Calabria

DELITTO FORTUGNO, CIAMPI A REGGIO. "CALABRESI, REAGITE. NON SIETE SOLI" - selezione a cura del prof. Federico La Sala

Mons. Bregantini : "La ’ndrangheta vuole dominare la politica"
vendredi 21 octobre 2005.
 

(www.repubblica.it, 18.10.2005)

LOCRI (Reggio Calabria) - "Reagite con fermezza calabresi : non siete soli, l’ Italia tutta è con voi". Il presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi, è arrivato a Reggio Calabria per rendere omaggio alla salma di Francesco Fortugno, il vicepresidente del Consiglio regionale calabrese assassinato domenica a Locri. Ciampi si è fermato davanti al feretro per diversi minuti, in assoluto silenzio. Prima di lasciare la camera ardente allestita nella sede del Consiglio Regionale della Calabria, il presidente si è intrattenuto con la famiglia del politico ucciso e con diversi esponenti delle istituzioni calabresi. "Alla Calabria - ha detto Ciampi - va la solidarietà di tutti gli italiani, in una battaglia che bisogna vincere, che non si può perdere. L’impegno delle istituzioni a cui sono affidate la sicurezza dei cittadini e l’ordine pubblico, non basta, non basterà mai se mancherà l’appoggio consapevole della società alle forze dell’ordine e alla magistratura. La malavita organizzata vuole condannare questa regione all’arretratezza. Ma, lo ripeto, le istituzioni dello Stato centrale e le autorità regionali e locali debbono sentire l’appoggio di tutti i cittadini". Domani, a Locri, i funerali di Stato.

Giovani in corteo. A Locri si è svolta stamane la manifestazione degli studenti delle sucole superiroi della zona. Una manifestazione pacifica contro la violenza mafiosa, sotto lo slogan "Basta ai massascri". I ragazzi hanno raggiunto in corteo Palazzo Nieddu, l’edificio in cui l’esponente della Margherita è stato ucciso. E per spiegare le loro ragioni hanno distribuito un volantino : "Troppi eventi spiacevoli ed evitabili, troppi massacri. Diciamo basta. Noi studenti e futuri uomini della Locride, della Calabria e dell’Italia, a queste ingiustizie, che fanno di questa terra splendida, una terra maledetta e penalizzata a causa dell’omertà, dell’indifferenza ma soprattutto della paura. L’ultima prova è stato l’omicidio del vicepresidente del Consiglio regionale Francesco Fortugno". "Oggi le scuole della Locride manifestano la loro indignazione contro questi gesti che ormai - continuano gli organizzatori del corteo - sono diventati pane quotidiano nel nostro territorio e che aumenteranno con il trascorrere del tempo, se noi ragazzi, prossimo futuro della Locride, non iniziamo a pensare che la nostra terra ha bisogno di ben altre cose rispetto a quelle attuali, che danno un’immagine negativa del nostro paese".

L’accusa del vescovo. Dell’omicidio di Fortugno è tornato a parlare anche il vescovo di Locri, monsignor Giancarlo Bregantini, per sottolineare che il delitto è paragonabile "per la Locride ai più gravi delitti della mafia in Sicilia". In un comunicato intitolato "Lacrime e coraggio", il prelato afferma : "Il sangue di Francesco Fortugno si aggiunge al tanto sangue già sparso in questa terra". Poi l’atto d’accusa : "La ’ndrangheta vuole dominare e sottomettere la politica perché sia strumento docile e succube ai suoi enormi interessi economici. La ’ndrangheta cerca perciò di spezzare i legami tra la gente e la classe politica, per ricondurli a sé, perché solo così possa meglio dominare e piegare entrambi". E ancora : "La ’ndrangheta lancia nel contempo a tutti noi un macabro messaggio di umiliazione sociale, per intimorire e paralizzare ogni altra azione di bene e di sviluppo.

La camera ardente. La salma di Fortugno è giunta nel palazzo Campanella, sede dell’Assemblea legislativa regionale a Reggio Calabria, intorno alle 10. Il feretro è stato portato a braccia tra due ali di dipendenti regionali, rappresentanti istituzionali e politici, conoscenti o semplici cittadini sino all’aula del Consiglio dove è stato sistemato il catafalco. Davanti la vedova, Maria Grazia, i figli Giuseppe ed Anna, il suocero Mario Laganà, presidente onorario della Margherita calabrese.

Numerosi i politici e gli amici di Fortugno che già dall’apertura della camera ardente si sono recati a testimoniare il loro affetto alla famiglia. Tra i primi il presidente della Regione, Agazio Loiero, che ha lungamente abbracciato il figlio della vittima. Tanta commozione tra coloro che con Francesco Fortugno avevano lavorato sino a domenica scorsa.

"Una sfida che richiede misure straordinarie". Enzo Bianco, presidente del Comitato parlamentare di controllo sui servizi di sicurezza, ha detto che l’omicidio di Francesco Fortugno è "una sfida allo Stato" che richiede "una risposta molto ferma" anche con il ricorso ad "azioni e misure straordinarie". Giuseppe Pisanu, ministro dell’Interno, ha assicurato il massimo impegno del governo nel contrasto alla criminalità organizzata calabrese : "La Calabria - ha detto il ministro - è la Regione nella quale massima è la violenza e l’aggressività. Il recente, drammatico episodio, anche nelle modalità con le quali è stato compiuto l’attentato, lo conferma". Sull’assassinio di Fortugno, il ministro dell’Interno riferirà giovedì alla Camera. (18 ottobre 2005)


Répondre à cet article

Forum