Mondo

Maulana Sami-ul Haq, "padre dei Talebani, lancia un appello per la liberazione di Mastrogiacomo

jeudi 8 mars 2007.
 

Karachi, 8 mar. (Adnkronos/Aki) - Un appello per la liberazione del giornalista italiano Daniele Mastrogiacomo è stato rivolto oggi, tramite AKI - ADNKRONOS INTERNATIONAL, da Maulana Sami-ul Haq, noto come il ’padre dei talebani’. Il leader dell’alleanza islamista pakistana ha infatti chiesto ai talebani di rilasciare l’inviato de ’La Repubblica’, accusato dai militanti islamici di essere una spia della Gran Bretagna. "I giornalisti internazionali hanno il diritto di interagire con tutti i gruppi, compresi i talebani", ha dichiarato Sami-ul Haq ad AKI.

Il politico pakistano è stato soprannominato il ’padre dei talebani’ per il fatto che gli attuali leader talebani, compreso il Mullah Omar, hanno studiato in un seminario islamico gestito da lui nella città di Akora Khattak nella North West Frontier Province (NWFP) pakistana, al confine con l’Afghanistan. Sami-ul Haq è a capo del Muttahida Majlis-e-Amal (MMA), una coalizione di sei partiti che in passato ha assunto posizioni altamente critiche nei confronti del presidente pakistano Pervez Musharraf in merito al suo supporto alla guerra contro il terrorismo promossa dagli Stati Uniti che nel 2001 ha rovesciato il regime afghano dei talebani. Tuttavia l’MMA - che è il partito politico al governo nella NWFP - ha recentemente ammorbidito le sue posizioni rispetto a Musharraf e a Washington.

L’approccio moderato dell’MMA è dimostrato dalla presenza di Maulana Sami-ul Haq oggi al pranzo di addio in onore dell’ambasciatore Usa Ryan C. Crocker, che lascia il Pakistan per andare a ricoprire un nuovo incarico a Baghdad. Al pranzo il capo della Commissione del Senato pakistano per le Relazioni Esterne si è rivolto scherzosamente a Sami-ul Haq definendolo "un fondamentalista amichevole" e un "ex-terrorista".

Mastrogiacomo, reporter di guerra per il quotidiano ’La Repubblica’, è nato il 30 settembre del 1954 a Karachi, dove il padre lavoravava in una ditta di costruzioni. Mastrogiacomo è stato rapito lunedì dai combattenti talebani assieme a due cittadini afghani, Ajmal e Ghulam Haidar, mentre si trovavano a Kandahar, nella provincia afghana meridionale dell’Helmand. Ieri i talebani hanno diffuso un messaggio registrato attribuito a uno dei loro capi, il Mullah Dadullah, in cui si afferma che Mastrogiacomo avrebbe confessato di essere una spia della Gran Bretagna.


Répondre à cet article

Forum