La lotta continua

Sit-in di protesta a Roma contro il Conservatorio di musica di Cosenza

Enzo Gigliotti da anni combatte contro l’esclusione del figlio dai corsi del Conservatorio di Cosenza
venerdì 15 aprile 2011.
 

E’ determinato a portare avanti la propria protesta "fino alla soluzione della vicenda", Enzo Gigliotti, di San Giovanni in Fiore che giovedý 14 aprile tornerÓ in strada, a Roma, davanti alla sede del Ministero dell’Istruzione "per chiedere - dice - che sia ristabilito il diritto per mio figlio quindicenne, con problemi di salute, a frequentare il Conservatorio di musica di Cosenza". Da qualche anno, Gigliotti, protagonista di analoghe iniziative di protesta pacifica davanti alla sede del dicastero, lamenta di essere stato penalizzato dai "sistemi di ammissione ai corsi" dell’istituzione scolastica cosentina precisando, inoltre, di essere stato costretto a iscrivere il figlio, Francesco Luigi, "proprio per gli accanimenti subiti", al Conservatorio di Vibo. Gigliotti ha comunicato la decisione di manifestare davanti alla sede del Ministero al Questore di Roma. Gigliotti ha anche annunciato che nel corso della manifestazione esibirÓ dei cartelli e distribuirÓ materiale informativo in cui si ricostruisce la vicenda riguardante il figlio. "Il ragazzo - spiega - vive uno stato di prostrazione fisica e psicologica a seguito di questa brutta vicenda. Se disgraziatamente dovesse accadergli qualcosa, il Ministero sarÓ chiamato direttamente alle sue responsabilitÓ. Nessuno confonda, comunque, uno stato di esasperazione con minacce di alcun tipo".

di: Ansa


Rispondere all'articolo

Forum