ITALIA. LA PAROLA RUBATA...

INTERCETTAZIONI ?! "ALLEGRIA" !!! TUTTA L’ITALIA E’ IMBAVAGLIATA E SENZA PIU’ "PAROLA" GIA’ DA TEMPO !!! TUTTO IL PARLAMENTO CANTA ORMAI UN SOLO INNO, QUELLO DEL PARTITO "Forza Italia" !!! Una nota della Federazione europea dei giornalisti e di Marco Travaglio - a cura di pfls

lundi 16 juin 2008.
 
[...] Personalmente, annuncio fin d’ora che continuerò a informare i lettori senza tacere nulla di quel che so. Continuerò a pubblicare, anche testualmente, per riassunto, nel contenuto o come mi gira, atti d’indagine e intercettazioni che riuscirò a procurarmi, come ritengo giusto e doveroso al servizio dei cittadini. Farò disobbedienza civile a questa legge illiberale e liberticida. A costo di finire in galera, di pagare multe, di essere licenziato. Al primo processo che subirò, chiederò al giudice di eccepire dinanzi alla Consulta e alla Corte europea la illegittimità della nuova legge rispetto all’articolo 21 della Costituzione e all’articolo 10 della Convenzione europea sui diritti dell’uomo e le libertà fondamentali (« Ogni persona ha diritto alla libertà d’espressione. Tale diritto include la libertà d’opinione e la libertà di ricevere o di comunicare informazioni o idee senza che vi possa essere ingerenza da parte delle autorità pubbliche », con possibili restrizioni solo in caso di notizie « riservate » o dannose per la sicurezza e la reputazione). Mi auguro che altri colleghi si autodenuncino preventivamente insieme a me e che la Federazione della Stampa, l’Unione Cronisti, l’associazione Articolo21, oltre ai lettori, ci sostengano in questa battaglia di libertà. Disobbedienti per informare. Arrestateci tutti [...]

Intercettazioni, i giornalisti europei contro Alfano *

L’assemblea della Federazione europea dei giornalisti, riunita a Berlino, ha votato all’unanimità un documento di condanna della stretta sulle intercettazioni voluta dal governo italiano e le sanzioni penali previste contro i giornalisti.

« L’assemblea annuale della Federazione europea dei giornalisti - si legge nel testo approvato reso noto dalla Fnsi, presente a Berlino con il presidente Roberto Natale, il segretario Franco Siddi e col direttore Giancarlo Tartaglia - condanna il progetto di legge del governo italiano che, con la scusa della privacy, vuole stabile sanzioni penali - fino a tre anni di carcere - per i giornalisti che pubblichino informazioni o citino notizie di inchieste giudiziarie. È il caso soprattutto delle intercettazioni telefoniche disposte dalla magistratura. Questa è un’iniziativa - prosegue il documento - che mette il bavaglio ai giornalisti e impedisce ai cittadini di essere informati su temi d’interesse pubblico compresi nelle inchieste giudiziaria ».

« Questo modo di procedere - è scritto ancora - è contrario ai principi universali dei diritti dei media e della loro funzione nelle democrazie moderne. I giornalisti, infatti, non devono nascondere le informazioni d’interesse generale, sia originate da fonti libere sia da fonti confidenziali, che essi hanno il dovere di proteggere. Il progetto di legge del governo italiano è contrario alle convenzioni internazionali e alla giurisprudenza della Corte europea dei diritti dell’uomo. L’assemblea annuale della Fej sostiene il sindacato dei colleghi italiani, la Fnsi, nel suo contrasto, nella sua opposizione contro il disegno di legge e fa appello al Parlamento italiano a non approvarlo o a modificarlo profondamente ».

Articolo 21 : disegno di legge anticostituzionale « La magistratura potrebbe sollevare un conflitto di attribuzione davanti alla corte costituzionale perchè il disegno di legge sulle intercettazioni limita la sua autonomia. La norma costituzionale che sarebbe violata è l’art.112 che prevede l’obbligo per il pm di esercitare l’azione penale. Questa norma verrebbe svuotata se il pm non avesse i mezzi per condurre l’azione penale... ». È il parere autorevole dell’avvocato Domenico D’Amati, presidente del comitato giuridico di Articolo21 che interviene sul sito dell’associazione sul tema del ddl sulle intercettazioni.

« Non è difficile prevedere che - afferma D’Amati se il disegno di legge sulle intercettazioni sarà approvato dalle Camere e se la legge approvata sarà promulgata dal Presidente della Repubblica, Berlusconi avrà il suo caso Guantanamo davanti alla Corte Costituzionale. Il primo magistrato cui sarà chiesto di condannare alla reclusione un giornalista per aver dato notizia delle malefatte di qualche esponente della casta, emerse da intercettazioni in sede giudiziaria, manderà gli atti alla Consulta perchè annulli la nuova legge. E la Corte Costituzionale non sarà la sola a sancire l’abnormità di questo tentativo di ritorno ai tempi bui, perchè non mancheranno certo di pronunciarsi la Corte Europea dei Diritti dell’Uomo e la Corte di Giustizia dell’Unione ».

Per D’Amati, « un’altra ragione che potrà portare la legge sulle intercettazioni davanti alla Corte Costituzionale è che essa si presenta come attentato all’autonomia della magistratura. Per l’art. 112 della Costituzione, il Pubblico Ministero ha l’obbligo di esercitare l’azione penale. Questa norma sarebbe svuotata del suo contenuto, se il Pubblico Ministero fosse privato della possibilità di ricorrere, in caso di necessità, allo strumento delle intercettazioni ».

Giulietti : proposta Alfano è un bavaglio ai giornalisti « La proposta presentata, dal ministro Alfano in materia di intercettazioni, per quanto riguarda il diritto di cronaca è letteralmente irricevibile ». Lo afferma Giuseppe Giulietti, portavoce di articolo 21. « Non è solo e soltanto un tentativo di mettere un bavaglio ai cronisti e agli editori - sostiene - ma è anche e soprattutto il tentativo di mettere una benda sugli occhi e sulle orecchie dei cittadini italiani. Se tali norme dovessero essere mai approvate non favorirebbero il diritto sacrosanto alla privacy delle persone, bensì aumenterebbero i ricatti incrociati e il commercio clandestino dei dossier. Il cronista che entrerà in possesso di notizie di particolare rilevanza sociale non potrà che pubblicarle pena la violazione del codice deontologico e della legge professionale del 1963. Questo principio del resto è stato riconosciuto anche dai giudici di Strasburgo. Agli editori ed ai cronisti non resterebbe che ricorrere alla obiezione di coscienza facendo prevalere i valori contenuti nell’Articolo 21 della Costituzione. Nelle prossime ore - conclude - l’associazione ’Articolo 21’ costituirà in Europa ed in Italia un comitato di giuristi che avranno il compito di seguire l’iter della legge e di controllarla in tutte le sedi possibili ».

Bindi : no ai privilegi per i parroci « Sono assolutamente contraria a una norma che crei privilegi per qualunque esponente di qualsiasi religione ». Così Rosy Bindi, intervistata da Lucia Annunziata nel corso di "In mezz’ora", ha commentato il ddl sulle intercettazioni che prevede che per intercettare un prete si debba avvisare il vescovo. Alla conduttrice, che le fa notare come questa norma fosse presente anche nel disegno di legge preparato da Clemente Mastella, la vicepresidente della Camera ha risposto : « Se questa norma c’era, io non me ne ero accorta e chiedo scusa, perchè sono contraria a questo provvedimento. Posso solo dire : meno male che non è stato approvato ».

Bonelli (Verdi) : aria di regime Per Angelo Bonelli dei Verdi « anche la stampa europea sente aria di regime in Italia. Per questa ragione oggi da Berlino ha fortemente criticato il disegno di legge sulle intercettazioni varato dal governo Berlusconi che, non solo rischia di imbavagliare il diritto all’informazione dei cittadini, ma che lega le mani su reati gravi alla magistratura, commentando il documento votato all’unanimità dall’assemblea della Federazione europea dei giornalisti.

« La destra - aggiunge l’esponente del Sole che ride - vuole far assomigliare sempre più il nostro Paese ad un regime sud americano minacciando con il carcere i cronisti e mandando l’esercito per le strade per l’ordine pubblico ». « Il disegno di legge sulle intercettazioni è un attacco alla libertà d’informazione dei cittadini e mina fortemente la capacità di indagine della magistratura ma, soprattutto, rischia di far diventare l’Italia la zimbella d’Europa - ha concluso Bonelli - Non esiste nulla di simile in nessun altro Paese europeo ».

* l’Unità, Pubblicato il : 15.06.08, Modificato il : 16.06.08 alle ore 11.33


Intercettazioni : e allora arrestateci tutti

di Marco Travaglio *

L’altro giorno, fingendo di avanzare un’« ipotesi di dottrina », Giovanni Sartori ha messo in guardia sulla Stampa dai « dittatori democratici » e ha spiegato : « Con Berlusconi il nostro resta un assetto costituzionale in ordine, la Carta della Prima Repubblica non è stata abolita. Perché non c’è più bisogno di rifarla : la si può svuotare dall’interno ».

« Si impacchetta la Corte costituzionale, si paralizza la magistratura. si può lasciare tutto intatto, tutto il meccanismo di pesi e contrappesi. E di fatto impossessarsene, occuparne ogni spazio. Alla fine rimane un potere ’transitivo’ che traversa tutto il sistema politico e comanda da solo ». Non poteva ancora sapere quel che sarebbe accaduto l’indomani : il governo non solo paralizza la magistratura, ma imbavaglia anche l’informazione abolendo quella giudiziaria. E, per chi non avesse ancora capito che si sta instaurando un regime, sguinzaglia pure l’esercito per le strade. Nei giorni scorsi abbiamo illustrato i danni che il ddl Berlusconi-Ghedini-Alfano sulle intercettazioni provocherà sulle indagini e i processi. Ora è il caso di occuparci di noi giornalisti e di voi cittadini, cioè dell’informazione. Che ne esce a pezzi, fino a scomparire, per quanto riguarda le inchieste della magistratura. Il tutto nel silenzio spensierato e irresponsabile delle vestali del liberalismo e del garantismo un tanto al chilo. Che, anzi, non di rado plaudono alle nuove norme liberticide. Non si potrà più raccontare nulla, ma proprio nulla, fino all’inizio dei processi. Cioè per anni e anni. Nemmeno le notizie « non più coperte da segreto », perché anche su quelle cala un tombale « divieto di pubblicazione » che riguarda non soltanto gli atti e le intercettazioni, ma anche il loro « contenuto ». Non si potrà più riportarli né testualmente né « per riassunto ». Nemmeno se non sono più segreti perché notificati agli indagati e ai loro avvocati. Niente di niente. L’inchiesta sulla premiata macelleria Santa Rita, con la nuova legge, non si sarebbe mai potuta fare. Ma, anche se per assurdo si fosse fatta lo stesso, i giornali avrebbero dovuto limitarsi a comunicare che erano stati arrestati dei manager e dei medici : senza poter spiegare il perché, con quali accuse, con quali prove.

Anche l’Italia, come i regimi totalitari sudamericani, conoscerà il fenomeno dei desaparecidos : la gente finirà in galera, ma non si saprà il perché. Così, se le accuse sono vere, le vittime non ne sapranno nulla (i famigliari dei pazienti uccisi nella clinica milanese, che stanno preparando una class action contro i medici assassini, sarebbero ignari di tutto e lo resterebbero fino all’apertura del processo, campa cavallo). Se le accuse invece sono false (come nel caso di Rignano Flaminio, smontato dalla libera stampa), l’opinione pubblica non potrà più sapere che qualcuno è stato ingiustamente arrestato, né come si difende : insomma verrà meno il controllo democratico dei cittadini sulla Giustizia amministrata in nome del popolo italiano.

Chi scrive qualcosa è punito con l’arresto da 1 a 3 anni e con l’ammenda fino a 1.032 euro per ogni articolo pubblicato. Le due pene - detentiva e pecuniaria - non sono alternative, ma congiunte. Il che significa che il carcere è sempre previsto e, anche in un paese dov’è difficilissimo finire dentro (condizionale fino a 2 anni, pene alternative fino a 3), il giornalista ha ottime probabilità di finirci : alla seconda o alla terza condanna per violazione del divieto di pubblicazione (non meno di 9 mesi per volta), si superano i 2 anni e si perde la condizionale ; alla quarta o alla quinta si perde anche l’accesso ai servizi sociali e non resta che la cella. Checchè ne dica l’ignorantissimo ministro ad personam Angelino Alfano.

E non basta, perché i giornalisti rischiano grosso anche sul fronte disciplinare : appena uno viene indagato per aver informato troppo i suoi lettori, la Procura deve avvertire l’Ordine dei giornalisti affinchè lo sospenda per 3 mesi dalla professione. Su due piedi, durante l’indagine, prim’ancora che venga eventualmente condannato. A ogni articolo che scrivi, smetti di lavorare per tre mesi. Se scrivi quattro articoli, non lavori per un anno, e così via.Così ti passa la voglia d’informare. Anche perché, oltre a pagare la multa, finire dentro e smettere di lavorare, rischi pure di essere licenziato. D’ora in poi le aziende editoriali dovranno premunirsi contro eventuali pubblicazioni di materiale vietato, con appositi modelli organizzativi, perché il « nuovo » reato vien fatto rientrare nella legge 231 sulla responsabilità giuridica delle società. Significa che l’editore, per non vedere condannata anche la sua impresa, deve dimostrare di aver adottato tutte le precauzioni contro le violazioni della nuova legge. Come ? Licenziando i cronisti che pubblicano troppo e i direttori che glielo consentono. Così usciranno solo le notizie che interessano agli editori :quelle che danneggiano i loro concorrenti o i loro nemici (nel qual caso l’editore si sobbarca volentieri la multa salatissima prevista dalla nuova legge, da 50 mila a 400 mila euro per ogni articolo, e accetta di buon grado il rischio di veder finire in tribunale la sua società). La libertà d’informazione dipenderà dalle guerre per bande politico-affaristiche tra grandi gruppi. E tutte le notizie non segrete non pubblicate ? Andranno ad alimentare un sottobosco di ricatti incrociati e di estorsioni legalizzate : o paghi bene, o ti sputtano. Ultima chicca : il sacrosanto diritto alla rettifica di chi si sente danneggiato o diffamato, già previsto dalla legge attuale, viene modificato nel senso che la rettifica dovrà uscire senza la replica del giornalista. Se Tizio, dalla cella di San Vittore, scrive al giornale che non è vero che è stato arrestato, il giornalista non può nemmeno rispondere che invece è vero, infatti scrive da San Vittore. A notizia vera si potrà opporre notizia falsa, senza che il lettore possa più distinguere l’una dall’altra. Tutto ciò, s’intende, se i giornalisti si lasceranno imbavagliare senza batter ciglio.

Personalmente, annuncio fin d’ora che continuerò a informare i lettori senza tacere nulla di quel che so. Continuerò a pubblicare, anche testualmente, per riassunto, nel contenuto o come mi gira, atti d’indagine e intercettazioni che riuscirò a procurarmi, come ritengo giusto e doveroso al servizio dei cittadini. Farò disobbedienza civile a questa legge illiberale e liberticida. A costo di finire in galera, di pagare multe, di essere licenziato. Al primo processo che subirò, chiederò al giudice di eccepire dinanzi alla Consulta e alla Corte europea la illegittimità della nuova legge rispetto all’articolo 21 della Costituzione e all’articolo 10 della Convenzione europea sui diritti dell’uomo e le libertà fondamentali (« Ogni persona ha diritto alla libertà d’espressione. Tale diritto include la libertà d’opinione e la libertà di ricevere o di comunicare informazioni o idee senza che vi possa essere ingerenza da parte delle autorità pubbliche », con possibili restrizioni solo in caso di notizie « riservate » o dannose per la sicurezza e la reputazione). Mi auguro che altri colleghi si autodenuncino preventivamente insieme a me e che la Federazione della Stampa, l’Unione Cronisti, l’associazione Articolo21, oltre ai lettori, ci sostengano in questa battaglia di libertà. Disobbedienti per informare. Arrestateci tutti.

* l’Unità, Pubblicato il : 15.06.08, Modificato il : 15.06.08 alle ore 15.19


Sul tema, nel sito, si cfr. :

-   E’ tutto finito ? La lezione di Antonino Caponnetto : "Nessuno di noi, e io meno di chiunque altro, puo’ dire che ormai tutto e’ finito" (Una preghiera laica ma fervente) !!!
-  RESTITUITEMI IL MIO URLO !!! IL GIORNO DELLA MEMORIA E LA DIGNITA’ DELL’ ITALIA, 27 GENNAIO 2008.
-  IL TRUCCO DELLO SPECCHIETTO DELLE ALLODOLE FUNZIONA ANCORA E LA CARTA DI IDENTITA’ DI TUTTI GLI ITALIANI E DI TUTTE LE ITALIANE E’ RIDOTTA IN POLTIGLIA .... DALLA CINA UNA GRANDE LEZIONE !!!
-  L’aver dimenticato l’importanza della Parola ci sta portando direttamente nelle fauci della guerra civile e al suicidio culturale, politico e sociale.

AVANTI !!! A "REGIME LEGGERO", FINO ALLA CATASTROFE .... L’ ITALIA IPNOTIZZATA. TUTTO IL PARLAMENTO CANTA ALLEGRAMENTE : "FORZA ITALIA" - L’INNO DI UN SOLO PARTITO !!! L’ECCEZIONE E’ LA REGOLA. Un commento di Giuseppe D’Avanzo


Répondre à cet article

Forum