ITALIA, 2008. GOMORRA PUBBLICA...

SEMAFORI TRUCCATI E MULTE A VOLONTA’. GLI "ALLEVATORI PUBBLICI" ALL’ATTACCO : "MUNGIAMO" TUTTO A TUTTI. La Guardia di finanza ha accertato manipolazioni di appalti in oltre trenta comuni, così al Nord come al Sud.

jeudi 18 septembre 2008.
 
[...] Un « cartello » occulto che, con la complicità di funzionari comunali o di comandanti della polizia municipale incastrati da email, « promuoveva, organizzava e coordinava l’attività » per garantirsi e « favorire l’acquisizione di contratti con enti pubblici ». Il loro fine, scrive il gip, non era la sicurezza stradale, e difatti il vigile elettronico non finiva in prossimità di asili o giardini pubblici, ma veniva piazzato su vie a scorrimento veloce, garantendo di conseguenza maggiori incassi dalle multe [...]

-  ERa stata di fatto azzerata la pausa tra il giallo e il rosso : così scattava l’infrazione

-  Semafori truccati per lucrare sulle multe
-  Rilevatori tarati ad arte. Quattro arresti e decine di indagati tra vigili e funzionari, una trentina di comuni nei guai
*

MILANO - Truccavano i semafori. E truccavano le gare d’appalto per piazzare il loro diabolico apparecchio, il T-Red, sulle strade di quei comuni d’Italia che, andando in cerca di sicurezza stradale, contravvenzione dopo contravvenzione hanno riempito le casse e svuotato le tasche degli automobilisti. Che ora, a migliaia, secondo il Codacons, potranno chiedere di annullare le multe.

Una associazione per delinquere, sostiene la procura di Milano. Un « cartello » occulto che, con la complicità di funzionari comunali o di comandanti della polizia municipale incastrati da email, « promuoveva, organizzava e coordinava l’attività » per garantirsi e « favorire l’acquisizione di contratti con enti pubblici ». Il loro fine, scrive il gip, non era la sicurezza stradale, e difatti il vigile elettronico non finiva in prossimità di asili o giardini pubblici, ma veniva piazzato su vie a scorrimento veloce, garantendo di conseguenza maggiori incassi dalle multe.

Con questa accusa, su richiesta del pm Alfredo Robledo e per decisione del gip Andrea Ghinetti, sono finiti agli arresti Raul Cairoli, 38 anni, amministratore unico della Ci.ti.Esse srl di Rovellasca (Como) ; Giuseppe Astorri, 51 anni, direttore commerciale della Scae spa ; Simone Zari, 43 anni, socio e amministratore di fatto della Centro Servizi srl ; e Antonino Tysserand, 50 anni, amministratore unico della Tecnotraffico srl e titolare della ditta individuale Tecnologie per il traffico. Cairoli, considerato « promotore del cartello », è finito in cella, gli altri agli arresti domiciliari.

La Guardia di finanza ha accertato manipolazioni di appalti in oltre trenta comuni, così al Nord come al Sud. E si è scoperto che in alcuni casi, grazie agli accordi sotterranei con gli amministratori pubblici, alle gare per l’affidamento della fornitura delle telecamere e degli autovelox - gare a trattativa privata - venivano invitate soltanto le imprese affiliate al cartello gestito dagli arrestati. E altre volte, invece, venivano inseriti nei bandi di gara requisiti tali da escludere di fatto le aziende estranee al sodalizio. Anziché acquistare le apparecchiature che fotografano chi passa col rosso, i Comuni venivano invitati a noleggiarle affidando poi alle stesse società inquisite la loro manutenzione e la taratura. Taratura « opportunamente » eseguita, ha stabilito la consulenza della procura di Milano, così da moltiplicare le multe intervenendo sui tempi di passaggio del semaforo dal giallo al rosso. Perché non era il giallo a durare pochi secondi, ma il rosso a scattare senza la giusta pausa che concede a chi guida il corretto tempo di reazione per decidere, come prevede il codice della strada, se liberare l’incrocio in fretta oppure arrestarsi allo stop.

Biagio Marsiglia

* Corriere della Sera, 18 settembre 2008


Répondre à cet article

Forum