Oslo

NORVEGIA. Allarme nucleare, spento reattore.

samedi 9 septembre 2006.
 

Nella notte uno dei due impianti nucleari del paese ha superato i livelli minimi di sicurezza delle radiazioni. Subito fermato

Allarme in Norvegia, spento reattore "Nessuna fuga di radioattività" (www.repubblica.it, 09.09.2006)

OSLO - Nessuna centrale nucleare in Norvegia, solo due piccoli reattori per la ricerca. Uno dei quali, ieri notte, è stato spento d’urgenza in seguito alla rilevazione al suo interno "di elevati valori di radioattività" che hanno fatto scattare il sistema di allarme. Lo ha annunciato l’Agenzia norvegese di protezione dalla radioattività, secondo la quale la situazione è "sotto controllo" e non ci sono state fughe radioattive all’esterno.

"Verso le 3:00 di notte - si legge in un comunicato dell’Agenzia - l’allarme del reattore dell’Istituto tecnico per l’energia, a Kjeller, è scattato. Il reattore è stato immediatamente fermato, ma nessuna radioattività al di sopra dei valori normali è stata rilevata all’esterno".

Ingar Amundsen, consigliere dell’Agenzia, ha confermato che livelli anormali di radioattività sono stati constatati misurati del circuito primario del reattore, ma non all’esterno dell’edifico che lo ospita.

"La situazione è sotto controllo - ha proseguito Amundsen - il reattore è stato chiuso e tutte le misure d’urgenza sono state prese. Quello che faremo adesso è di cercare di prendere altre misure per l’esterno, in modo da assicurare che non si verifichi alcuna perdita". "Finora - ha precisato Amundsen - non è stata rilevata alcuna perdita al di fuori dell’arginatura".

Il responsabile ha detto che è ancora troppo presto per dire quale siano state le cause dell’incidente, ma che "potrebbe essersi trattato d’una perdita a livello della guaina metallica contenente il combustibile nucleare". Benchè Amundsen abbia dichiarato che l’Agenzia prende la faccenda molto seriamente, la popolazione civile che vive nella zona non è stata evacuata.

Kjeller si trova a circa 25 chilometri dalla capitale Oslo.

(9 settembre 2006)


Répondre à cet article

Forum