MARCIA PER LA PACE PERUGIA-ASSISI : "Tutti i diritti umani per tutti"

Alla vigilia del 60° anniversario della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani si terrà a Perugia (dal 5 al 7 ottobre) la 7a Assemblea dell’Onu dei Popoli, promossa dalla Tavola per la Pace - a cura di pfls

“Abbiamo bisogno di sviluppare una nuova cultura politica basata sui diritti umani”(Nelson Mandela)
jeudi 6 septembre 2007.
 
[...] L’Assemblea, che si svolgerà dal 5 al 7 ottobre 2007 nell’ambito della Settimana della pace, è intitolata “Un altro mondo è possibile se promuoviamo tutti i diritti umani per tutti”. Centinaia di persone provenienti da tutto il mondo (esponenti laici e religiosi di movimenti, sindacati, organizzazioni e network nazionali e internazionali, giornalisti, enti locali, forze politiche, università e centri di ricerca) s’incontreranno per mettere a punto e promuovere l’agenda politica dei diritti umani [...]

per una nuova agenda della politica Perugia, 6 settembre 2007

-  7a Assemblea
-  dell’Onu dei Popoli

un altro mondo è possibile se promuoviamo tutti i diritti umani per tutti

-  Perugia, 5-7 ottobre 2007
-  Sala dei Notari, Palazzo dei Priori *

INTRODUZIONE

“Abbiamo bisogno di sviluppare una nuova cultura politica basata sui diritti umani.” Nelson Mandela

Alla vigilia del 60° anniversario della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani si terrà a Perugia la 7a Assemblea dell’Onu dei Popoli, un grande incontro della società civile mondiale impegnata contro la povertà e la guerra per la globalizzazione dei diritti umani, della giustizia, della democrazia e della solidarietà.

L’Assemblea, che si svolgerà dal 5 al 7 ottobre 2007 nell’ambito della Settimana della pace, è intitolata “Un altro mondo è possibile se promuoviamo tutti i diritti umani per tutti”. Centinaia di persone provenienti da tutto il mondo (esponenti laici e religiosi di movimenti, sindacati, organizzazioni e network nazionali e internazionali, giornalisti, enti locali, forze politiche, università e centri di ricerca) s’incontreranno per mettere a punto e promuovere l’agenda politica dei diritti umani.

I diritti umani non sono “valori” altissimi da contemplare. Essi sono il nome dei bisogni umani vitali, materiali e spirituali e come tali costituiscono un insieme di “obiettivi” concreti che devono guidare la politica a tutti i livelli, dalla politica locale a quella internazionale, dalle nostre città fino all’Onu. I diritti umani costituiscono il nucleo centrale della legalità in un mondo alla ricerca affannosa di governabilità umanamente sostenibile. La legittimazione dell’agire delle classi governanti si gioca sul terreno della loro coerenza con il paradigma dei diritti umani. Essi sono pertanto la bussola legale, politica, morale per fronteggiare la grande crisi planetaria che colpisce centinaia di milioni di persone e minaccia la sopravvivenza dell’intera umanità.

I diritti umani sono i diritti civili, politici, economici, sociali, culturali, i diritti alla pace, all’ambiente, allo sviluppo umano, alle pari opportunità da realizzare nel rispetto del principio della loro interdipendenza e indivisibilità. Lo stato sociale è indissociabile dallo stato di diritto. La democrazia sociale ed economica è indissociabile dalla democrazia politica.

“Tutti i diritti umani per tutti” è lo slogan e il programma politico che unisce tutti coloro che da anni affermano che “un altro mondo è possibile”, di tutti coloro che vogliono “fare la differenza” per costruire un mondo più giusto libero dalla paura e dal bisogno. Non importa quale sia il centro del tuo impegno sociale. Non importa se ti occupi di persone anziane, bambini, giovani, diversamente abili, immigrati, migranti, emarginati, minoranze e rifugiati. Non importa se ti occupi di povertà, sviluppo, guerre, pace, disarmo, informazione, acqua, discriminazioni, educazione, ambiente, criminalità organizzata, legalità, salute, partecipazione, democrazia, lavoro dignitoso,... : ci occupiamo tutti dei diritti umani e i diritti umani sono indivisibili, interconnessi e interdipendenti.

Insieme -per dirla con le parole di Nelson Mandela- abbiamo dunque la responsabilità sociale di sviluppare una nuova cultura politica basata sui diritti umani. Insieme abbiamo il dovere di denunciare e contrastare le grandi e piccole violazioni dei diritti umani richiamando le istituzioni e i governi a rispettare i loro impegni e responsabilità. Dopo aver a lungo affermato che “un altro mondo è possibile” è venuto il tempo di progettare una nuova e fortemente incisiva presenza della società civile internazionale all’insegna del motto “Tutti i diritti umani per tutti”.

Il linguaggio dei diritti umani è e deve essere sempre più consapevolmente il nostro linguaggio comune. Un linguaggio universale che, nel rispetto delle legittime diversità culturali, alimenta il dialogo e la solidarietà e ci aiuta ad agire insieme con sempre maggiore intensità, estendendo la nostra influenza a tutti i livelli, oltre le frontiere e le diversità, con una strategia globale e una consapevolezza comune.

La 7a Assemblea dell’Onu dei Popoli rappresenta un’importante occasione per accrescere questa consapevolezza e mettere a punto insieme, con determinazione, l’agenda politica dei diritti umani, riflettendo sulle sfide più urgenti, sul ruolo e le responsabilità delle istituzioni e della società civile mondiale. I diritti umani non sono un optional. Sui diritti umani non si fanno sconti.

Il programma dell’Assemblea si sviluppa attorno ai seguenti temi :

-  L’agenda politica dei diritti umani
-  Prima di tutto la sicurezza umana : l’alternativa alla guerra al terrore
-  Con l’Africa : costruiamo una nuova alleanza per la giustizia
-  Il dovere di fare pace in Medio Oriente
-  La nuova agenda della società civile mondiale.

L’Assemblea si concluderà con un documento finale che raccoglierà le principali riflessioni e proposte emerse nel dibattito. Per i partecipanti italiani, l’Assemblea servirà anche ad approfondire il confronto sulle responsabilità e la politica dell’Italia nel mondo.

All’Assemblea parteciperanno esponenti di movimenti, organizzazioni e network nazionali e internazionali, giornalisti, sindacati, enti locali, forze politiche, università e centri di ricerca impegnati contro la povertà, la guerra e l’unilateralismo a favore della pace e dei diritti umani, dello sviluppo umano sostenibile, della giustizia sociale, della democratizzazione e del rafforzamento dell’Onu, dello sviluppo dell’Unione Europea quale attore civile che promuove la pace nel rispetto degli eguali diritti dei popoli.

In particolare sono state invitate donne e uomini che rappresentano le vittime della miseria e dell’oppressione, delle guerre e della violenza e che testimoniano l’impegno civile sui grandi problemi sociali, politici, ambientali, culturali del nostro tempo. Particolare spazio sarà dedicato all’Africa (domanda di giustizia) e al Medio Oriente (domanda di pace). Dall’Africa intendiamo invitare : gli amici di Nairobi con i quali abbiamo iniziato la nostra marcia in occasione del Forum Sociale Mondiale ; i partner africani dei nostri progetti di pace e di cooperazione ; gli organizzatori africani del Forum Sociale Mondiale. Dal Medio Oriente intendiamo invitare : gli israeliani e palestinesi impegnati in progetti di pace, di solidarietà, di dialogo e di promozione dei diritti umani ; i nostri partner dei progetti di pace, di solidarietà e di cooperazione.

L’Assemblea sarà anche l’occasione per accendere i riflettori sui protagonisti di alcune significative “storie del cambiamento”. Storie di donne e uomini che dimostrano il potere della solidarietà e dell’impegno per la giustizia.

Uno spazio particolare sarà dedicato anche a giornalisti provenienti da paesi dove ogni giorno si commettono violenze e abusi intollerabili contro la libertà di comunicazione e informazione.

Grazie al progetto “Adotta un popolo”, i partecipanti internazionali all’Assemblea saranno protagonisti di numerose iniziative che si terranno in tutto il territorio nazionale dal 1 al 4 ottobre 2007 nell’ambito della Settimana della pace.

L’Assemblea dell’Onu dei Popoli si concluderà domenica 7 ottobre con la Marcia per la pace Perugia-Assisi “Tutti i diritti umani per tutti”.

* * *

* L’Assemblea dell’Onu dei Popoli è promossa dalla Tavola della Pace ...


Sul tema, in rete, si cfr. :

OLYMPE DE GOUGES, UNA DONNA DEL XXI SECOLO


Répondre à cet article

Forum