L’EBRAISMO E LA CATASTROFE DELL’EUROPA. A EMIL L. FACKENHEIM. (...) il merito di aver ri-proposto la domanda decisiva : “come fu possibile la hitlerizzazione dell’Imperativo Categorico di Kant ? E perché è ancora attuale oggi ?”

IL SILENZIO DI DIO E HITLER. André Neher cerca di capire e di spiegare come il "Tu devi", senza l’ascolto della voce sottile dell’ "Io sono", diventa la Legge del Mentitore, del Faraone del XX secolo. Un brano della postfazione di Massimo Cacciari al suo lavoro - a c. di Federico La Sala

Pubblicato nel 1970, « L’esilio della parola » di André Neher esce ora in nuova traduzione per Medusa (pp. 238, euro 19,50, introduzione di Sergio Quinzio). Neher (1913-1988), ebreo tedesco sopravvissuto al nazismo, interroga le prove più dure dell’esperienza biblica.
lundi 13 décembre 2010.
 


André Neher, un ebreo da Ezechiele ad Auschwitz *

Pubblicato nel 1970, « L’esilio della parola » di André Neher esce ora in nuova traduzione per Medusa (pp. 238, euro 19,50, introduzione di Sergio Quinzio). -Neher(1913-1988), ebreo tedesco sopravvissuto al nazismo, interroga le prove più dure dell’esperienza biblica : da Giobbe a Saul (vero « Edipo ebreo »), da Ezechiele a Giona, Abramo, Elia e fino ad Auschwitz. -Alla domanda « Perché Dio ha taciuto ? » Neher non dà risposte accomodanti, ma colloca quel silenzio nel cuore della Rivelazione, come nota Massimo Cacciari nella postfazione (di cui in questa pagina proponiamo un brano). *

***

Ssst ! Sta parlando il silenzio di Dio

Secondo il filosofo Massimo Cacciari con Abramo come con Giobbe il Signore tace non per ira o perché non sa che cosa dire. Egli è un padre nascosto ed esige d’essere cercato non tanto con parole o risposte, bensì con la « rivelazione » abissale del suo stare zitto

di Massimo Cacciari *

La « voce di vento leggero » che si rivolge a Elia (1Re 19,12) suona nell’originale ebraico, secondo André Neher, come « la voce sottile del silenzio ». La voce del silenzio, oltre ancora quella del soffio più impercettibile, è per lui la forma più autentica del manifestarsi del Signore. La sua è, letteralmente, una teo-logia del Silenzio, ovvero una teologia che fa del Silenzio il Logos stesso di Dio.

Questo Silenzio va anzitutto ascoltato. Non basta insistere sul fatto che l’imperativo non riguarda il credere o l’imparare. Il vero paradosso sta nell’ascoltare il Silenzio, poiché il Silenzio soltanto è in-finito, non si lascia catturare da alcun logos, né definire « filosoficamente » come sostanza o fondamento. La tradizione è anch’essa, a pieno titolo, rivelazione del Signore, ed inizia già con le sue prime parole. Il Silenzio, dunque, parla, e proprio nel suo « tradirsi » in parola interpretante ri-vela se stesso.

Al Silenzio inaccessibile dell’Arché divina il profeta si rivolge colmo di fiducia ; egli spera incrollabilmente proprio in colui che ha nascosto il volto alla casa di Giacobbe (Is 8,17).

Potremmo dire che il profeta è essenzialmente chi giunge non solo ad ascoltarne, ma a vederne il Silenzio (Is 6,1). La sua parola diviene così lode del Silenzio stesso e dialogo ininterrotto col suo eterno manifestarsi - che è presidio contro ogni preghiera idolatrica, contro ogni esigere risposta. Quello di Giobbe può essere definito da Neher il libro del Silenzio per antonomasia proprio perché è, a suo giudizio, testimonianza del più drammatico dialogo tra mortale e Silenzio di Dio.

L’istanza radicale che muove la ricerca di Neher consiste nell’intendere il Silenzio come dimensione essenziale della stessa Rivelazione, non come momento, non come momentanea eclisse della Parola, non come il semplice effetto del « peccato » di Israele che allontana da lui il suo Signore. Non è il Silenzio un segno dell’« ira » di Dio.

È vero, invece, che Israele è sordo alla sua chiamata, che ha appunto luogo attraverso la « voce sottile del Silenzio ». E tale sordità non potrà essere compiutamente eliminata che all’ultimo. La perfetta capacità di ascolto è infatti promessa escatologica, come il vedere il Signore. Ma chi è sordo al Silenzio, neppure saprà davvero ascoltare, e non sapendo ascoltare neppure potrà entrare in autentico colloquio. In questi nessi si gioca il drama , o play, come dice Neher, tra uomo e Dio : il Dio nascosto esige d’essere cercato ; l’uomo non sa cercarlo perché cerca soltanto parole-risposte, perché non sa ascoltare l’abissalità del suo Silenzio. Dio ama il cuore di coloro che cercano - ma non per ricevere, come dall’idolo, consolanti certezze, rassicurazioni, fondamenti. La forma ultima dell’avvenire del Signore si rivela proprio nel suo Silenzio, che nessuna parola può annichilire, che a nessun dis-correre appare riducibile.

Così, grandiosamente, esso si manifesta nel Libro di Giobbe. (...) Libertà è il « luogo » cui si rivolge il Silenzio. A essa, nel suo libero agire, in silentio Dio stesso si rivolge. Nel suo essere libero egli riflette la Libertà ineffabile da cui proviene. E allora, davvero, tace. Il suo Silenzio è, allora, il thauma, lo « spettacolo » più tremendo. Nell’istante che tace, nell’istante che perviene a questa estrema misura del Silenzio, l’Esistente rimane sospeso tra il Logos e il ritirarsi nel Chaos.

Di questo istante supremo la traccia non si trova nel libro di Giobbe, ma nel sacrificio di Abramo. Né comunque la « prova » cui Abramo è chiamato è comparabile con quella di Giobbe ; nessuna sofferenza eguaglia quella che colpisce Abramo. A Giobbe è sottratta ogni cosa - a Abramo lo stesso futuro. I doni di cui Giobbe aveva goduto sono meno che polvere, bona impedimenta, avrebbero detto i Padri, metafisicamente distinti dal bene ricevuto da Abramo, suo figlio Isacco.

Abramo, l’uomo dell’« eccomi ! », del perfetto ascolto, fa-esodo ancora una volta, e questa volta verso la miseria estrema, lo svuotamento totale. Lo fa in perfetto silenzio, a immagine del Silenzio del suo Dio. Nulla dice al figlio, come nulla gli dice il Signore, dopo il tremendo comando. Un deserto di Silenzio li accomuna, li stringe in un patto di cui nessun altro deve sapere. Questo è il Silenzio decisivo. Abramo non può che tacere sulla libertà del Signore che comanda e fa-essere ciò che liberamente vuole.

Solo il suo silenzio può corrispondere all’ineffabile della libertà divina. Ma essa è ineffabile poiché espressione della Libertà da cui proviene. Il Signore tace ad Abramo. La tragica scena non è disturbata dal rumore degli « amici » che pretendono di parlare al posto di Dio e di Giobbe : ma neppure dal lamento di Giobbe o da retoriche teofanie conclusive.

Breviloquio insuperabile, dove tutto l’essenziale mostra sé nel Silenzio : Abramo mostra nel suo silenzio che Dio non è determinabile-calcolabile, che il suo stesso « amore » non è nulla di necessario, che la sua Parola è traccia di una libertà che eccede ogni « logica ». Dio non parla a Abramo durante quell’itinerario di morte non perché nulla voglia dirgli, per lasciarlo solo, ma perché nulla può dire e perché è solo di fronte alla Libertà da cui proviene. Questo vincolo di Silenzio li serra insieme.

* Avvenire, 26.10.2010


Répondre à cet article

Forum