ITALIA : COSTITUZIONE e UmaNITA’ !!!

A ROMA, IN PIAZZA SAN GIOVANNI, IL POPOLO DELL’ARCOBALENO !!! TUTTI E TUTTE AL GAY PRIDE 2007. La laicità dello Stato e delle sue leggi ci sta a cuore !!! Una "dichiarazione" di Michele Serra - a cura di pfls

dimanche 17 juin 2007.
 
[...] Centinaia di migliaia in corteo per la giornata dell’orgoglio omosessuale. Tantissime le associazioni, pochi i politici, slogan pro-Dico e anti-Vaticano. A Roma l’arcobaleno Gay Pride. Musica, colori e voglia di diritti. [...]

La bandiera della laicità

di MICHELE SERRA *

Se oggi potessi essere a Roma andrei al Gay Pride. E non per solidarietà "da esterno" a una categoria in lotta. Ci andrei perché, da cittadino italiano, riconosco nei diritti degli omosessuali i miei stessi diritti, e nell’isolamento politico degli omosessuali il mio stesso isolamento politico. Ci andrei perché la laicità dello Stato e delle sue leggi mi sta a cuore, in questo momento, più di ogni altra cosa, e ogni piazza che si batta per uno Stato laico è anche la mia piazza. Ci andrei, infine e soprattutto, perché, come tantissimi altri, sono preoccupato e oramai quasi angosciato dalle esitazioni, dalla pavidità, dalla confusione che paralizzano, quasi al completo, la classe dirigente della mia parte politica, la sinistra.

Una parte politica incapace di fare proprio, senza se e senza ma, il più fondante, basilare e perfino elementare dei princìpi repubblicani : quello dell’uguaglianza dei diritti. L’uguaglianza degli esseri umani indipendentemente dalle differenze di fede, di credo politico, di orientamento sessuale. Ci andrei perché ho il fondato timore che la nuova casa comune dei democratici, il Pd, nasca mettendo tra parentesi questo principio pur di non scontentare la sua componente clericale (non cattolica : clericale. I cattolici sono tutt’altra cosa).

Ci andrei perché gli elettori potenziali del Pd hanno il dovere di far sapere ai Padri Costituenti del partito, chiunque essi siano, che non sono disposti a votare per una classe dirigente che tentenni o peggio litighi già di fronte al primo mattone. Che è quello della laicità dello Stato. Una piazza San Giovanni popolata solamente da persone omosessuali e transessuali, oggi, sarebbe il segno di una sconfitta. Le varie campagne clericali in atto tendono a far passare l’intera questione delle convivenze, della riforma della legislazione familiare, dei Dico, come una questione di nicchia.

Problemi di una minoranza culturalmente difforme e sessualmente non ortodossa, che non riguardano il placido corso della vita civile di maggioranza, quella della "famiglia tradizionale". Ma è vero il contrario. L’intero assetto (culturale, civile, politico, legislativo) dei diritti individuali e dei diritti di relazione riguarda il complesso della nostra comunità nazionale. La sola pretesa di elevare a Modello una sola etica, una sola mentalità, una sola maniera di stringere vincoli tra persone e davanti alla comunità, basta e avanza a farci capire che in discussione non sono i costumi o il destino di una minoranza. Ma i costumi e il destino di tutti.

Ci andrei perché dover sopportare gli eccessi identitari, il surplus folkloristico e le volgarità imbarazzanti di alcuni dei manifestanti è un ben piccolo prezzo di fronte a quello che le stesse persone hanno dovuto pagare alla discriminazione e al silenzio. E i peccati di orgoglio sono comunque meno dannosi e dolorosi delle umiliazioni e dell’autonegazione. E se la piazza dovesse essere dominata soprattutto da questi siparietti, per la gioia di cameraman e cronisti, la colpa sarebbe soprattutto degli assenti, che non hanno capito che piazza San Giovanni, oggi, è di tutti i cittadini. Se ci sono pregiudizi da mettere da parte, e diffidenze "estetiche" da sopire, oggi è il giorno giusto. Ci andrei, infine, perché in quella piazza romana, oggi, nessuno chiederà di negare diritti altrui in favore dei propri. Nessuno vorrà promuovere un Modello penalizzando gli altri. Non sarà una piazza che lavora per sottrazione, come quella rispettabile ma sotto sotto minacciosa del Family Day. Sarà una piazza che vuole aggiungere qualcosa senza togliere nulla.

Nessuna "famiglia tradizionale" si è mai sentita censurata o impedita o sminuita dalle scelte differenti di altre persone. Nessun eterosessuale ha potuto misurare, nel suo intimo, la violenza di sentirsi definire "contro natura". Chi si sente minacciato dall’omosessualità non ha ben chiaro il concetto di libertà. Che è perfino qualcosa di più del concetto di laicità.

* la Repubblica, 16 giugno 2007


-  La giornata nazionale dell’orgoglio gay. Partenza alle 16 da piazzale Ostiense.
-  Almeno quaranta carri, uno dedicato alla Binetti. Gran finale in piazza S.Giovanni

-  Gay pride, centomila in arrivo
-  Unione divisa tra polemiche e manifesti

-  I contrasti della vigilia tra teodem e laici. Poi il compromesso del "patrocinio mignon".
-  Il saluto dei ministri Ferrero e Pecoraro Scanio.
-  L’adesione di Pollastrini, Bonino e Mussi. Ds e sinistra radicale in corteo

di CLAUDIA FUSANI *

ROMA - Un altro sabato. Un altro appuntamento con la piazza. E ancora una volta la maggioranza ci arriva litigando. L’appuntamento col Gay Pride a Roma lacera il centrosinistra.

La politica, ancora una volta divisa - Da una parte ci sono i teodem della Margherita- capofila i duri e puri Emanuela Baio, Paola Binetti e Luigi Bobba - che vedono nella manifestazione "un attacco alla famiglia" e ai principi fondanti della società, per non parlare dell’"imbarazzo" di una simile manifestazione che "mette in fuga i cattolici della maggioranza". Con loro anche l’Udeur di Mastella e Fabris e tutta l’opposizione.

Dall’altra il governo e la sinistra laica, anche se cattolica, che sponsorizza e - dopo 48 ore di polemiche, sotto la pressione dei teodem - conferma il patrocinio ma molto ridotto, mignon, "all’evento e al corteo" ma non alla piattaforma politica della manifestazione.

In mezzo ci sono loro, i glbt (gay, lesbian, bisexual, transgender), il popolo omosessuale che celebra la sua giornata di orgoglio con una piattaforma molto scandita : matrimonio gay e lesbiche e "parità di diritti rispetto alle coppie e alle famiglie tradizionali" ; possibilità di avere "responsabilità genitoriali" ; e poi basta con "il clima d’odio" nei confronti degli omosessuali e "la sovranità limitata imposta all’Italia da uno Stato straniero". Una manifestazione, si legge nel programma, "aperta a tutti con l’obiettivo di difendere la sovranità dello Stato ma che apre una stagione di riforme democratiche, civili e libertarie". Una manifestazione molto sentita, spiega Franco Grillini, presidente onorario di Arcigay e esponente di Sinistra Democratica, "quest’anno la spinta è molto forte perchè abbiamo la sensazione che diritti acquisiti siano oggi rimessi in discussione".

La querelle sul patrocinio - Il Gay Pride nazionale, che torna a Roma dopo il 2000 (World pride) e dopo alcune tappe "storiche" per partecipazione come il Pride di Bari nel 2002, ha numerose sponsorizzazioni istituzionali tra cui la Regione Lazio, la Provincia e il Comune di Roma. C’è anche la presidenza del Consiglio dei ministri, tramite il ministero delle pari Opportunità. "Il patrocinio è agli eventi culturali e sportivi che fanno di contorno alla manifestazione" ha precisato giovedì mattina il ministro per le Pari Opportunità Barbara Pollastrini, la "mamma" dei Dico. E’ qui si è scatenata la bagarre. Pollastrini doveva rispondere all’indignazione e agli aut aut di teodem e Udeur e alla rabbia degli organizzatori che si sono sentiti disconosciuti e a quel punto volevano "buttare" dai manifesti il logo della Presidenza del Consiglio. Alla fine, tra telefonate e ricuciture, l’ha spuntata un compromesso al ribasso, il "patrocinio mignon" come l’ha ribattezzato Grillini : sì alla manifestazione ma non alla piattaforma politica del corteo. E la rinuncia di Barbara Pollastrini ufficializzata oggi alla fine del Consiglio dei ministri. Non sarà fisicamente lì, ma, scrive in un messaggio-appello "ribadisco la mia adesione ideale e politica a tutte le battaglie di civiltà per il rispetto dei diritti delle persone e della loro dignità". Il ministro augura "la riuscita della manifestazione per raffozare laicità e tolleranza" e mette in guardia da "atteggiamenti omofobici".

Grida vittoria Paola Binetti : "Apprezzo molto il passo indietro del governo e di alcuni ministri. Non condivido affatto altre posizioni come quella di Emma Bonino". E di tutti i ministri che domani sfileranno in quel corteo. I Radicali hanno tutti dato l’adesione.

I manifesti - Polemiche politiche, quindi, e alta tensione in città : Forza Nuova l’altro giorno ha tapezzato via Merulana con manifesti con la scritta "No more gay- basta froci". Sono stati subito strappati ma insomma, ecco, per essere alla vigilia il clima non è dei migliori. "E’ necessario un pacchetto di misure anti omofobia" insiste Grillini.

La manifestazione - L’appuntamento è (ore 16) a piazzale Ostiense. Sono in arrivo pullman e treni speciali da tutta Italia, centomila persone è la stima per difetto che fanno gli organizzatori. "Parità dignità laicità" sarà la scritta sullo striscione d’apertura del corteo che - come sempre - saprà essere creativo, colorato e sonoro. "Almeno quaranta carri" annuncia il diessino Franco Grillini "facciamo anche per divertirci. Questa politica è così noiosa...". Un carnevale di maschere dove il popolo glbt volutamente esagera ed esaspera il suo essere omosessuale. Un’ esibizione che qualcuno nel governo ha giudicato "imbarazzante". Indiscrezioni parlano di un carro dedicato alla senatrice teodem Paola Binetti dove una sua controfigura sfilerebbe con cilicio e boa di struzzo rosso. Di sicuro saranno distribuiti 3000 preservativi e carte di identità con la scirtta "stato civile nessuno". Ci sarà un’enorme macchina per fare bolle di sapone "bolle d’aria come quelle che sparano i politici" . Vladimir Luxuria si è raccomandata : "Venite tutte, belle, colorate ma mi raccomando non in topless...".

I politici in corteo - Così, se Alfonso Pecoraro Scanio (Verdi) sfilerà in corteo, Paolo Ferrero (Rifondazione) si limita a un saluto perchè poi ha un impegno in Calabria. "Ma la mia adesione è completa, difendete tutti e tutte". Emma Bonino e Fabio Mussi hanno garantito la loro adesione.

Folta la squadra dei parlamentari. "Noi partecipiamo per combattere l’omofobia" dice Gennaro Migliore, capogruppo di Rifondazione alla Camera. "Io sarò presente in nome dei diritti civili" spiega Manuela Palermi, capogruppo Pdci-Verdi al Senato. I Radicali saranno con il loro carro in coda al corteo. "Per protesta" spiega Marco Cappato "visto che non siamo stati invitati a parlare sul palco".

Il finale in piazza S.Giovanni - Il programma della giornata è ricco di concerti, happening e manifestazioni nel e fuori il corteo (www.romapride.it). Il gran finale è stato organizzato in piazza San Giovanni, la stessa piazza che il 12 maggio scorso consacrò un altro tipo di orgoglio, quelle delle famiglie e del Family day. Il palco è stato alzato nello stesso punto, davanti alla basilica. Grillini, uno che in genere non si imbrazza mai, confessa di essere un po’ agitato. "Non so cosa dirò, parlerò a braccio, come sempre". Prima di lui Titti De Simone. Dopo, Vladimir Luxuria : "Saremo in piazza con la forza delle idee portando soprattutto i bisogni di centinaia di migliaia di conviventi che vorrebbero avere cura del proprio compagno anche in casi purtroppo non felici, come la morte e la malattia". La colonna sonora è di Daniele Silvestri e del suo "Gino e l’Alfetta". Anzi, l’inventore della Paranza seguirà il corteo su Alfetta. Modello decapottabile.

* la Repubblica, 15 giugno 2007


-  Il Gay Pride ha invaso Roma
-  già più di centomila in corteo

In 100mila sfilano dietro ai carri del Gay Pride svastiche dipinte nella notte contro il corteo Arrivati più di 200 pullman per partecipare alla manifestazione : per gli organizzatori si supereranno i 100mila partecipanti. Partito alle 16:00 il corteo con 40 carri allegorici da piazza di Porta San Paolo. Meta, piazza San Giovanni : una scelta simbolica come risposta al Family day che si è svolto in quella piazza. Alla manifestazione hanno aderito oltre 50 associazioni. Tre i ministri presenti : Pecoraro Scanio, Pollastrini e Ferrero. Madrina della manifestazione, l’attrice Monica Guerritore che ha aperto il corteo con Daniele Silvestri, autore della canzone scelta come inno del Roma Pride, "Gino e l’Alfetta"


Centinaia di migliaia in corteo per la giornata dell’orgoglio omosessuale. Tantissime le associazioni, pochi i politici, slogan pro-Dico e anti-Vaticano. A Roma l’arcobaleno Gay Pride. Musica, colori e voglia di diritti. di ALESSANDRA VITALI


Répondre à cet article

Forum