIA : "LUCIFERO !" E LA STELLA DEL DESTINO. Storiografia in crisi d’identità ...
-  LA STORIA DEL FASCISMO E RENZO DE FELICE : LA NECESSITÀ DI RICOMINCIARE DA "CAPO" !


Répondre à cet article

Forum